Home > Politica Estera > Economia > Cooperazione Economica > Debito Estero
Aumenta la dimensione del testoRiduci la dimensione del testoCondividiMailAggiungi questo articolo a FacebookAggiungi questo articolo a TwitterAggiungi questo articolo a LinkedinAggiungi questo articolo a Google+

Decreto 9 nov 1999

Gazzetta Ufficiale n. 270 del 17-11-1999


MINISTERO DEL TESORO, DEL BILANCIO E DELLA PROGRAMMAZIONE ECONOMICA


Disposizioni concernenti la conversione del debito dei Paesi in via di sviluppo ai sensi dell'art. 54 della legge 27 dicembre 1997, n. 449.


IL MINISTRO DEL TESORO, DEL BILANCIO E DELLA PROGRAMMAZIONE ECONOMICA di concerto con IL MINISTRO DEGLI AFFARI ESTERI e IL MINISTRO DEL COMMERCIO CON L'ESTERO

  • Visto l' 'art. 26, secondo comma, della legge 24 maggio 1977, n. 227, con il quale e' stato istituito presso il Mediocredito centrale un apposito fondo rotativo per le operazioni di cui all'art. 26, primo comma 7 della legge 24 maggio 1977, n. 227;
  • Vista la legge 26 febbraio 1987, n. 49, recante "Nuova disciplina della cooperazione dell'Italia con i Paesi in via di sviluppo";
  • Considerato che in attuazione del comma 3 dell'art. 6 della suddetta legge n. 49/1987, le disponibilita' finanziarie di cui al citato art. 26 della legge n. 227/1977, confluiscono al fondo rotativo costituito presso il Mediocredito centrale;
  • Visto che l'art. 6, comma 1, della legge n. 49/1987, stabilisce che il Ministro del tesoro, su proposta del Ministro degli affari esteri, autorizza il Mediocredito centrale a concedere, anche in consorzio con enti e banche esteri, a Stati, banche centrali o enti di Stato di Paesi in via di sviluppo, crediti finanziari agevolati a valere sul fondo rotativo sopra richiamato;
  • Visto l'art. 2, comma 36, della legge 23 dicembre 1996, n. 662, recante: "Misure di razionalizzazione della finanza pubblica" (collegato alla legge finanziaria 1997), come modificato dall'art. 54 della legge 27 dicembre 1997, n. 449 (collegato alla legge finanziaria 1998), con il quale prevede che il Ministro del tesoro, del bilancio e della programmazione economica, con decreto adottato di concerto col Ministro degli affari esteri ed il Ministro del commercio con l'estero, puo' autorizzare e disciplinare, a fronte dei crediti concessi a valere sul predetto fondo rotativo, operazioni di conversione in attivita' di protezione ambientale, sviluppo socio economico e commerciali dei debiti dei Paesi in via di sviluppo per i quali sia intervenuto un accordo in tal senso tra i Paesi creditori;
  • Considerato che la possibilita' di convertire i crediti vantati nei confronti dei Paesi debitori a seguito della concessione di crediti d'aiuto e' contemplata nell'ambito delle intese multilaterali, quali strumento aggiuntivo per alleviare l'onere del debito estero promuovendo nel contempo iniziative a beneficio del Paese debitore;
  • Considerato che il gia' citato art. 2, comma 36, della legge n. 662/1996, come modificato dall'art. 54 della legge n. 449/1997, prevede che i suddetti crediti possono essere convertiti anche per un valore inferiore a quello nominale;
  • Atteso che ai sensi di quanto stabilito nello stesso art. 2, comma 36, della legge n. 662/1996, come modificato dall'art. 54 della legge n. 449/1997 le disponibilita' finanziarie derivanti dalle suddette operazioni di conversione, qualora non utilizzate per realizzare attivita' di protezione ambientale, sviluppo socio economico e commerciali nei Paesi debitori, confluiscono al conto corrente intestato al fondo rotativo ex art. 6 legge n. 49/1987, in essere presso la Tesoreria centrale dello Stato e possono esser utilizzate per le finalita' indicate nello stesso articolo, comma 36, legge n. 662/1996, nonche' per le attivita' previste dalla legge n. 227/1977 e per le esigenze finanziarie del fondo rotativo di cui all'art. 6 della legge n. 49/1987;
  • Ravvisata l'esigenza di provvedere all'emanazione del decreto di autorizzazione come pure alla definizione della disciplina delle operazioni di conversione previste nel citato art. 2, comma 36, della legge n. 662/1996, come modificato dall'art. 54 della legge n. 449/1997;
  • Vista la legge 14 gennaio 1994, n. 20, recante disposizioni in materia di giurisdizione e controllo della Corte dei conti ed in particolare l'art. 3, relativo al controllo preventivo di legittimita' sugli atti non aventi forza di legge;

Decreta:


Art. 1.

Disposizioni generali


Il Ministro del tesoro, del bilancio e della programmazione economica - Dipartimento del tesoro, di concerto con il Ministro degli affari esteri - Direzione generale per la cooperazione allo sviluppo e con il Ministro del commercio con l'estero - Direzione generale promozione degli scambi ed internazionalizzazione delle imprese - e' autorizzato ad effettuare, a fronte di crediti di aiuto concessi sul fondo rotativo previsto dall'art. 6 della legge n. 49/1987, operazioni di conversione dei debiti dei Paesi per i quali sia intervenuta una intesa multilaterale in tal senso fra i Paesi creditori partecipanti al Club di Parigi, in attivita' di protezione ambientale e sviluppo socioeconomico, prevalentemente rientranti nelle finalita' previste dalla vigente normativa sull'aiuto pubblico allo sviluppo ed in conformita' alle disposizioni nel presente decreto. Tali iniziative possono essere attuate anche attraverso finanziamenti, cofinanziamenti e contributi a fondi espressamente destinati alla realizzazione delle suddette attivita'. A tal fine e' acquisito per le vie diplomatiche, l'assenso del governo del Paese debitore. Le operazioni di conversione possono essere effettuate tramite una controparte bancaria o in ambito intergovernativo.


Art. 2.

Controparti


Qualora si faccia ricorso all'intesa intergovernativa, le modalita' delle operazioni di conversione saranno contenute in specifici accordi bilaterali, intervenuti con i singoli Paesi debitori. Qualora si faccia ricorso all'intermediazione bancaria, previa intesa intergovernativa, le controparti con le quali possono essere effettuate le operazioni di conversione di cui al precedente art. 1, devono essere individuate esclusivamente nell'ambito delle controparti bancarie piu' attive sul mercato, fra quelle di elevata affidabilita' internazionale che abbiano ricevuto una valutazione di qualita' del debito di livello "investment grade" rilasciata da almeno una delle principali agenzie di valutazione internazionale (rating agencies). In relazione a ciascuna operazione di conversione la scelta della controparte e' effettuata di norma mediante una procedura competitiva tale da consentire il raffronto fra piu' offerte ed assicurare la massima trasparenza ed il miglior risultato, tenuto conto, fra l'altro della natura, della scadenza e della possibilita' di realizzazione dei crediti.


Art. 3.

Crediti eleggibili per le operazioni di conversione


Nel rispetto dei principi generali della trasparenza e della comparabilita' di trattamento tra i Paesi creditori, le operazioni di conversione devono riferirsi ai crediti che sono oggetto di intese multilaterali di ristrutturazione fra il Paese debitore e i Paesi creditori partecipanti al Club di Parigi.


Art. 4.

Prezzo di conversione e modalita' d'attuazione


Le operazioni di conversione dei crediti, attraverso la modalita' dell'intermediazione bancaria previste all'art. 2 del presente decreto riguarderanno i crediti per i quali il prezzo offerto sia ritenuto congruo in sede di valutazione delle offerte di cui al successivo art. 5. La conversione e' effettuata mediante l'affidamento alla controparte, di norma bancaria, di specifico mandato, da parte del Ministro del tesoro, del bilancio e della programmazione economica - Dipartimento del tesoro, di concerto con il Ministro degli affari esteri - Direzione generale cooperazione sviluppo e con il Ministro del commercio con l'estero - Direzione generale promozione degli scambi ed internazionalizzazione delle imprese che disciplini tra l'altro le modalita' e i termini dei relativi pagamenti.


Art. 5.

Procedimento operativo


Il Ministero del tesoro, del bilancio e della programmazione economica - Dipartimento del tesoro, dopo l'individuazione, di concerto con il Ministero degli affari esteri - Direzione generale cooperazione sviluppo e con il Ministero del commercio con l'estero - Direzione generale promozione degli scambi ed internazionalizzazione delle imprese - ed in base a parametri d'opportunita' e di economicita' dei crediti che saranno oggetto di ciascuna operazione di conversione, invita almeno sette banche, aventi i requisiti previsti all'art. 2, a presentare le proprie offerte per la conversione. Le offerte, pervenute nei termini fissati, sono sottoposte alla valutazione delle amministrazioni di cui al comma 1, che assumono le conseguenti deliberazioni. Il Ministero degli affari esteri provvedera' a notificare alla presidenza del Club di Parigi, nei casi e con le modalita' previste, le operazioni di conversione effettuate.


Art. 6.

Negoziato bilaterale


In caso di accordo intergovernativo, risultante da un negoziato bilaterale diretto condotto con il governo del Paese beneficiario, o di un suo agente, la valuta locale derivante dalla conversione dell'ammontare del credito in base al tasso di conversione concordato sulla base di opportunita' e di economicita', e' vincolata alfinanziamento di attivita' di protezione ambientale e di sviluppo socio economico rientranti nelle finalita' previste dalla vigente normativa italiana sull'aiuto allo sviluppo. La definizione degli interventi da finanziare con le risorse in valuta locale, fino al concorso dell'intero ammontare convertito, e' concordata con il Paese debitore, dal Ministro degli affari esteri - Direzione generale cooperazione sviluppo d'intesa con il Ministero del tesoro, del bilancio e della programmazione economica - Dipartimento del tesoro e con il Ministro del commercio con l'estero- Direzione generale promozione degli scambi ed internazionalizzazione delle imprese, e figura in annesso all'accordo stesso. Altresi', le medesime attivita' potranno essere finanziate attraverso il contributo definitivo nell'accordo intergovernativo, a fondi ad esse espressamente dedicati, cui verranno versate le disponibilita' in valuta locale frutto dell'operazione di conversione. Ne deriva che nei casi disciplinati dal presente articolo, non si genereranno dall'operazione disponibilita' finanziarie da far rifluire sul fondo rotativo.


Il presente decreto sara' pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana.

Roma, 9 novembre 1999


Il Ministro del tesoro, del bilancio e della programmazione economica Amato

Il Ministro degli affari esteri Dini

Il Ministro del commercio con l'estero Fassino

ultima modifica: 21/12/2012

2013 Copyright Ministero Affari Esteri - note legali - privacy - redazione sito esteriW3C XHTML 1.0 - W3C Css