Home > Politica Estera > Economia > Cooperazione Economica > Debito Estero > MDRI
Aumenta la dimensione del testoRiduci la dimensione del testoCondividiMailAggiungi questo articolo a FacebookAggiungi questo articolo a TwitterAggiungi questo articolo a LinkedinAggiungi questo articolo a Google+

L’iniziativa di cancellazione del debito multilaterale - Multilateral Debt Relief Initiative (MDRI)

A seguito dei risultati conseguiti dall’Iniziativa di cancellazione del debito dei paesi più poveri e indebitati (Heavily Indebted Poor Countries Iniatiative - HIPC) in esecuzione della quale ha avuto luogo una serie di cancellazioni debitorie, i paesi del G8 hanno approvato, in occasione del vertice di Gleneagles del giugno 2005, un’ulteriore iniziativa per l’alleggerimento del  debito estero dei PVS, denominata Multilateral Debt Relief Initiative (MDRI).

L’Italia, già fra i promotori dell’Iniziativa HIPC, ha sostenuto sin dall’inizio l’MDRI in ambito G8 dando la piena disponibilità a contribuire al relativo finanziamento.
L’Iniziativa prevede la cancellazione del 100% del debito verso tre Istituzioni Finanziarie Internazionali (IFI): Fondo Monetario Internazionale-FMI, la Banca Mondiale e la Banca Africana di Sviluppo. La MDRI intende principalmente assistere i paesi debitori nel raggiungimento degli Obiettivi del Millennio (Millennium Development Goals-MDGs), individuati in ambito Nazioni Unite, che mirano a dimezzare la povertà entro il 2015.

La MDRI si ricollega alla precedente iniziativa ed in linea di principio assume fra i requisiti per accedere alla cancellazione debitoria a favore dei PVS il raggiungimento del “completion point” dell’Iniziativa HIPC.

Il FMI, accogliendo il suggerimento di numerosi PVS, ha deciso di includere nell’iniziativa anche i Paesi non-HIPC che abbiano un reddito pro-capite annuo inferiore a 380 USD.

Il FMI ha qualificato, per l’Iniziativa MDRI, i Paesi HIPC che hanno raggiunto il “completion point” e 2 Paesi non HIPC (Cambogia e Tajikistan).
Il debito dei suddetti Paesi nei confronti del FMI - già cancellato -  ammonta complessivamente a USD 3,5 miliardi.

La Banca Mondiale ha approvato, nel marzo 2006, i dettagli del finanziamento e dell’attuazione del proprio contributo alla MDRI, che porterà alla cancellazione del debito IDA di alcuni fra i Paesi più poveri. Dalla cancellazione dei debiti IDA - iniziata dal 1 luglio 2006 - è previsto un alleggerimento debitorio di oltre USD 37 miliardi.
Il debito già cancellato dalla Banca Mondiale è pari  a USD 31,7 miliardi.

La Banca Africana di Sviluppo ha definito, nell’aprile 2006, le modalità della propria partecipazione all’Iniziativa. Le cancellazioni debitorie (effettuate da parte del Fondo Africano di Sviluppo) nei confronti dei Paesi africani qualificati e potenzialmente eleggibili all’Iniziativa HIPC comporteranno un alleggerimento di circa USD 8,8 miliardi delle posizioni debitorie dei Paesi stessi.

Il debito già cancellato dalla Banca Africana di Sviluppo è pari a USD 7,7 miliardi.
Inoltre la Banca Interamericana di Sviluppo – BIS ha  adottato, nel marzo 2007, una Iniziativa – complementare alla MDRI –  per la cancellazione del debito dei Paesi latino-americani beneficiari dell’Iniziativa HIPC (Bolivia, Guyana, Haiti, Honduras e Nicaragua). La cancellazione riguarda il debito dei suddetti Paesi nei confronti del Fund for Special Operations (FSO) per un ammontare complessivo di circa USD 4,4 miliardi.

ultima modifica: 21/12/2012

2014 Copyright Ministero Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale - note legali - privacy - redazione sito esteriW3C XHTML 1.0 - W3C Css