Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK Approfondisci

Direzione generale per la cooperazione allo sviluppo

 

Direzione generale per la cooperazione allo sviluppo

Direttore Generale
Pietro Sebastiani

Vice Direttore Generale/Direttore Centrale per gli affari generali e amministrativi della cooperazione

Luca Maestripieri 

Telefono: 06 3691 4215 
                   06 3691 4471 (Segreteria del Direttore Generale)
Fax:           06 3691  4997

 

Ufficio I - Politiche di cooperazione allo sviluppo nell’ambito dell’Unione Europea

Rapporti con l’Unione Europea, in raccordo con la relativa Direzione Generale tematica, per gli aspetti relativi alle strategie e alle politiche di cooperazione allo sviluppo. Consiglio Sviluppo. Relazioni con la Banca Europea per gli Investimenti, nel settore della cooperazione allo sviluppo. Partecipazione ai comitati di esame relativi agli strumenti finanziari europei in materia di cooperazione allo sviluppo (DCI), nonché Fondo Europeo di Sviluppo (FES). Programmi di cooperazione allo sviluppo delegati dall’Unione Europea e iniziative di blending. Erogazione dei contributi al FES.

Ufficio II - Cooperazione allo sviluppo multilaterale

Rapporti con le Organizzazioni Internazionali e con le Istituzioni Finanziarie Internazionali nel settore della cooperazione allo sviluppo. Programmazione e proposta dei contributi volontari alle Organizzazioni Internazionali. Gestione amministrativo-contabile dei contributi obbligatori alle Organizzazioni Internazionali di competenza della DGCS. Rapporti con il Fondo Globale per la lotta all’AIDS, la tubercolosi e la malaria. Rapporti con la Global Partnership for Education.

Ufficio III - Aiuto allo sviluppo a favore dell’Europa Balcanica e Orientale, del bacino del Mediterraneo, del Medio Oriente e dell’Asia Centrale

Indirizzi per la programmazione delle iniziative di cooperazione allo sviluppo nei Paesi e per le popolazioni dell’Europa Balcanica e Orientale, del bacino del Mediterraneo, del Medio Oriente e dell’Asia Centrale. Negoziati degli accordi bilaterali e proposte di crediti di aiuto nell’area geografica di competenza.

Ufficio IV - Aiuto allo sviluppo a favore dell’Africa Sub-Sahariana

Indirizzi per la programmazione delle iniziative di cooperazione allo sviluppo nei Paesi e per le popolazioni dell’Africa sub-Sahariana. Negoziati degli accordi bilaterali e proposte di crediti di aiuto nell’area geografica di competenza.

Ufficio V - Aiuto allo sviluppo a favore dell’Asia, dell’Oceania e delle Americhe

Indirizzi per la programmazione delle iniziative di cooperazione allo sviluppo nei Paesi e per le popolazioni dell’Asia, dell’Oceania e delle Americhe. Negoziati degli accordi bilaterali e proposte di crediti di aiuto nell’area geografica di competenza.

Ufficio VI - Interventi umanitari e di emergenza

Proposta degli interventi di emergenza in ambito bilaterale e multilaterale. Partecipazione ai fori internazionali dedicati al dibattito globale sui temi umanitari. Rapporti con le organizzazioni internazionali e le ONG attive in materia di aiuti di emergenza e umanitari. Partecipazione al Gruppo di Lavoro della UE su aiuti umanitari e alimentari (COHAFA) e rapporti con la Direzione generale per gli aiuti umanitari e la protezione civile (ECHO).

Ufficio VII - Cooperazione allo sviluppo e società civile, organizzazioni non governative e volontariato

Assistenza all’Agenzia nei rapporti con le organizzazioni non governative e altre organizzazioni della società civile. Eventuali seguiti di iniziative delle Organizzazioni non governative non trasferite all’Agenzia.

Ufficio VIII - Programmazione e monitoraggio del bilancio di cooperazione; questioni di genere, diritti dei minori e delle disabilità

Programmazione, indirizzo e coordinamento della politica nazionale di cooperazione allo sviluppo. Documento triennale di programmazione e indirizzo della cooperazione allo sviluppo. Coerenza delle politiche per lo sviluppo. Proposta di programmazione finanziaria degli stanziamenti iscritti nell’allegato allo stato di previsione del MAECI di cui all’art. 14 della Legge 125/2014. Relazione consuntiva di cui all’art. 12 della L. 125/2014 e allegato al rendiconto generale dello Stato sulla cooperazione allo sviluppo. Rapporti con OCSE-DAC ivi inclusa la raccolta ed elaborazione dei dati dell’APS italiano.

Ufficio IX - Valutazione e visibilità delle iniziative

Comunicazione relativa alla cooperazione. Valutazione in itinere ed ex post delle iniziative di cooperazione. Verifica del conseguimento dei risultati mediante un sistema di indicatori misurabili, qualitativi e quantitativi. Attività di controllo e vigilanza dell’Agenzia, inclusa l’istruttoria ai fini dell’approvazione di bilanci e rendiconti.

Ufficio X - Questioni giuridiche e contabili, gestione finanziaria dei crediti d’aiuto

Consulenza giuridica nelle materie di competenza della Direzione Generale, in raccordo con gli altri competenti centri di responsabilità. Gestione finanziaria dei crediti d’aiuto.

Ufficio XI - Gestione e valorizzazione delle risorse strumentali

Adempimenti connessi al trasferimento all’Agenzia delle risorse strumentali già attribuite alla DGCS. Liquidazione delle competenze spettanti per contratti in scadenza al 31 dicembre 2015. Controlli ed esame dei rendiconti provenienti dalle sedi all’estero relativi alle spese di funzionamento delle UTL relative agli esercizi finanziari precedenti al 2016.

Ufficio XII - Gestione e valorizzazione delle risorse umane

Personale di cui all’art. 16 della L. 49/1987, che abbia optato per il mantenimento in servizio presso il MAECI ai sensi dell’art. 32 co. 4 della L. 125/2014. Brevi missioni del personale in servizio presso la DGCS. Liquidazione delle competenze relative a personale a contratto e in comando di competenza della DGCS. Controlli ed esame dei rendiconti provenienti dalle sedi all’estero relativi alle spese di personale delle UTL relative agli esercizi finanziari precedenti al 2016. Questioni di competenza della DGCS relative al trasferimento delle risorse umane dal Ministero all’Agenzia italiana per la cooperazione allo sviluppo.

L’Unità Tecnica centrale è da considerarsi soppressa in considerazione dell’abrogazione dell’art. 12 della legge n. 49 del 1987 che la prevedeva.

 


1030