Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK Approfondisci

Vice Ministro Mario Giro

 

Vice Ministro Mario Giro

Giro: «Scontro pericoloso per l’Europa» (Il Secolo XIX)La Spagna non sta abusando di una posizione di forza nella contrapposizione con le autorità catalane. Però la radicalizzazione dello scontro può divenire pericolosa per tutta l'Europa e bisogna guardare agli...
Giro: «Dobbiamo riformare Dublino perché gli sbarchi non finiranno» (il manifesto)«Il vertice di Parigi ha avuto almeno tre risultati positivi», dice il viceministro degli Esteri Mario Giro. «Il primo è la fine della rivalità franco italiana, non voluta dall’Italia, sulla Libia. Questo...
Giro: «Tra umanitari e istituzionali una fiducia da rinsaldare» (Avvenire)Caro direttore, quello che sta accadendo con la polemica politico-mediatica, le denunce e le relative ricadute giudiziarie sui  salvataggi in mare da parte di imbarcazioni di Ong non deve sorprenderci. Chi...
Giro: "Tenerli in Libia è come spedirli in un inferno" (La Stampa)«Le nostre navi continueranno a raccogliere i migranti. Sarebbe auspicabile, anche quelli ospitati da imbarcazioni bloccate dalla Guardia costiera libica, quando le nostre imbarcazioni siano in condizione di poterlo...
ultimi aggiornamenti

Nato a Roma il 29 luglio 1958, ha vissuto a Bruxelles fino all'età di 15 anni, compiendo gli studi elementari e secondari inferiori alla Scuola Europea di Uccle. Ha conseguito la Maturità scientifica.


Nel 1984 si è laureato in Lettere con una tesi di storia economica all'università di Roma I - La Sapienza.

Membro della Comunità di Sant'Egidio nel 1975, ha partecipato alle attività di sostegno scolastico ai bambini poveri della periferia romana.
Alla metà degli anni ‘80 inizia l’impegno nelle relazioni di dialogo interreligioso, in particolare col mondo musulmano, e la collaborazione all'organizzazione degli Incontri annuali Internazionali di Preghiera per la Pace, fin dalla giornata di Assisi del 1986.

Dal 1989 ha lavorato in Africa per lo sviluppo della Comunità di Sant’Egidio, in special modo in Costa d'Avorio e nel Camerun.

Dall'inizio degli anni '90 si occupa delle relazioni internazionali e delle attività di mediazione per la pace. Dal 1998 al 2013 ha ricoperto la carica di Responsabile delle Relazioni Internazionali della Comunità di Sant'Egidio, venendo coinvolto in diversi processi di mediazione tra cui l'Algeria (1994-5), il Kosovo (1998-9), la RDC e il Burundi (2000), la Costa d'Avorio (2002-2011), la Liberia (2004-5), il Togo (2003), il Darfur (dal 2004), il Nord Uganda (2006-8), la Guinea (2007-11), il Niger (2011), la Libia (2011), la Siria (2012) e la Casamance – Senegal (2012).

Nel 2010 ha ricevuto il Premio per la Pace Preventiva della Fondazione Chirac.

Nel 2012 è stato Consigliere del Ministro della Cooperazione Internazionale e dell’Integrazione, organizzando il Forum della Cooperazione Internazionale di Milano, che ha portato l’Italia a reinvestire nell’area del Sahel e a delineare il futuro assetto istituzionale per la cooperazione.

Il 3 maggio 2013 è stato nominato dal governo Letta Sottosegretario agli Affari Esteri con delega all’America Latina e Centrale, all’Africa australe della SADC, alla promozione della lingua e cultura italiana.

Ha curato il rilancio delle relazioni politiche, commerciali e culturali con l’America Latina, realizzando la VI Conferenza Italia America Latina e proponendo l’avvio dell’anno della cultura “Italia in America Latina”.
Per quel che riguarda la promozione della lingua e cultura italiana, ha lanciato l’Albo degli ex-alunni famosi dei corsi di lingua italiana delle scuole e istituti allo estero famosi, con lo scopo di stabile contatti con gli italofoni.

Il 28 febbraio 2014 è stato confermato dal governo Renzi, mantenendo la competenza in materia di relazioni con l’America Latina e Centrale e la promozione culturale e linguistica. Sono state aggiunte le deleghe agli italiani all’estero ed ai rapporti con il Canada.

Il 29 gennaio 2016 viene nominato, dal Governo Renzi, Vice Ministro degli Esteri con delega alla Cooperazione Internazionale.


1490