Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK Approfondisci

Il Comitato Congiunto

 

Il Comitato Congiunto

Il Comitato Congiunto perla Cooperazione allo Sviluppo è stato istituito dall’art. 21 delle legge 125/2014 ed è l’organo deliberante della Cooperazione italiana. Il Comitato è presieduto dal Ministro degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale o dal Vice Ministro della Cooperazione allo Sviluppo ed è composto dal Direttore Generale per la Cooperazione allo Sviluppo e dal Direttore dell’Agenzia. Ad esso partecipano, senza diritto di voto, i responsabili delle rispettive strutture competenti in relazione alle questioni all’ordine del giorno e i rappresentanti del Ministero dell’Economia e delle Finanze o di altre amministrazioni, qualora siano trattate questioni di rispettiva competenza. Quando si trattano questioni che interessano anche le Regioni e le Province autonome di Trento e di Bolzano, ad esso partecipano, senza diritto di voto, un rappresentante della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome e, per gli ambiti di competenza degli enti locali, un rappresentante delle associazioni rappresentative dei medesimi.

Il Comitato Congiunto  approva tutte le iniziative di cooperazione di valore superiore a due milioni di euro, delibera le singole iniziative da finanziare a valere sul fondo rotativo per i crediti concessionali; definisce la programmazione annuale con riferimento a Paesi e aree di intervento; svolge ogni altra funzione specificata dalla legge n. 125/2014 o dai suoi regolamenti attuativi. Le iniziative di importo inferiore ai due milioni di Euro sono portate dal Direttore dell’Agenzia a conoscenza del Comitato.


24919