L’Italia nel G7/G8

 

I vertici italiani del G8

1° Vertice: 22 - 23 giugno 1980 a Venezia (G7)

Presidente del Consiglio: Francesco Cossiga

I temi in agenda del primo Vertice italiano del 1980 furono prevalentemente economici: contenimento dell’inflazione, politica monetaria, commercio e questione energetica. Si discusse anche delle relazioni con i paesi in via di sviluppo, di rifugiati e di sicurezza. Inoltre, la “crisi degli ostaggi” in Iran e il terrorismo internazionale portarono a due distinte dichiarazioni, una sugli ostaggi diplomatici e una sui dirottamenti. Infine, venne approvato un documento contro l’occupazione dell’Afghanistan da parte delle truppe sovietiche.

2° Vertice: 8 - 10 giugno 1987 a Venezia (G7)

Presidente del Consiglio: Amintore Fanfani

Nel secondo vertice di Venezia del 1987, l’agenda venne ampliata. Oltre alle tradizionali questioni economiche e di sicurezza regionale, vennero trattati temi come la pandemia dell’AIDS, il contrasto alla diffusione delle sostanze stupefacenti, le relazioni tra Est-Ovest, la guerra tra Iran e Iraq, e il terrorismo internazionale.

3° Vertice: 8 - 10 luglio 1994 a Napoli (G7)

Presidente del Consiglio: Silvio Berlusconi

Il terzo vertice italiano si tenne a Napoli nel 1994 e vide la partecipazione per la prima volta della Federazione Russa, con il Presidente Yeltsin presente in qualità di osservatore. Gli argomenti discussi furono prevalentemente economici, come l’occupazione e la crescita, il commercio e lo sviluppo. Furono inoltre trattati i temi relativi all’ambiente, la sicurezza nucleare, la transizione democratica dei paesi dell’ex blocco sovietico, la cooperazione contro il crimine transnazionale e il riciclaggio del denaro sporco.

4° Vertice: 20 - 22 luglio 2001 a Genova (G8)

Presidente del Consiglio, Silvio Berlusconi

Il quarto Vertice italiano si è svolto a Genova nel 2001, ed è stata la prima volta in cui l’Italia ha ospitato il G8 nel suo nuovo formato allargato alla Russia, che dal 1997 era entrata a pieno titolo nel Gruppo dei Grandi. Nel secondo giorno del Vertice, in una Dichiarazione congiunta gli otto leader espressero rammarico per la morte di un giovane manifestante e una ferma condanna delle violenze avvenute durante le proteste di quei giorni. I temi discussi nella dichiarazione finale compresero, la riduzione della povertà e del debito dei paesi in via di sviluppo, le questioni di sicurezza regionale, le opportunità della tecnologia digitale, l’ambiente, la sicurezza alimentare, l’occupazione, la lotta contro la criminalità transnazionale organizzata e la droga.

5° Vertice: 8 - 10 luglio 2009 a L’Aquila (G8)

Presidente del Consiglio: Silvio Berlusconi

I temi al centro della discussione nel quinto vertice italiano sono stati la crisi economica internazionale e le varie crisi regionali, la sicurezza alimentare, la lotta ai cambiamenti climatici e la liberalizzazione del commercio mondiale. I formati ‘allargati’ del Summit dell’Aquila hanno coinvolto i G5 (Brasile, Cina, India, Messico, Sud Africa) l’Egitto, Australia, Indonesia, Corea del Sud in qualità di rappresentanti del MEF (Major Economies Forum), diversi Paesi Africani e sei Organizzazioni Internazionali.

6° Vertice: 2017

G8 2009: la Presidenza Italiana e l’approccio inclusivo

Dal primo gennaio fino al 31 dicembre 2009 l’Italia ha detenuto la Presidenza del G8, caratterizzatasi per un approccio inclusivo rispetto ai Paesi emergenti ed in via di Sviluppo e alle organizzazioni internazionali, con l’obiettivo di risolvere con maggiore efficacia le nuove sfide globali.

Il Vertice dei Capi di Stato e di Governo si è svolto all’Aquila dall’8 al 10 luglio. Sono stati affrontati dai Leaders presenti i più rilevanti temi politici dell’agenda internazionale: l’impegno per fare passi avanti sul fronte della non proliferazione nucleare; la situazione in Iran e Medio Oriente; la lotta al terrorismo; la stabilizzazione della regione Afghanistan-Pakistan e la situazione in Corea del Nord. E poi ancora: la risposta alla crisi economico-finanziaria globale; il ristabilimento della fiducia dei cittadini e il rilancio della crescita su basi più solide e bilanciate, anche attraverso la definizione di nuove regole condivise; l’attenzione alla dimensione sociale e del lavoro; la lotta al protezionismo e la liberalizzazione del commercio; la sicurezza alimentare e la lotta ai cambiamenti climatici.

Il calendario dei lavori è stato arricchito da riunioni ministeriali, tenutesi nel corso dell’anno, su temi specifici quali affari esteri, finanze, commercio, giustizia, sicurezza, ambiente e lavoro. Per la prima volta è stata ospitata una riunione dei Ministri dell’Agricoltura, convocata per approfondire le tematiche della sicurezza alimentare emerse in tutta la loro gravità nel corso del 2008, e che poi hanno rappresentato una costante sia dell’agenda del G20 (Presidenza francese nel 2011, Presidenza messicana nel 2012), sia dell’agenda del G8 (Presidenza USA del 2012).

Data ultimo aggiornamento: 19/08/2014

835