Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK Approfondisci

ONU: il ruolo dell’Italia nel peacekeeping

 

ONU: il ruolo dell’Italia nel peacekeeping

La partecipazione italiana alle missioni ONU concorre in maniera rilevante alla proiezione estera del nostro Paese e risponde alla necessità di salvaguardare la sicurezza nazionale a fronte di minacce che trascendono i confini dello Stato. Il nostro impegno alle missioni di pace ONU è coerente, inoltre, con la tradizionale scelta multilateralista della nostra politica estera e con la convinzione che le Nazioni Unite, grazie alla loro vocazione universale, possano svolgere un insostituibile ruolo a sostegno della stabilizzazione di numerose aree di crisi, in particolare in Medio Oriente e Africa.

L’Italia è primo fornitore, in termini di personale militare e di polizia altamente qualificato, tra i Paesi occidentali e dell’Unione Europea alle operazioni di mantenimento della pace delle Nazioni Unite. L’Italia è inoltre il settimo contributore al bilancio del peacekeeping ONU. La partecipazione alle missioni ONU da parte italiana è particolarmente apprezzata e rappresenta un vero e proprio modello, soprattutto grazie alla capacità di dialogo dei nostri contingenti con le popolazioni locali e alla complementarietà dimostrata tra dimensione civile e militare nelle operazioni di stabilizzazione e mantenimento della pace.

Coerentemente con le priorità di politica estera, l’Italia svolge un ruolo particolarmente rilevante nella missione UNIFIL II nel Sud del Libano, dove sotto il comando del Generale Portolano sono schierati oltre 1.100 militari italiani. Oltre ad una importante presenza in Medio Oriente , l’Italia partecipa a missioni ONU in Asia , in Africa e in Europa.

L’Italia è inoltre attiva nella formazione del personale di polizia, proveniente da numerosi Paesi membri, destinato alle missioni di peacekeeping (nel 2013 circa 1200 unità sono state formate dal Centre of Excellence for the Stability Police Units - CoESPU di Vicenza) e ospita a Brindisi la Base ONU che – quale “Centro Globale di Servizi” – assicura il sostegno logistico a tutte le operazioni di pace dell’ONU nel mondo.

Nella sezione dedicata alle operazioni di pace del sito delle Nazioni Unite (http://www.un.org/en/peacekeeping/resources/statistics/) sono disponibili statistiche aggiornate sulle missioni di pace ONU e sulla partecipazione degli Stati membri.


1461