Disarmo

 

Armi chimiche: a Ypres commemorazione centenario del primo impiego armi chimiche su larga scalaSi è svolta oggi a Ypres, in Belgio, una solenne cerimonia per ricordare il centenario del primo impiego di armi chimiche su larga scala avvenuto nel corso della Prima Guerra Mondiale.Il Direttore Generale dell’Organizzazione...
Organizzazione per la Proibizione delle Armi Chimiche: all’Italia la Presidenza del Consiglio Esecutivo dell’OPACIl Consiglio Esecutivo dell’Organizzazione per la Proibizione delle Armi Chimiche, riunito a L’Aja,ha eletto oggi all’unanimità come suo Presidente l’Ambasciatore Francesco Azzarello, Rappresentante Permanente...
OSCE: Bosnia-Erzegovina, Croazia, Montenegro e Serbia assumono responsabilità applicazione misure disarmo e controllo armamenti prevista da Accordi DaytonNel corso del Consiglio Ministeriale OSCE di Basilea, dove l’Italia è rappresentata dal Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale Paolo Gentiloni, Bosnia-Erzegovina, Croazia, Montenegro...
Esteri-Difesa - Delegazione Ambasciatori Paesi Ue, NATO e Associati, visita Palazzo AeronauticaSabato 29 Novembre, una delegazione di Ambasciatori dei Paesi dell’Unione Europea, della NATO e dei paesi Associati, ha visitato Palazzo Aeronautica, a Roma. L’attività, concepita di concerto tra il Ministero...

ultimi aggiornamenti

Disarmo, controllo degli armamenti e non proliferazione

L’impegno per il disarmo, il controllo degli armamenti e la non proliferazione rappresenta un elemento qualificante della politica estera italiana.

L’Italia è tradizionalmente attiva su più fronti: in seno alle Nazioni Unite, all’Unione Europea, al G8 nonché nell’ambito dei processi di riesame delle maggiori convenzioni internazionali in materia.

Tra i risultati più importanti conseguiti dal nostro Paese in relazione a tale settore possiamo annoverare l’adozione della Strategia Europea di non proliferazione delle armi di distruzione di massa (adottata nel corso del semestre di presidenza italiana all’UE nel 2003) e la partecipazione alla “Proliferation Security Initiative” (PSI) volta all’interdizione dei traffici illeciti di armi di distruzione di massa.

Nel campo del disarmo e della non proliferazione l’impegno dell’Italia si struttura in diversi settori in relazione all’esistenza di differenti categorie di armamenti esistenti.

Solitamente gli armamenti vengono distinti in armi convenzionali ed armi di distruzione di massa. Le prime, generalmente ritenute legittime, vengono definite “convenzionali” in base a due osservazioni: possiedono una capacità distruttiva relativamente contenuta ed hanno effetti discriminanti per cui consentono una maggiore tutela della popolazione civile. Le seconde, invece, comprendenti armi nucleari, biologiche, chimiche sono accomunate dalla caratteristica di possedere un potenziale distruttivo enorme e, soprattutto, indiscriminato.

149