Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK Approfondisci

Disarmo

 

Giornata per l’azione contro le mineSi sono svolte oggi, al Ministero dell’Istruzione, con il patrocinio del Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale, le celebrazioni della Giornata per l’azione contro le mine. Al Convegno...
Il Ministro Gentiloni a Washington per partecipare al Vertice sulla Sicurezza NucleareIl Ministro degli Esteri Paolo Gentiloni è a Washington per partecipare al Vertice sulla Sicurezza Nucleare che si svolge oggi e domani. Il summit - il quarto dopo Washington (2010), Seul (2012), L'Aja (2014) e...
Il Segretario Generale Valensise a Vienna - Cooperazione con le Organizzazioni Internazionali e dialogo con l’AustriaIl Segretario Generale Valensise a Vienna - Cooperazione con le Organizzazioni Internazionali e dialogo con l’AustriaLa cooperazione dell'Italia con le agenzie delle Nazioni Unite con sede a Vienna, con l’OSCE e il dialogo con l’Austria sono stati al centro degli incontri del Segretario...
Corea del Nord: lancio missile è una nuova provocazione e minaccia alla pace e alla sicurezza internazionali"Il lancio di un missile a lungo raggio la notte scorsa costituisce l'ennesima provocazione da parte della Corea del Nord, che a solo un mese di distanza da un test nucleare è tornata a violare apertamente le risoluzioni...
ultimi aggiornamenti

Disarmo, controllo degli armamenti e non proliferazione

L’impegno per il disarmo, il controllo degli armamenti e la non proliferazione rappresenta un elemento qualificante della politica estera italiana.

L’Italia è tradizionalmente attiva su più fronti: in seno alle Nazioni Unite, all’Unione Europea, al G8 nonché nell’ambito dei processi di riesame delle maggiori convenzioni internazionali in materia.

Tra i risultati più importanti conseguiti dal nostro Paese in relazione a tale settore possiamo annoverare l’adozione della Strategia Europea di non proliferazione delle armi di distruzione di massa (adottata nel corso del semestre di presidenza italiana all’UE nel 2003) e la partecipazione alla “Proliferation Security Initiative” (PSI) volta all’interdizione dei traffici illeciti di armi di distruzione di massa.

Nel campo del disarmo e della non proliferazione l’impegno dell’Italia si struttura in diversi settori in relazione all’esistenza di differenti categorie di armamenti esistenti.

Solitamente gli armamenti vengono distinti in armi convenzionali ed armi di distruzione di massa. Le prime, generalmente ritenute legittime, vengono definite “convenzionali” in base a due osservazioni: possiedono una capacità distruttiva relativamente contenuta ed hanno effetti discriminanti per cui consentono una maggiore tutela della popolazione civile. Le seconde, invece, comprendenti armi nucleari, biologiche, chimiche sono accomunate dalla caratteristica di possedere un potenziale distruttivo enorme e, soprattutto, indiscriminato.


149