Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK Approfondisci

Disarmo

 

Disarmo
Incontro tra il Sottosegretario Della Vedova e il Direttore Generale dell’OPAC ÜzümcüIl Sottosegretario Sen. Benedetto Della Vedova ha incontrato oggi alla Farnesina, il Direttore Generale dell’OPAC, Amb. Ahmet Üzümcü, nel quadro di una visita di quest’ultimo a Roma per celebrare il ventennale...
Impegno italiano per limitare la diffusione dei sistemi di trasporto delle armi di distruzione di massaIl ministro degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale, Angelino Alfano: “Trenta anni fa, il 16 aprile 1987, il G-7 (Canada, Francia, Germania, Giappone, Italia, Regno Unito, USA) annunciava la formazione...
Preoccupazione della Farnesina per la notizia del lancio di un missile balistico effettuato dalla Repubblica Democratica Popolare di CoreaLa Farnesina ha appreso con grande preoccupazione la notizia del lancio di un missile balistico effettuato dalla Repubblica Democratica Popolare di Corea nella notte scorsa. I ripetuti test di missili, unitamente...
Ministerial declaration by the Foreign Ministers of the like-minded group supporting a relaunch of conventional arms control in EuropeWe, the Foreign Ministers of the Republic of Austria, the Kingdom of Belgium, the Republic of Bulgaria, the Czech Republic, the Republic of Finland, the French Republic, the Federal Republic of Germany, the Italian...
ultimi aggiornamenti

Disarmo, controllo degli armamenti e non proliferazione

L’impegno per il disarmo, il controllo degli armamenti e la non proliferazione rappresenta un elemento qualificante della politica estera italiana.

L’Italia è tradizionalmente attiva su più fronti: in seno alle Nazioni Unite, all’Unione Europea, al G8 nonché nell’ambito dei processi di riesame delle maggiori convenzioni internazionali in materia.

Tra i risultati più importanti conseguiti dal nostro Paese in relazione a tale settore possiamo annoverare l’adozione della Strategia Europea di non proliferazione delle armi di distruzione di massa (adottata nel corso del semestre di presidenza italiana all’UE nel 2003) e la partecipazione alla “Proliferation Security Initiative” (PSI) volta all’interdizione dei traffici illeciti di armi di distruzione di massa.

Nel campo del disarmo e della non proliferazione l’impegno dell’Italia si struttura in diversi settori in relazione all’esistenza di differenti categorie di armamenti esistenti.

Solitamente gli armamenti vengono distinti in armi convenzionali ed armi di distruzione di massa. Le prime, generalmente ritenute legittime, vengono definite “convenzionali” in base a due osservazioni: possiedono una capacità distruttiva relativamente contenuta ed hanno effetti discriminanti per cui consentono una maggiore tutela della popolazione civile. Le seconde, invece, comprendenti armi nucleari, biologiche, chimiche sono accomunate dalla caratteristica di possedere un potenziale distruttivo enorme e, soprattutto, indiscriminato.


149