Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK Approfondisci

Sudafrica: L’Italia in Sudafrica al Vrystaat Arts Festival con il Maestro Aaron Carpenè

Data:

13/07/2017


Sudafrica: L’Italia in Sudafrica al Vrystaat Arts Festival con il Maestro Aaron Carpenè

Aaron Carpenè, direttore d’orchestra, clavicembalista, organista, pianista ed esperto di musica antica, ha creato un percorso unico nel panorama degli spettacoli musicali contemporaneo. Nato a Perth, in Australia, ha studiato all’Università del Western Australia e al Conservatorio di Venezia. In Italia ha poi continuato con lo studio degli antichi strumenti a tastiera con il Maestro inglese Christopher Stembridge, specializzandosi nel repertorio italiano per clavicembalo e organo del 16°, 17° e 18° secolo. La sua musica sarà protagonista in Sudafrica, nell’ambito del Vrystaat Arts Festival - Tsa-Botjhaba (18-22 luglio) che si svolge ogni anno a Bloemfontein, nella provincia sudafricana del Free State, con oltre 50 spettacoli che spaziano dal teatro al cinema, dalla musica alla danza, alle arti visive e all’editoria. Venerdì 21 luglio alle 10.30 Carpenè terrà il concerto per organo intitolato “Birds” presso il Kunstetrust-Odeion di Bloemfontein: la performance è un omaggio agli uccelli reso attraverso le opere di famosi compositori europei; registrazioni di canti di uccelli sono inframmezzate a brani di Liszt, Frescobaldi, Saint-Saëns, Messiaen e altri. I proventi del concerto, organizzato in collaborazione con l’Istituto italiano di cultura di Pretoria per la protezione delle specie in via di estinzione, e in particolare l’avvoltoio del Capo, saranno donati allo zoo di Bloemfontein. Nel pomeriggio del 21 luglio alle 15.30 il musicista si esibirà, insieme alla cantante Manzikazi Scota, in una sperimentazione musicale dal titolo Performance Experiments, presso la Haller Halle del Kunstetrust-Odeion di Bloemfontein nell’ambito del Vrynge - programma per lo sviluppo degli artisti organizzato nell’ambito del Festival. Durante l’esibizione, Carpenè e Manzikazi Scota svilupperanno un progetto di esplorazione cross-culturale nell’ambito musicale e del canto, con la prospettiva di allargare il progetto ad altri artisti sudafricani e del Lesotho, nella prossima edizione del festival.
L’Vrystaat Arts Festival è un festival in lingua Afrikaans che forgia legami creativi con altre culture di lingua inglese e altre lingue africane, contribuendo allo scambio di idee nei campi dell’arte, della cultura e della società grazie ai rapporti con altre comunità creative nazionali ed internazionali. Carpenè viene spesso invitato a tenere lezioni e masterclass sull’esecuzione musicale di brani di quel periodo e ha un interesse particolare per il Medio ed Estremo Oriente in qualità di artista residente al Conservatorio di Damasco e alla Academy of Performing Arts di Hong Kong.


25176