Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK Approfondisci

Repubblica Ceca - Inaugurata a Brno la sede del Consolato onorario italiano

Data:

28/09/2017


Repubblica Ceca - Inaugurata a Brno la sede del Consolato onorario italiano

Inaugurata a Brno, alla presenza dell’Ambasciatore Aldo Amati, del presidente della Regione Moravia Bohumil Simek e del Sindaco della città morava Petr Vokral, la sede del Consolato onorario italiano. A fare gli onori di casa il console Pavel Zezula, presidente di Nova Mosilana a.s., azienda tessile del gruppo Marzotto. Laureato in Tecnologia meccanica e management industriale al Politecnico di Brno, membro della locale Camera di commercio e con una lunga esperienza nei rapporti con l’Italia, dove ha vissuto per diversi anni, Zezula ha il compito di coadiuvare l’Ambasciata italiana nell’assistenza ai connazionali e di favorire la proiezione esterna del “Sistema Italia” nelle regioni meridionali ed orientali della Repubblica Ceca.

"Spero che questo luogo diventi il punto di riferimento per gli abitanti di Brno che vogliono conoscere meglio l’Italia e che avranno bisogno dei servizi consolari - ha dichiarato l’Ambasciatore Amati - Sono molto orgoglioso di avere Paver Zezula come Console, una persona di cui mi fido e che saprà comunicare una splendida immagine del nostro Paese. Il suo carattere, la sua esperienza e le sue conoscenze daranno un sicuro valore aggiunto alle attività che realizzeremo qui in Moravia. Del resto sono già diversi mesi - ha concluso il diplomatico italiano -  che su questo territorio  abbiamo lanciato numerosi eventi che testimoniano l’interesse mio, dell’Ambasciata, dell’Istituto Italiano di Cultura e della Camera di Commercio italo-ceca di avere un rapporto continuo con la Moravia, con le sue istituzioni e con la realtà economica locale”.

Le celebrazioni si concluderanno questa sera con il concerto dei Czech Virtuosi e il coro del Tbilisi State Opera and Ballet Theatre diretti dal M° Walter Attanasi.


25499