Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK Approfondisci

XVII Settimana della Lingua Italiana nel mondo: l’Italiano al cinema, l’italiano nel cinema

Data:

16/10/2017


XVII Settimana della Lingua Italiana nel mondo: l’Italiano al cinema, l’italiano nel cinema

Il ministro Alfano: “L’italiano si afferma sempre più all’estero come una lingua capace di trasmettere i valori di bellezza e qualità che costituiscono i cardini di uno stile di vita apprezzato in tutto il mondo. Con la Settimana della Lingua Italiana celebriamo il legame che esiste tra la nostra lingua e le grandi eccellenze creative ed economiche del Paese”

Dal 16 al 22 ottobre si celebra in tutto il mondo, sotto l’Alto Patronato del Presidente della Repubblica, la XVII edizione della Settimana della Lingua Italiana nel mondo il cui tema quest’anno è: “L’Italiano al cinema, l’italiano nel cinema”. Organizzata  dal Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale, insieme all’Accademia della Crusca, alla Società Dante Alighieri e con il sostegno della Confederazione elvetica, la Settimana è divenuta nel corso degli anni l’appuntamento più importante dedicato alla promozione della lingua italiana all’estero. Ogni Settimana è dedicata ad un argomento diverso, che serve da filo rosso per un vasto programma di conferenze, mostre ed incontri con i protagonisti della cultura italiana. Quest’anno, continuando il percorso dedicato alle industrie creative iniziato nel 2013, il tema scelto è il cinema, a sottolineare il ruolo che l’industria cinematografica e i suoi protagonisti hanno avuto nello sviluppo della nostra società e della nostra lingua. Per l’occasione, l’Accademia della Crusca proporrà un volume dedicato alla Settimana, disponibile gratuitamente online dal 15 al 22 ottobre, mentre sulle Reti Rai e nei cinema italiani sarà trasmesso un cortometraggio realizzato appositamente per la manifestazione.

Ampia la varietà delle iniziative che Ambasciate, Consolati e Istituti Italiani di Cultura offriranno a tutti gli amanti della nostra lingua e che possono essere scoperte nel Portale della Lingua Italiana, da quest’anno disponibile in una nuova versione inglese.

Le presentazioni cinematografiche saranno al cuore della programmazione di quest’anno, con la presenza, tra gli altri, di Pierfrancesco Diliberto “PIF” a Copenaghen, del regista Gianfranco Cabiddu a Minsk, di Nicoletta Braschi all’Istituto di Toronto e con la partecipazione di 8 film italiani al XXXIII Festival del Cinema di Haifa.

Tra le principali iniziative organizzate insieme alla Confederazione elvetica ricordiamo la presentazione dell’ultimo film di Silvio Soldini all’Istituto di Cultura di Bruxelles e la mostra di schizzi di Federico Fellini a Jakarta. Presso l’Istituto di Vienna e il Consolato Generale di Gedda sarà proiettato il film svizzero “Vecchi Pazzi”, mentre l’Istituto di Pechino e l’Ambasciata d’Italia a Nicosia presenteranno al pubblico la pellicola “Oro verde”, di M. Soudani.

Come ogni anno, diverse saranno le conferenze organizzate con grandi protagonisti della nostra cultura. All’Istituto di New York il regista Nanni Moretti illustrerà l’importanza delle scelte linguistiche nei suoi film, insieme a Giuseppe Antonelli, professore universitario e conduttore del programma radiofonico “La lingua batte”. A Bruxelles si svolgerà il Convegno “L’italiano che parliamo e scriviamo”. A Londra, all’interno del “Festival of Italian Literature in London”, co-organizzato dall’Istituto con la comunità di autori italiani residenti a Londra, Giancarlo De Cataldo parlerà del rapporto tra letteratura, lingua e serie TV, mentre Pietro Bartolo, partendo dal film Fuocoammare di Gianfranco Rosi, presenterà la sua esperienza di medico sull’isola di Lampedusa.

Infine, numerosi italianisti analizzeranno il rapporto tra l’italiano e il cinema: tra questi, ricordiamo le conferenze del Presidente dell’Accademia della Crusca, il Prof. Carlo Marazzini presso il Consolato di Lugano e del Professor Giuseppe Patota presso l’Istituto Italiano di Cultura di Zurigo.


25600