Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK Approfondisci

Australia - Escape from Pompeii. The untold Roman rescue

Data:

20/03/2017


Australia - Escape from Pompeii. The untold Roman rescue

Dopo più di due decenni dall’ultima esposizione in città, si riscopre Pompei a Sydney con una nuovissima mostra internazionale. Con il sostegno dell’Istituto Italiano di Cultura di Sydney e gli auspici dell'Ambasciata d'Italia di Canberra e del Consolato Generale d'Italia a Sydney viene inaugurata la mostra internazionale “Escape from Pompeii”, ospitata dall’Australian National Maritime Museum a partire dal 31 marzo.

Nel 79 d.C. ebbe luogo una devastante eruzione del Vesuvio che emise enormi quantità di cenere e detriti vulcanici sulla densamente popolata baia di Napoli. L’eruzione fu avvistata dalla base navale romana di Miseno, e in risposta all’emergenza il comandante della flotta, Plinio il Vecchio, ordinò alla flotta romana di salvare quante più persone possibile. Si tratta della prima testimonianza di un soccorso dal mare di civili da parte di una forza militare.

La mostra illustra come la marina romana giunse a dominare il Mediterraneo e come tale controllo generò un boom nei commerci marittimi che non conobbe eguali nei successivi 1.000 anni. Reperti provenienti da Pompei ed Ercolano – città completamente distrutte dall’eruzione – e dai relitti di navi testimoniano dell’estensione di tale commercio in materie prime e beni di lusso. Dato che si trattava dell’unica forza navale restante nel Mediterraneo, Plinio il Vecchio fu libero di usarla per assistere le persone minacciate dal Vesuvio.

Gli oggetti inclusi nella mostra Escape from Pompeii comprendono gioielli, ceramiche, sculture, affreschi provenienti da Pompei ed Ercolano e reperti recuperati da antichi relitti. La mostra include anche calchi in gesso dei corpi di alcune delle vittime del Vesuvio.

La mostra descrive la marina romana tramite animazioni multimediali interattive e in 3D ed evoca la formidabile forza del vulcano che distrusse Pompei 2.000 anni fa.


24399