Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK Approfondisci

Il ministro Alfano in Austria per la riunione informale dei ministri degli Esteri OSCE

Data:

11/07/2017


Il ministro Alfano in Austria per la riunione informale dei ministri degli Esteri OSCE

 

osce foto family

 

Il ministro degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale, Angelino Alfano, ha partecipato alla riunione informale dei ministri degli Esteri dei Paesi OSCE, che la presidenza austriaca ospita nel castello di Mauerbach, nei pressi di Vienna. E’ il principale appuntamento preparatorio del Consiglio ministeriale OSCE, in calendario a Vienna il 7 e 8 dicembre prossimi.

A Mauerbach il ministro Alfano è intervenuto nel corso della sessione plenaria, per sottolineare l’importante impegno italiano in ambito OSCE: “Siamo parte della Troika e abbiamo la Presidenza del Gruppo di Contatto Mediterraneo. Soprattutto, riceveremo il testimone dalla Presidenza austriaca per guidare l’Organizzazione nel 2018. È un compito che ci onora e che abbiamo accolto con senso di responsabilità, nella consapevolezza che per ristabilire un clima di fiducia e sicurezza “da Vancouver a Vladivostok” è necessaria la ricerca costante del dialogo e della cooperazione”.

Due i principali temi in discussione: la prevenzione e il contrasto all’estremismo violento e alla radicalizzazione che conducono al terrorismo e il rilancio del dialogo strutturato sulle sfide alla sicurezza, con l’obiettivo di ripristinare un'architettura di sicurezza europea sostenibile. Alfano intende inoltre mantenere alta l’attenzione dell’OSCE anche sul tema delle migrazioni e della mobilità umana nel Mediterraneo: “sfide - anche in termini di sicurezza - e opportunità cui sarà dedicata la Conferenza Mediterranea dell’OSCE, che l’Italia ospiterà a Palermo il 24 e 25 ottobre”.

Tra la tradizionale foto di famiglia e la colazione di lavoro, per il ministro ci sono stati incontri bilaterali a margine con gli omologhi russo, Sergej Lavrov, e svizzero, Didier Burkhalter.


25155