Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK Approfondisci

La Farnesina ospita la presentazione di ReStArt – L’Arte Rigenerativa nello Spirito dell’EurAsia

Data:

01/12/2016


La Farnesina ospita la presentazione di ReStArt – L’Arte Rigenerativa nello Spirito dell’EurAsia

Nella cornice dell’azione di promozione integrata del Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale, si è tenuta alla Farnesina la presentazione del Progetto ReStArt - L’Arte Rigenerativa nello Spirito dell’EurAsia, realizzata in collaborazione con la Fondazione Rosini Gutman. La presentazione, che è stata aperta dal Direttore Generale per la promozione del sistema paese, Enzo De Luca, e cui hanno partecipato numerosi rappresentanti di Ambasciate dei paesi asiatici dell’Asia-Europe Meeting (ASEM), foro di dialogo tra Europa e Asia, ha illustrato il progetto che mira a realizzare dei “Cantieri dell’Arte” (mostre, installazioni, spettacoli, attività formative) in collaborazione con i paesi dell’area nel solco della “Via della Seta”.

ReStArt si presenta come una piattaforma di dialogo e collaborazione tra Italia e paesi asiatici, anche quale seguito del X Vertice ASEM di Milano, in occasione del quale l’Italia si è impegnata a individuare delle iniziative per rafforzare la collaborazione in ambito ASEM. La collaborazione di ReStArt con i rappresentanti della società civile euroasiatica, impegnata in particolare nei settori dell’arte, della cultura e dello sviluppo sostenibile, realizzando iniziative imprenditoriali e formative congiunte, permetterà di condividere idee e progetti e di rafforzare gli scambi tra Europa e Asia. Inoltre, ReStArt si propone quale strumento per valorizzare e diffondere parametri internazionali di governance e di sviluppo sostenibile. Un’azione integrata di diplomazia culturale, dunque, per ri-generare una "Nuova Via della Seta" per mezzo dell'arte e della cultura.

La presentazione di ReStArt è stata corredata dall’esibizione di opere d’arte di Giovanni Gurioli (“Genomi”), di Simone d’Auria (“Spoon”), del Regenerative Art Group (”totem” di plastica riciclata, simbolo della rigenerazione degli scarti presenti nei mari e negli oceani), di “Energy Box” (il progetto che ha già “Rigenerato” le vie di Milano con opere degli artisti Atomo, Teatro, Gag e Kiv e altri “Street Artist”).


23847