Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK Approfondisci

Unga. Incontro del Ministro Alfano con il Premier somalo Hassan Ali Khayre

Data:

21/09/2017


Unga. Incontro del Ministro Alfano con il Premier somalo Hassan Ali Khayre

unga somalia

 

“La Somalia ha compiuto importanti progressi e sta seguendo un percorso positivo. Il Paese sta definendo un nuovo processo di costruzione dello Stato e sta affrontando le questioni che ostacolano la  stabilità: dalla lotta contro Al Shabaabab e Daesh, allo sviluppo economico e al cambiamento climatico. Mogadisco sappia di poter contare sull’aiuto e il sostegno dell’Italia”, così il ministro Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale, Angelino Alfano, incontrando il Primo ministro somalo, Hassan Ali Khayre, a margine dell’Evento di Alto livello sulla Somalia tenutosi oggi a New York, alla presenza del Segretario Generale ONU, António Guterres e dell’Alto Rappresentante UE per la politica estera e la sicurezza comune, Federica Mogherini.

L’evento, presieduto dallo stesso ministro Alfano insieme al Primo Ministro somalo e al Vice Ministro degli Esteri etiope, si pone in continuità con analoghe iniziative dedicate alla Somalia già promosse ed organizzate dall’Italia in passato.

“Le chiave per la stabilizzazione e lo sviluppo della Somalia è duplice”, ha osservato Alfano. “Da una lato, occorre sostenere il processo di normalizzazione dei rapporti tra Somalia e Istituzioni Finanziarie Internazionali, nell’ottica della cancellazione del debito e dell’apertura del Paese al credito internazionale; dall’altro,  non può mancare il nostro aiuto al Governo di Mogadiscio nel settore infrastrutturale per avviare dinamiche di crescita interna.” “Attraverso la Cooperazione allo Sviluppo – ha aggiunto il titolare della Farnesina - abbiamo trasferito alla Somalia 15,5 milioni di euro nel solo 2016 e recentemente ci siamo impegnati a versarne altri 22”. “Il nostro contributo – ha spiegato il ministro - ha lo scopo principale di rafforzare le istituzioni di Mogadiscio e incrementare le condizioni di vita della popolazione locale con interventi nel settore della sanità, dell’alimentazione, dell’istruzione superiore e della creazione di posti di lavoro”.


25474