Mosè salvato dalle acque
Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK Approfondisci
Governo Italiano

Mosè salvato dalle acque

 

Mosè salvato dalle acque

Soggetto: Mosè salvato dalle acque 
Autore: Attribuito a Ambito veneziano vicino a Benedetto Caliari 
Datazione: Seconda metà sec. XVI 
Ubicazione: Berlino 
Misure: 228 x 146 cm 
Materiale: Olio su tela 
Inventario MAE: 7 (2013) 
Codice ICCD: 01253685 
Stato di conservazione: Discreto 
Provenienza: Firenze, Galleria degli Uffizi (1937) 
Documentazione: Archivio San Michele (Busta STRP SBAS Firenze con tabulati e verbali, fasc 3, sottofasc. 5) Archivio storico Ambasciata d’Italia a Berlino (Registro dei beni di altri enti, 2013 e cfr. scheda inv. 95) 
Bibliografia:W. Schache e M. S. Sconci, 2006, cit. 

Nel dipinto è raffigurato il momento in cui Mosè viene salvato dalle acque del Nilo: accanto al piccolo, poggiato dentro una cesta di vimini, è un’ ancella inginocchiata che mostra il bambino alla figlia del faraone che avanza seguita da ancelle. Altre due fanciulle, di cui una vista di spalle, conversano fra loro, con un bambino seminudo che si aggrappa alle loro vesti. Il dipinto, già attributo nell’inventario degli Uffizi del 1890 alla Scuola del Veronese, è oggi negli inventari del MAE assegnato al fratello minore di Paolo (Verona 1528 – Venezia 1588) Benedetto Caliari, che entrò nel 1551 nella sua bottega e con il quale il Maestro collaborò. La tela è, infatti, priva di quella ricchezza cromatica e di quella libertà compositiva che contraddistingue le opere del Veronese ed anche le figure appaiono rigide e forzate nei movimenti. Il dipinto, come si ricava dalla documentazione archivistica conservata presso la Direzione Generale PABAAC, venne concesso in prestito temporaneo dalla Galleria degli Uffizi (inv. 4345) all’Ambasciata d’Italia a Berlino, nell’ottobre del 1937. L’opera subì però diversi spostamenti: infatti, l’Ambasciata, come indicato in una lettera indirizzata alla Soprintendenza alle Gallerie di Firenze, con la data del 1967, trasferì la tela presso l’Ambasciata di Bonn, che poi rientrò presso quella di Berlino in una data imprecisata (Busta STRP Estero Ambasciate, Beirut – Bonn, fascc. 2, 3; Busta SBAS Firenze con tabulati e verbali, fasc. 3, sottofasc. 5).


26432
 Valuta questo sito