Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK Approfondisci
Governo Italiano

Riunione del Consorzio per le Infrastrutture in Africa (Roma 10-11 marzo 2009)

Data:

04/03/2009


Riunione del Consorzio per le Infrastrutture in Africa (Roma 10-11 marzo 2009)
Le difficoltà derivanti dalla crisi economica globale per il finanziamento delle infrastrutture in Africa saranno il tema principale della prossima riunione dell’Infrastructure Consortium for Africa ICA che sarà ospitato dalla Presidenza italiana del G8 dal 10 all’11 marzo presso il Ministero degli Affari Esteri.
L’ICA - la partnership tra  G8, Unione Africana e la Banca Africana di Sviluppo - è stata avviata nel 2005 sotto presidenza britannica. Essa punta a  promuovere una soluzione al problema dell’arretratezza delle infrastrutture in Africa, arretratezza che penalizza lo sviluppo del continente afflitto da una cronica insufficienza di acqua, di elettricità, di vie di trasporto e di collegamenti ICT, che il mercato non è stato in condizioni di finanziare in ragione di un concatenamento di responsabilità derivanti non solo dai problemi della governance, ma anche dall’insufficienza del sistema finanziario globale.
Alla riunione, che sarà inaugurata dal Commissario per le Infrastrutture dell’UA Signora Elham Mahmood Ahmed Ibrahim, dal Vice Presidente della Banca Africana di Sviluppo Signor Mandala Gantsho e dal Sottosegretario di Stato Vincenzo Scotti, saranno presenti gli altri Paesi del G8, l’Unione Europea, alcuni Paesi outreach quali la Cina, oltre che esponenti delle principali banche ed agenzie finanziarie africane, la Banca Mondiale e le altre istituzioni finanziarie internazionali.
La cooperazione italiana allo sviluppo organizzerà un dibattito sul tema della mitigazione del rischio per facilitare l’attrazione di capitali addizionali di origine privata quale contributo alla soluzione della non bancabilità di molti Paesi africani. Il dibattito sarà animato da una discussione sul podio tra i principali soggetti interessati tra cui i Paesi africani, responsabili della governance, gli istituti di assicurazione contro il rischio, internazionali e non, i donatori ed i finanziatori.
Allo scopo di dare un supporto ai Paesi africani nel settore delle infrastrutture la cooperazione italiana annuncerà una iniziativa pilota cui destinerà 2.5 milioni di euro attraverso la Banca Africana di Sviluppo per agevolare il finanziamento delle partnership pubblico-private nei progetti infrastrutturali attraverso interventi di valutazione e mitigazione del rischio.

Luogo:

روما

8719
 Valuta questo sito