Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK Approfondisci
Governo Italiano

Missione di Frattini nel Golfo, crocevia per gli assetti del Medio Oriente e per i nuovi equilibri economici mondiali

Data:

26/11/2010


Missione di Frattini nel Golfo, crocevia per gli assetti del Medio Oriente e per i nuovi equilibri economici mondiali

Il Golfo Persico, crocevia per gli assetti del Medio Oriente e per i nuovi equilibri economici e finanziari mondiali. Si snoda attraverso cinque Paesi frontiera della stabilità globale la prossima missione del Ministro Franco Frattini, dal 28 novembre al 5 dicembre, con tappe in Qatar, Emirati, Bahrein, Kuwait e Iraq, ed un passaggio intermedio a Sochi, in occasione del Vertice Intergovernativo Italia-Russia.

La missione, sottolinea il portavoce del Ministro, Maurizio Massari, si iscrive nella politica italiana di “riscoperta di quest’area così importante”. Negli ultimi due anni, ha ricordato Massari, “sono state riattivate le commissioni miste con la maggioranza dei Paesi del Golfo ed è stato avviato un sempre più forte dialogo con l’UE. Inoltre, ci sono state delle missioni di sistema, come la più recente in Arabia Saudita”. Il Golfo rappresenta un’area “strategica” dal punto di vista economico per “favorire l’internazionalizzazione delle imprese italiane”, quindi i temi economici saranno al centro dei colloqui tra il Ministro e le autorità locali.

Si affronteranno anche temi politici, nella considerazione che i Paesi del Golfo “hanno assunto un peso importante nella risoluzione dei conflitti” nell’area mediorientale e centroasiatica. Del tema sicurezza, ad esempio, si discuterà il 3 dicembre in Bahrein al “Manama Dialogue”, conferenza ministeriale organizzata dall'International Institute for Strategic Studies, a cui parteciperanno, oltre a Frattini, i Ministri degli Esteri di Stati Uniti, Regno Unito, Turchia e Iran Clinton, Hague, Davutoglu e Mottaki.

A Baghdad, il 5 dicembre, il Ministro Frattini porterà avanti la sua battaglia per la difesa dei diritti umani. Il Ministro - primo occidentale ad arrivare in Iraq dalla nascita del nuovo governo - vedrà il premier Maliki e il ministro degli esteri Zebari, per approfondire tra le altre cose i temi della libertà religiosa, con particolare riferimento alla situazione delle minoranze cristiane, e della pena di morte. Su questo punto Frattini “solleciterà un gesto di clemenza nei confronti dell’ex vicepremier Tarek Aziz, nel quadro della lotta universale contro la pena capitale”.

Anche l’Afghanistan sarà al centro della missione del Ministro. Martedì 30 novembre a Dubai si terrà una conferenza internazionale sugli investimenti in Afghanistan, con Frattini unico ministro degli esteri occidentale. La stabilizzazione del paese, infatti, “passa anche dallo sviluppo economico e quindi anche dal rilancio degli investimenti”. Sarà creato un gruppo di sostegno agli investimenti, che agirà in raccordo con le autorità afghane.


Luogo:

Roma

11016
 Valuta questo sito