Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK Approfondisci
Governo Italiano

Mediterraneo: Frattini, Italia deve svolgere ruolo politico e morale

Data:

16/06/2011


Mediterraneo: Frattini, Italia deve svolgere ruolo politico e morale

"L'Italia ha da svolgere nel Mediterraneo un ruolo politico ma soprattutto un ruolo morale". Così il Ministro Franco Frattini alla presentazione del XXXII Meeting di Rimini. "In passato - ha spiegato - abbiamo pensato che nel Medio Oriente fosse nostro interesse strategico privilegiare la stabilità dei governi rispetto ai pilastri della nostra storia e cioè democrazia, uguaglianza e diritti. Ma tutto ciò è venuto a cadere perché la stabilità dei regimi autoritari era fragilissima. E governi che apparivano stabilissimi sono caduti in una settimana. E' successo in Tunisia ed Egitto e sta accadendo in Siria. Non è ancora accaduto in Libia per la natura sanguinaria del regime di Gheddafi e l'enorme quantità di denaro di cui dispone".

Il Ministro ha spiegato che "lavoreremo con questi Paesi in fase di transizione verso la democrazia, ma saremo attenti nell'evitare che il vento positivo della democrazia possa essere aspirato da estremisti pronti ad imporre un nuovo totalitarismo".

A questa "leadership morale" l'Italia deve essere pronta da subito. "Credo - ha osservato il Ministro - che se fossimo in ritardo di un solo minuto rispetto alle proteste di piazza Tahrir o a quelle dei ragazzi di Algeri, avremmo perso definitivamente come Europa la credibilità per essere interlocutori di quel mondo, e non basterebbe più un piano Marshall o fare degli investimenti nella Regione".

Nell'ambito di una riflessione più generale, il Ministro Frattini - anche alla luce della missione internazionale in corso in Libia - ha definito "necessario, indispensabile riflettere sul principio di ingerenza umanitaria" sancito dalle Nazioni Unite. Un principio, che "va ripensato ponendo maggiore enfasi sulla prevenzione delle crisi, piuttosto che su un'azione che finisce con l'essere solo militare".


Luogo:

Roma

11927
 Valuta questo sito