Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK Approfondisci
Governo Italiano

Cooperazione: Somalia, sostegno agli sfollati

Data:

25/10/2011


Cooperazione: Somalia, sostegno agli sfollati

L’Ufficio Emergenza della Dgcs ha erogato, lo scorso 18 ottobre, un contributo volontario di 400.000 euro sul canale multilaterale all’Unhcr per attività di assistenza e protezione a favore delle popolazioni sfollate in Somalia colpite dalla crisi. Il contributo italiano servirà a sostenere il programma dell’Unhcr di protezione degli sfollati e rifugiati contenuto nell’appello consolidato delle Nazioni Unite per la Somalia.

Tale contributo verrà utilizzato per la fornitura di beni di prima necessità ai nuclei familiari, distribuiti come ‘Integrated Emergency Assistance Package’, con lo scopo di dare una prima risposta umanitaria a chi e’ stato costretto a lasciare il proprio luogo di origine e a riparare in campi sovraffollati ed esposti anche ad incendi frequenti, principale causa della perdita dei beni essenziali. Nella selezione dei beneficiari, priorità verrà data alle capo famiglia donne e tra queste un’ulteriore selezione verrà effettuata in base all’età, di concerto con la comunità di appartenenza.

Per arginare gli incendi nei campi, verranno fornite strutture ignifughe di più lunga durata, aventi lo scopo di dare riparo agli sfollati, con una particolare attenzione a donne e bambini. Sempre in stretta collaborazione con le donne e gli uomini delle comunità affette, verranno elaborati dei piani del sito, per meglio definire dove collocare i servizi essenziali di base, le infrastrutture, gli spazi pubblici e gli alloggi.

Infine, per quanto possibile, sarà favorito il processo volontario di ricollocazione di sfollati in luoghi terzi, fornendo agli sfollati adeguata assistenza per il re-insediamento. Per quanto riguarda il fenomeno in aumento negli insediamenti sia organizzati che spontanei di sfollati legato alla violenza di genere (Gender Based Violence), l’Alto Commissariato per i Rifugiati fornirà adeguata protezione, anche dalle aggressioni fisiche, soprattutto a donne e bambini.


Luogo:

Rome

12445
 Valuta questo sito