CARTOLINE DALL’ALTRA ITALIA - Da Roma nel cuore delle West Midlands inglesi
Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK Approfondisci
Governo Italiano

CARTOLINE DALL’ALTRA ITALIA - Da Roma nel cuore delle West Midlands inglesi

Data:

23/08/2016


CARTOLINE DALL’ALTRA ITALIA - Da Roma nel cuore delle West Midlands inglesi

La quarta “Cartolina dall’altra Italia” arriva da Wolverhampton, città nel cuore delle West Midlands inglesi, dove vive Simone, 39enne romano che per lavoro, e per amore, ha deciso di trasferirsi nel Regno Unito.

Dell’Italia “mi chiedono soprattutto consigli per le vacanze, posti da visitare e cosa mangiare” racconta Simone che a Wolverhampton lavora in un’agenzia di assicurazioni. Nel mondo del lavoro non ha trovato nessuna difficoltà a integrarsi: “La nazionalità di provenienza qui non fa nessuna differenza, la mentalità è più aperta anche perché sono più abituati ad avere a che fare con diverse nazionalità e diverse culture”. Basti pensare che tra il 2011 e il 2015 il numero di immigrati intraeuropei nel Regno Unito ha raggiunto quota 3,3 milioni. Gli italiani residenti nel Regno Unito iscritti all’Aire sono circa 260mila e il numero è in continuo aumento: nel 2011 erano circa 187mila.

“Cartoline dall’altra Italia” è la web serie realizzata dall’agenzia giornalistica 9colonne con il sostegno del Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale-Direzione Generale per gli Italiani all’Estero e le Politiche Migratorie. Da Bruxelles a New York, da Rio de Janeiro a Shanghai: ogni settimana una nuova videointervista, visibile sul sito 9colonne.it, sul canale Youtube di Nove Colonne e sul sito del Ministero degli Esteri, per delineare l’identikit dei nuovi emigrati. Un racconto dinamico, spigliato, pratico e attuale dell’altra Italia, quella oltreconfine: i sogni, le aspettative, i paragoni, le gioie e le delusioni dei giovani connazionali che hanno deciso di provare un’esperienza all’estero, per voglia o per necessità, mantenendo con le loro testimonianze quel filo indivisibile che li lega al loro Paese.


23299
 Valuta questo sito