Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK Approfondisci
Governo Italiano

Gli scatti di Davide Tranchina alla scoperta dell’isola di Montecristo

Data:

22/05/2017


Gli scatti di Davide Tranchina alla scoperta dell’isola di Montecristo

Montecristo è una delle più selvagge e inaccessibili isole italiane, situata nel Mar Tirreno e parte dell’arcipelago toscano. Con la mostra fotografica dal titolo “40 giorni e 40 notti a Montecristo”, Davide Tranchina svela una terra tanto enigmatica quanto affascinante: l’esposizione, curata da Irene Campolmi e Luca Panaro, sarà inaugurata il 3 giugno a Copenaghen, presso la Residenza dell’Ambasciatore d’Italia e rimarrà aperta al pubblico fino all’11 giugno. La serie fotografica è il risultato di una lettura metafisica dell’isola da parte di Tranchina: le immagini sono state catturate in 40 giorni alla ricerca di forme ancestrali e in 40 notti di cieli stellati, dove la realtà viene ricreata artificialmente in camera oscura. La ricerca dell’artista mira alla rappresentazione di frammenti visivi depositati nella retina dell’osservatore, in cui la percezione del paesaggio fisico si fonde con le visioni interiori dell’individuo. L’inaugurazione prevede alle 17.30 i saluti di benvenuto di Stefano Queirolo Palmas, Ambasciatore d’Italia in Danimarca e l’introduzione dell’esposizione da parte dei curatori. La mostra è inserita nel calendario del Copenhagen Photo Festival e nell’occasione i locali della Residenza ospiteranno anche i lavori di Lia Ronchi, la giovane fotografa italiana vincitrice della Residenza d’Artista destinata a giovani fotografi. Lia Ronchi è stata selezionata da una giuria internazionale come fotografa under 35 della Residenza, presso l'Ambasciata Italiana di Danimarca, nel periodo maggio - giugno 2017. Negli ultimi mesi Lia ha esplorato l'intreccio tra immagine, lingua e astrazione. Il suo progetto analizza la fotografia come metodo per raccontare storie o rievocare ricordi senza utilizzare immagini rappresentative con riferimenti espliciti. Nel suo lavoro, Lia codifica un linguaggio che è un intreccio fra tempo, cultura e contestualizzazione, ricollegando ogni segno grafico a un contesto specifico.


24799
 Valuta questo sito