Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK Approfondisci
Governo Italiano

Dettaglio comunicato

Data:

02/06/2008


Dettaglio comunicato

Il riferimento all’Italia, contenuto nell’intervento dell’Alto Commissario per i diritti umani, Signora Louise Arbour, in occasione dell’ottava sessione del Consiglio per i Diritti Umani, di cui l’Italia e’ parte, come prontamente ed opportunamente fatto osservare dal Rappresentante Permanente d'Italia presso le Nazioni Unite a Ginevra, Ambasciatore Giovanni Caracciolo,scaturisce con ogni probabilita’ da informazioni incomplete.

In primo luogo, il reato di immigrazione clandestina - che vige da tempo pur in forme diverse in vari Paesi europei, come Francia, Germania, Gran Bretagna - come noto non e' stato ancora introdotto in Italia e il relativo disegno di legge sara’ esaminato dal Parlamento in uno spirito di dialogo e di confronto democratico ed aperto tra tutte le forze politiche. Esprimere valutazioni premature su proposte che ancora il Parlamento italiano non ha discusso desta sorpresa, ma non condizionera' il dibattito politico nazionale, che sara' come sempre trasparente ed aperto al contributo di maggioranza ed opposizione.

In ogni caso, si tratta di una questione che non ha nulla a che vedere con la xenofobia o con la discriminazione su base razziale,  e che  affronta invece il fenomeno dell’immigrazione illegale e degli strumenti legislativi per ridurlo, nell’ambito beninteso delle garanzie previste dall’ordinamento giudiziario e nel pieno rispetto delle direttive dell’Unione Europea.

Altra cosa sono gli episodi di violenza che si sono verificati recentemente in Italia, e che sono stati fermamente condannati dal Governo italiano, in quanto eventi illegali isolati, che tuttavia non vengono sottovalutati, ed anzi formano oggetto di seria preoccupazione da parte delle Autorita’ italiane, come da ultimo ha sottolineato lo stesso Presidente della Repubblica nel suo messaggio per la ricorrenza della Festa Nazionale.

L’Italia  e’ e rimarra' in prima linea nella lotta contro ogni forma di razzismo, xenofobia ed intolleranza. Cio’ scaturisce dalle stesse obbligazioni costituzionali e dalla coscienza civile condivisa e si rende evidente nell’impegno del nostro Paese nel campo dei diritti umani sul piano internazionale.


Luogo:

Roma

7939
 Valuta questo sito