Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK Approfondisci
Governo Italiano

Libia: colloqui tra SG Valensise e Ministro Ali’ Zidan

Data:

03/10/2013


Libia: colloqui tra SG Valensise e Ministro Ali’ Zidan

La stabilizzazione politica della Libia e della sua sicurezza e' stata al centro di colloqui che il segretario generale della Farnesina, Michele Valensise, ha avuto oggi a Tripoli con il primo ministro libico Ali' Zidan, con il ministro degli esteri Mohammed Abdel Aziz e con esponenti politici. L'ambasciatore Valensise ha confermato l'appoggio dell'Italia nella delicata fase che la Libia attraversa in questi mesi e ha ribadito in particolare la disponibilità del governo italiano ad avviare immediatamente il programma di formazione di personale militare libico in Italia, concordato al Vertice G8 di Lough Erne a giugno.

Il ruolo prioritario dell'Italia nel processo di stabilizzazione del paese è stato sottolineato sia da Zidan sia da Abdel Aziz anche nella prospettiva della conferenza internazionale sulla Libia che l'Italia ospiterà nei prossimi mesi. I responsabili libici hanno espresso grande apprezzamento per l'intensità dei rapporti al più alto livello con l'Italia e per le relazioni economiche italo-libiche, alimentate dalla presenza e dal dinamismo delle imprese italiane in Libia.

"Abbiamo confermato l'impegno dell'Italia a favorire le autorità libiche nella ricerca di un assetto istituzionale stabile. C'è una grande aspettativa per l'assistenza che l'Italia potrà continuare a offrire alla Libia, sulla base della tradizionale amicizia con questo paese" ha dichiarato Valensise al termine della sua visita

"Le forze politiche libiche devono affrontare oggi questioni fondamentali sotto il profilo della sicurezza, del contrasto al terrorismo, del dialogo politico, dell'immigrazione clandestina, della salvaguardia delle risorse energetiche. L'Italia - ha concluso il segretario generale - continuerà a collaborare con la Libia, affinché gestisca al meglio questa fase della sua transizione. Per noi è un partner strategico per la sicurezza e lo sviluppo del Mediterraneo".


Luogo:

Roma

15932
 Valuta questo sito