Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK Approfondisci
Governo Italiano

Alfano all’AICS: incontro con il direttore Frigenti

Data:

28/06/2017


Alfano all’AICS: incontro con il direttore Frigenti

"La Cooperazione italiana non è più la “sommatoria” di singoli soggetti di cooperazione. Oggi siamo un “Sistema Italiano di cooperazione” e dobbiamo affrontare i grandi temi e le grandi sfide connesse allo sviluppo come una squadra molto unita”. Così il ministro degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale, Angelino Alfano, questa mattina, all’Agenzia Italiana per la Cooperazione allo Sviluppo, per un incontro con il direttore Laura Frigenti.

“Il "Sistema di Cooperazione” – ha aggiunto il ministro - è la componente più nobile della politica estera, quella più autenticamente animata dall’apertura e dalla volontà di capire l’altro e di ricercare insieme le risposte globali più significative”.

“Dobbiamo lavorare insieme per garantire il percorso migliore nell’attuazione della Riforma, la Cooperazione infatti non è una scienza esatta, dove ogni problema si affronta sulla base di ipotesi definite, ma è fondata sulle partnership e sui rapporti umani e quindi c’è sempre spazio per perfezionarla”, ha sottolineato Alfano.

“Oggi in questa sede – ha concluso il titolare della Farnesina - ribadisco la mia fiducia nei confronti del direttore Frigenti e la mia vicinanza e il mio incoraggiamento al suo forte impegno per assicurare la crescita delle capacità operative dell’Agenzia. L’AICS, pur in una fase di lancio delle attività e con un organico ancora incompleto, è  riuscita nel suo primo anno a garantire la prosecuzione dei progetti di cooperazione e l’avvio di nuove iniziative in coerenza con gli indirizzi prioritari stabiliti dal Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale. Auspico che il prospettato ingresso per concorso di 60 nuovi funzionari possa mettere l’Agenzia nelle condizioni migliori per continuare con successo gli importanti compiti che la legge 125 le attribuisce”.


25065
 Valuta questo sito