Intervento del Ministro degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale, Angelino Alfano, all’Udienza con il Santo Padre
Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK Approfondisci
Governo Italiano

Intervento del Ministro degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale, Angelino Alfano, all’Udienza con il Santo Padre

Data:

28/10/2017


Intervento del Ministro degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale, Angelino Alfano, all’Udienza con il Santo Padre

Città del Vaticano, 28 ottobre 2017

(Fa fede solo il testo effettivamente pronunciato)

Santità, è un grande onore per me e per tutto il Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale essere stati invitati a questa udienza, a coronamento della III Conferenza internazionale sul diritto umanitario.

Santità, durante il Giubileo dei giovani, Lei disse che una vita senza Gesù è come se non ci fosse campo al telefonino. Mi hanno molto colpito quelle alte ed efficaci parole. Ci ho riflettuto a lungo. E, da Ministro degli Esteri, sono arrivato alla conclusione che, in un mondo interconnesso, il nostro portale politico e morale debba essere la tutela di quei valori umanitari, senza i quali resteremmo off-line, disconnessi da quel fondamentale senso di umanità che invece distingue tradizionalmente il buon governo dal regime disumano, il buon diplomatico dal funzionario cinico e servile. 

Questi valori universali, che non si possono scaricare da internet, sono riflessi e tradotti nel diritto umanitario. Quest’ultimo è tuttavia per noi molto più di una mera raccolta di norme: è una delle pietre fondanti della stabilità e della pace. E le organizzazioni umanitarie, sia religiose che laiche, sono imprescindibili alleati dei governi per fare applicare con neutralità, immediatezza e imparzialità questi principi universali. 

Mi fa piacere ricordare che negli ultimi cinque anni l’Italia ha più che raddoppiato le risorse dedicate agli interventi umanitari e che quasi la metà delle nostre iniziative sono attuate da organizzazioni non governative (ONG): il nostro più grande “capitale umano” costituito da ragazze e ragazzi, missionari laici e religiosi, professionisti e volontari.

Basti pensare alla crisi migratoria, dove l’azione congiunta di attori statali e organizzazioni non governative (ONG) ha permesso all’Italia di coniugare solidarietà e sicurezza. E questa sinergia tra diplomazia e organizzazioni non governative per la tutela della vita umana ispira anche la nostra volontà di rendere più umane e dignitose le condizioni di migranti e rifugiati in Libia.  

Santità, con grande sintonia di vedute con quella vaticana, la diplomazia italiana ha negli ultimi tempi intensificato il proprio impegno umanitario in aree di crisi. I conflitti civili e le gravi carestie che continuano ad affliggere tanti Paesi ci devono spingere a fare ancora di più per mettere la persona umana sofferente e vulnerabile al centro della nostra agenda internazionale. In questa azione, Santità, le sue alte parole continueranno ad essere per noi fonte di ispirazione e forte incoraggiamento.

 


25699
 Valuta questo sito