Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK Approfondisci
Governo Italiano

Dettaglio articolo

Data:

19/05/2010


Dettaglio articolo

Oggi si tiene a Roma, alla presenza del presidente egiziano Mubarak e del presidente del Consiglio italiano Berlusconi, il terzo vertice intergovernativo fra Italia ed Egitto, testimonianza di una stagione eccezionale delle relazioni fra i due Paesi. Italia ed Egitto sono partner strategici a livello bilaterale, regionale e globale.

I rapporti bilaterali tra l'Italia e l'Egitto hanno acquisito una dimensione straordinaria, distinguendosi, soprattutto negli ultimi anni, per un'intensità senza precedenti di incontri e collaborazioni a tutti i livelli, politico, economico, culturale, scientifico. L'interscambio ha raggiunto nel 2008 i 5 miliardi di euro, facendo dell'Italia il primo partner commerciale europeo dell'Egitto; oltre 600 aziende italiane sono attive in Egitto, con iniziative strategiche ne settori chiave dei trasporti, dell'energia, dell'ambiente, delle telecomunicazioni, delle banche, della ricerca e formazione.

La ricchezza dei rapporti culturali è testimoniata dal successo dell'Annc della scienza e della tecnologia, conclusosi a fine 2009, dalla nascita dell'Università italo-egiziana del Cairo e dall'aumento vertiginoso delle richieste di insegnamento della lingua italiana in Egitto. In Italia, la Comunità egiziana (circa 80 mila persone) è diventata un importante «ponte umano» non solo fra i nostri Paesi, ma fra le due sponde del Mediterraneo, favorendo la comprensione e il dialogo tra civiltà.

Sul piano regionale, Italia ed Egitto condividono l'impegno per fare del Mediterraneo e del Medio Oriente una grande area di benessere e prosperità, nell'interesse di tutti. Il partenariato euro-mediterraneo che stiamo costruendo, sostanziatosi nell'unione per il Mediterraneo di cui l'Egitto è copresidente, rappresenta una tappa fondamentale di questo percorso di valorizzazione delle dinamiche di interdipendenza tra i Paesi del Mediterraneo in chiave di sviluppo di una regione dalle straordinarie potenzialità.

E' necessario dal nostro punto di vista superare gli ostacoli che hanno impedito una collaborazione pi profonda. Il pensiero va prima di tutto al conflitto israelo-palestinese. E' infatti nostra comune convinzione che sia davvero giunto il momento di realizzare una pace giusta e duratura in Medio Oriente, basata sulla fine dell'occupazione iniziata nel 1967 e sulla costituzione di uno Stato Palestinese indipendente che viva in pace con i suoi vicini. Tutta la comunità internazionale condivide con noi il medesimo convincimento. Questo risultato dovrebbe essere raggiunto attraverso negoziati politici credibile e seri, che sostengano chi vuole la pace ed isolino i nemici della pace. Gli Stati Uniti, l'Europa e i Paesi Arabi stanno tutti lavorando per questo obiettivo malgrado molte difficoltà.

La pace in Medio Oriente non potrà mai essere duratura se non sarà comprensiva, e se non sistemerà tutte le questioni ancora aperte fra le parti. In questo modo daremo ai popoli della regione la speranza in un futuro sicuro e stabile, consentendo loro di concentrare gli sforzi nel perseguimento della prosperità e dello sviluppo. Italia ed Egitto possono certamente svolgere un ruolo importante al riguardo.

Infine, a livello globale, siamo entrambi convinti del ruolo che l'Egitto può e deve giocare come grande Paese democratico medio-orientale e africano che si affaccia sul piano della governance mondiale. E' per questo motivo che l'Italia, come Presidente del G8, ha invitato nel 2009 l'Egitto a partecipare al Summit dell'Aquila per discutere insieme delle risposte da fornire alle principali sfide planetarie. Sotto questo profilo, Italia ed Egitto condividono innanzitutto la necessità di riportare l'attenzione internazionale sull'Africa e più in particolare sulla regione del Corno d'Africa, come attesta il loro impegno per la stabilizzazione della Somalia e del Sudan. Siamo infatti fautori di una politica di inclusione ed integrazione del continente africano e per questo motivo sappiamo che occorre prima di tutto lavorare a favore della stabilità, arginando il dilagare della violenza e favorendo invece l'unione intorno a valori condivisi.

Siamo ben consapevoli di come le comuni radici collocate nel Mediterraneo e lo sguardo proiettato verso un futuro comune si stiano inevitabilmente traducendo in un forte approfondimento dei rapporti fra Unione Europea e Egitto, che l'Italia sostiene da tempo, nella convinzione che il dialogo politico e strategico fra europei ed egiziani debba farsi sempre più intenso. Un primo importante risultato sarà costituito dal vertice fra Ue e Egitto che avrà luogo a Barcellona il prossimo 6 giugno, cui guardiamo con grande attesa perché segnerà un momento fondamentale nel percorso per unire sempre di più le due sponde del Mediterraneo, sancendo il salto di qualità anche sul piano formale delle relazioni fra Ue e Egitto per cui l'Italia si è fortemente adoperata.


Luogo:

Roma

Autore:

di Franco Frattini e Ahmed Abu el-Gheit (Ministro degli Esteri egiziano)

10386
 Valuta questo sito