This site uses technical, analytics and third-party cookies.
By continuing to browse, you accept the use of cookies.

Preferences cookies

Dei – Arabia Saudita: Forum a Jazan per rilancio economia Regione

Rilanciare l’economia della provincia di Jazan, favorendo gli investimenti. Questo l’obiettivo del primo Forum, organizzato da Saudi Aramco a Jazan, dedicato all’economia locale e al progetto Jazan Economic City, avviato nel 2006 e che prevede la creazione di una delle quattro “citta’ economiche” dell’Arabia Saudita. Il progetto, la cui realizzazione e’ stata affidata a Saudi Aramco, e’ finanziato con fondi pari a 20 miliardi di dollari e prevede la costruzione di un polo industriale e urbano le cui strutture principali saranno una raffineria, un porto, un impianto di dissalazione delle acque e una centrale elettrica a gas destinata a diventare la piu’ grande al mondo. Alla zona industriale si aggiungeranno complessi residenziali, strutture sanitarie, scuole e centri di formazione e un’area di attrazione turistica. L’intero progetto dovrebbe contribuire a creare 75.000 posti di lavoro entro il 2025. Gli investimenti produttivi locali e stranieri godranno di importanti incentivi.

Italia-Hong Kong: sale interscambio commerciale in 2014 (+8,33% a/a)

Sale l’interscambio commerciale tra Italia e Hong Kong nel 2014. Secondo l’Hong Kong Census and Statistics Department, infatti, l’interscambio tra i due Paesi ha raggiunto 11,7 miliardi di dollari, mettendo a segno un incremento dell’8,33% rispetto all’anno precedente, con un saldo attivo dell’Italia pari a 4,6 miliardi, grazie all’eccellente andamento delle esportazioni italiane. Nel 2014 l’Italia e’ stata il tredicesimo piu’ importante fornitore di Hong Kong e il secondo tra quelli europei, in salita rispetto al quarto posto del 2012. I prodotti italiani esportati a Hong Kong che hanno registrato le performance piu’ significative sono stati quelli del Made in Italy: moda, calzature, gioielli, occhiali, agroalimentare e arredamento.

Polonia: mezzo milione posti lavoro in 2014-2020 grazie a fondi Ue

Mezzo milione di nuovi posti di lavoro in Polonia soprattutto tra i giovani tra il 2014 e il 2020, grazie agli investimenti che saranno finanziari dai fondi europei. Lo ha annunciato il primo ministro polacco, Ewa Kopacz, presentando il lancio dei programmi operativi polacchi finanziati dai fondi Ue. In particolare, circa 4 miliardi di euro saranno destinati al miglioramento del trasporto pubblico urbano, oltre 10 mld saranno spesi per la ricerca scientifica connessa allo sviluppo economico, mentre 5 mld saranno investiti per migliorare il potenziale competitivo delle piccole e medie imprese, che costituiscono il tessuto imprenditoriale dell’economia polacca. Il resto dei fondi Ue andra’ poi a finanziare i grandi investimenti infrastrutturali, in particolare il completamento della rete di autostrade e superstrade e la modernizzazione delle linee ferroviarie.