Questo sito utilizza cookie tecnici, analytics e di terze parti.
Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie.

Tirocini Erasmus per la pubblica amministrazione

Programma di “tirocini brevi”

Si tratta di un programma di formazione istituito dalla Commissione Europea e amministrato dalla Scuola Europea di Amministrazione in favore dei funzionari delle pubbliche amministrazioni centrali, regionali o locali dei Paesi membri, con un’anzianità di servizio compresa tra 6 mesi e 5 anni e impiegati in settori inerenti le questioni europee (la cui attività potrebbe includere, ad es., seguire gli sviluppi di un argomento trattato in un Ente dell’UE; avere un’interlocuzione periodica con istituzioni o organismi UE; partecipare alla fase ascendente o discendente del diritto UE; partecipare  all’esecuzione di un progetto o programma della UE, etc.). Il tirocinio, della durata di circa dieci giorni, consta di una serie di visite e di presentazioni tenute da relatori di alto livello delle principali istituzioni dell’U.E. e di un periodo di affiancamento di un funzionario comunitario.

Obiettivi del Programma

Gli obiettivi che il programma si propone sono:

  • aumentare la conoscenza e la comprensione delle istituzioni europee, dei loro processi decisionali  e delle loro politiche;
  • promuovere la cooperazione amministrativa tra le pubbliche amministrazioni dei paesi partecipanti e le istituzioni europee al fine di contribuire ad una approfondita conoscenza reciproca;
  • offrire ai partecipanti la possibilità di creare contatti e relazioni tra loro e con rappresentanti delle istituzioni europee;
  • migliorare la comprensione reciproca dei diversi approcci amministrativi degli Stati membri;

Requisiti per l’ammissione

Per partecipare al programma è necessario essere in possesso dei seguenti requisiti:

  1. essere cittadino di uno Stato membro;
  2. possedere una anzianità di servizio di  almeno 6 mesi e massimo di 5 anni, alla scadenza del bando;
  3. essere un funzionario che si occupi di questioni relative all’Unione Europea in qualità di dipendente presso una pubblica amministrazione centrale, regionale o locale di uno Stato membro;
  4. non essere mai stati impiegati o aver svolto tirocini presso le Istituzioni Europee;
  5. essere impiegati ad un livello equivalente a quello europeo di AD e in un settore che si occupa di questioni attinenti all’Unione Europea;
  6. avere una buona conoscenza operativa della lingua inglese.

Trattamento economico

La Commissione provvede unicamente alle spese di alloggio a Bruxelles limitatamente al periodo del tirocinio; sono escluse pertanto quelle relative ai pasti e agli spostamenti (locali e internazionali). Non è previsto il pagamento di alcuna diaria.

Le Amministrazioni di appartenenza devono assicurare la retribuzione e gli oneri previdenziali ed assicurativi di ciascun partecipante durante il periodo del tirocinio.

Presentazione delle candidature

Ciascuna Amministrazione di appartenenza dei candidati potrà proporre una sola candidatura, inviando curriculum vitae del candidato, nulla osta, nota di accompagnamento e una copia in formato pdf del modulo di richiesta per il “job-shadowing” da compilare online (v. Modulistica e Posizioni aperte).

Comunicazione dell’esito

L’esito delle candidature sarà reso noto alle Amministrazioni di appartenenza dei candidati dopo la relativa notifica da parte della Commissione Europea, cui compete la selezione definitiva. Per ulteriori informazioni è possibile inviare una richiesta scritta avvalendosi del modulo “Quesiti on line”, accessibile dalla finestra “Approfondimenti”. Eventuali contatti telefonici: Ufficio Relazioni con il Pubblico (URP)

 

La partecipazione ai tirocini Erasmus è riservata ai funzionari delle Pubbliche Amministrazioni. Le candidature non possono essere presentate dai singoli candidati ma esclusivamente dalle rispettive Amministrazioni di appartenenza. I criteri di selezione dei candidati sono definiti in autonomia dalla Commissione europea, che comunica l’esito della procedura di selezione al Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale. Quest’ultimo provvede poi a dare notizia dell’avvenuta selezione tramite comunicazione diretta alle Amministrazioni di appartenenza dei soli candidati selezionati.