Questo sito usa cookies per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookies da parte nostra OK Approfondisci
Governo Italiano

L’Italia partner dell’Associazione dell'Oceano Indiano

التاريخ:

07/11/2019


L’Italia partner dell’Associazione dell'Oceano Indiano

In occasione della riunione dei Ministri degli Esteri dell’Associazione rivierasca dell'Oceano Indiano (Indian Ocean Rim Association – IORA), l’Italia è stata accolta con ampio consenso dai Paesi membri come dialogue partner di questa importante  organizzazione regionale.

La riunione ministeriale, svoltasi ad Abu Dhabi, ha anche sancito l’inizio della presidenza emiratina della IORA, organizzazione nata nel 1997 dai seguiti di una visita di Stato dell’allora Presidente sudafricano Nelson Mandela in India, ha l’obiettivo di facilitare gli scambi e gli investimenti tra i Paesi membri e promuovere la cooperazione economica sostenibile ed alcuni settori prioritari: agevolazioni per il commercio e gli investimenti; sicurezza marittima; gestione della pesca; gestione dei disastri; collaborazione accademica, scientifica e tecnologica; turismo e scambi culturali.

La membership IORA include in un campo d’azione comune Europa, Africa e Asia, ponendosi come ideale interlocutore per il nostro Paese nella visione di un “Mediterraneo allargato”. Paesi membri IORA sono infatti Australia, Bangladesh, Comore, Emirati Arabi Uniti, India, Indonesia, Iran, Kenya, Madagascar, Malesia, Mauritius, Somalia, Mozambico, Oman, Seychelles, Singapore, Sud Africa, Sri Lanka, Tanzania, Thailandia, Yemen. Gli altri partner di dialogo della IORA sono Cina, Egitto, Francia, Germania, Giappone, Gran Bretagna, Stati Uniti.

Dal 2014 il settore della blue economy è stato inserito nelle priorità IORA, acquisendo crescente importanza nel corso degli anni. L'Italia, considerato il suo ruolo nel Mediterraneo e il tradizionale sostegno a politiche volte a promuovere blue economy e attività legate al settore marittimo, alla navigazione, alla pesca, alle tecnologie blu, al turismo costiero e alle energie rinnovabili, aveva avviato lo scorso 27 marzo la procedura per ottenere lo status di dialogue partner dell’organizzazione.


29025
 Valuta questo sito