Questo sito usa cookies per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookies da parte nostra OK Approfondisci
Governo Italiano

Riunione annuale del Comitato Nazionale per l’Azione Umanitaria contro le Mine Antipersona

التاريخ:

10/06/2019


Riunione annuale del Comitato Nazionale per l’Azione Umanitaria contro le Mine Antipersona

whatsapp image 2019-06-10 at 15.25.22
La Vice Ministra per gli Affari Esteri e la Cooperazione Internazionale, Emanuela Del Re, ha presieduto oggi alla Farnesina l'incontro annuale del Comitato Nazionale per l'Azione Umanitaria contro le Mine Anti-persona, al quale hanno partecipato i principali soggetti della società civile attivi nel campo dello sminamento umanitario.

Il forte impegno dell’Italia per l’universalizzazione delle Convenzioni contro le Mine Antipersona e contro le Munizioni a Grappolo si sostanzia sia nell’azione politica per assicurare la piena applicazione di tali strumenti internazionali, con il finanziamento di iniziative: di bonifica di territori contaminati, di informazione della popolazione e di assistenza ai sopravvissuti in diverse aree del mondo. Grazie al Fondo per lo Sminamento Umanitario, nel 2019 sono previsti interventi per oltre 4 milioni di euro (con un aumento rispetto al 2018) in Afghanistan, Colombia, Iraq, Palestina, Siria, Sudan, Somalia, Yemen. Ulteriori interventi sono pianificati in Ucraina e Repubblica Democratica del Congo su altri fondi della Cooperazione Italiana.

“L’Italia” – ha indicato la Vice Ministra – “ai Paesi contaminati dalle mine offre in particolare: fondi, expertise e conoscenze tecniche, oltre che la propria esperienza nel settore. Le Forze Armate italiane sono infatti direttamente impegnate in operazioni di bonifica dei residuati bellici esplosivi nei teatri esteri e di addestramento di sminatori.”

Nel ringraziare sentitamente partecipanti e volontari della società civile per l’impegno profuso, la Vice Ministra Del Re ha tenuto a sottolineare come i loro sforzi contribuiscano al profilo di indiscusso prestigio che l’Italia ha guadagnato tra i donatori internazionali impegnati in attività umanitarie.


28418
 Valuta questo sito