Questo sito usa cookies per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookies da parte nostra OK Approfondisci
Governo Italiano

Cooperazione; Sereni, enti locali e associazioni per lo sviluppo sostenibile

التاريخ:

14/09/2021


Cooperazione; Sereni, enti locali e associazioni per lo sviluppo sostenibile

“C’è una Italia che coopera, tanti enti e associazioni, molti giovani, ragazze e ragazzi che contribuiscono attivamente a un sistema, quello della cooperazione, che riesce a ottenere risultati straordinari: bisogna far conoscere gli sforzi di quest’Italia”. Lo ha dichiarato la Vice Ministra degli Esteri Marina Sereni all’inaugurazione della campagna #InsiemepergliSDG a Prato, promossa dal MAECI e da altri partner per sensibilizzare l’opinione pubblica sugli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile delle Nazioni Unite, gli SDG, e sul lavoro della Cooperazione Italiana e dei suoi partner.

“Questa campagna - ha spiegato Sereni - è una tappa importante di una più ampia strategia di comunicazione del MAECI per portare i grandi temi della cooperazione nelle case degli italiani con il coinvolgimento degli enti locali per raggiungere il traguardo posto dalle Nazioni Unite con l’Agenda 2030. Per questo è particolarmente importante lo sviluppo di collaborazioni e partnership con gli enti locali, ma anche con università, enti culturali e organizzazioni della società civile, ognuno dei quali è un attore fondamentale della nostra cooperazione allo sviluppo”.

“Attivarsi per l’Agenda 2030 e i suoi obiettivi - ha detto ancora Sereni - è oggi ancora più importante, alla luce del Covid-19, il cui impatto ha aumentato le diseguaglianze, soprattutto in alcune regioni del mondo, reso più difficile il perseguimento degli SDG e messo in luce in particolare la condizione di difficoltà di tante bambine e bambini. Per questo è molto importante la collaborazione con Save The Children, per coinvolgere i giovani e per costruire insieme a loro un mondo migliore, più equo e sostenibile. Ed è importante - ha concluso la Vice Ministra - farlo con una città come Prato, da sempre una delle realtà più multietniche d’Italia, da cui può venire un contributo prezioso anche grazie alla partecipazione delle diaspore”.


42844
 Valuta questo sito