Questo sito usa cookies per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookies da parte nostra OK Approfondisci
Governo Italiano

Cile: Italia dona attrezzature sanitarie nuova generazione

التاريخ:

10/06/2021


Cile: Italia dona attrezzature sanitarie nuova generazione

L’Ambasciata d’Italia in Cile continua a supportare il Paese che attraversa un momento critico a causa della pandemia da Covid 19. Oltre ai 15 ventilatori già consegnati nei mesi scorsi, negli ultimi giorni sono arrivate altre tre macchine di nuova generazione che l’Ambasciatore d’Italia in Cile, Mauro Battocchi, ha consegnato all’ospedale San Borja.

Questa struttura sanitaria è fondamentale all'interno della rete metropolitana, con 24 servizi clinici e 56 specialità mediche è un punto di riferimento per le emergenze infantili e uno dei principali poli di maternità della capitale. La donazione, che si inserisce nel progetto #ItaliaConChile, cui partecipano aziende italiane che operano in America Latina, ha l’obiettivo di aumentare i posti letto nei reparti di terapia intensiva di fronte all'aumento delle persone intubate o a rischio vitale.

 

cile appro

 

"Il rapporto tra Italia e Cile si basa su forti legami umani ed empatia – ha dichiarato l'Ambasciatore Battocchi consegnando le nuove attrezzature - Oggi stiamo facendo un piccolo passo per aiutare le persone che hanno bisogno di ossigeno. Continueremo a lavorare su questo con determinazione". La donazione è stata finanziata da AFP PlanVital e si aggiunge ai ventilatori già donati e alla missione dei medici italiani che si sono recati a Santiago durante la prima ondata della pandemia, tra luglio e agosto 2020.

Alla cerimonia di consegna delle nuove macchine sanitarie hanno partecipato, tra gli altri, la direttrice dell'ospedale San Borja, Sofia Aros; il direttore del Servizio Sanitario Centrale, Jorge Wilhelm, e il direttore generale di PlanVital, Andrea Battini. "Siamo molto grati per la donazione di queste attrezzature di qualità. Grati a nome di tutti i nostri pazienti in quanto ogni ventilatore è un altro paziente che può avere un trattamento adeguato", ha dichiarato Sofia Aros.  


42130
 Valuta questo sito