Questo sito usa cookies per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookies da parte nostra OK Approfondisci
Governo Italiano

Chongqing: il "Concerto dei Capodanni"

التاريخ:

13/01/2021


Chongqing: il

Lunedì 11 gennaio si è tenuto, presso il Guotai Art Center della Municipalità di Chongqing, l’evento “Concerto dei Capodanni - Celebrazioni per il 2021 e l’Anno del Bue”, esibizione musicale pensata per celebrare le relazioni Italia-Cina in occasione del nuovo anno.

Organizzato dal Consolato Generale d’Italia a Chongqing, con il supporto di Chongqing Guotai Art Center, l’evento ha visto la partecipazione di esponenti delle autorità e dei media locali, delle rappresentanze consolari straniere a Chongqing e della comunità italiana.

 

capodanni 1

 

“Nell’anno appena concluso, in cui si è celebrato il cinquantenario dello stabilimento delle relazioni diplomatiche sino-italiane, i nostri due Paesi si sono trovati ad affrontare molte sfide”, ha affermato il Console Generale Guido Bilancini nel suo discorso di apertura, “e ciò ha consentito di consolidare ulteriormente i rapporti di collaborazione in settori strategici”.

Il Console Generale ha poi sottolineato l’importanza che le cooperazioni in ambito musicale rivestono nelle relazioni tra Italia e Cina, considerate due vere e proprie “superpotenze culturali”.

 

capodanni 2

 

Conclusi i discorsi ufficiali, si è dato il via alla performance musicale, diretta dal Maestro Roberto Fiore, musicista e direttore d’orchestra napoletano con una lunga esperienza in Cina e in altri Paesi del mondo, e dal Maestro Zhou Shenghong, direttore permanente dell’Orchestra Sinfonica e dell’Opera di Chongqing e dell’Orchestra Sinfonica di Xiamen.

La prima parte del concerto si è focalizzata sulla musica tradizionale cinese con i classici brani di Capodanno, come Festival Prelude e Ages of burning passion.

La musica italiana è stata invece protagonista della seconda parte, con una presentazione di brani del periodo che va dal Barocco fino al ventesimo secolo.

 

capodanni 3

 

 


41070
 Valuta questo sito