Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK Approfondisci
Governo Italiano

Iran: Eni firma MoU per realizzazione studi di fattibilità su giacimenti di Darquain e Kish

Date:

06/26/2017


Iran: Eni firma MoU per realizzazione studi di fattibilità su giacimenti di Darquain e Kish

Eni ha firmato con la National Iranian Oil Company (Nioc) due Memorandum of Understanding (MoU) per la realizzazione di studi di fattibilita' dello sviluppo della fase 3 del giacimento petrolifero di Darquain e di quello gasifero offshore di Kish.

L’intesa prevede che la compagnia italiana presenti entro sei mesi una proposta di Master Development Plan.

Il giacimento petrolifero di Darquain e' molto ben noto a Eni, che ne ha sviluppato in passato le fasi 1 e 2. Il giacimento si trova tra le citta' di Khorramshahr e Ahvaz, nella provincia sud-occidentale del Khuzestan.

Si stima che le riserve del giacimento si aggirino intorno ai 5 miliardi di barili, di cui un quinto estraibili. Darquain produce attualmente circa 160.000 barili al giorno e si prevede che lo sviluppo della fase 3 possa incrementare la capacita' produttiva giornaliera di 50.000 barili.

Quanto al giacimento gasifero offshore di Kish - situato a 30 km ad est dell'isola di Lavan nel Golfo Persico - si stima che esso contenga circa 1,3 trilioni di metri cubi di gas naturale, con un potenziale di estrazione giornaliera di piu' di 500 milioni di barili di gas condensato.

Secondo un recente studio di British Petroleum, l'Iran risulta primo Paese al mondo (seguito da Russia e Qatar) per riserve di gas naturale possedute (33,5 trilioni di metri cubi) pari al 18% di quelle esistenti. Per le riserve di petrolio, esso si colloca al quarto posto - dopo Venezuela, Arabia Saudita e Canada - con una disponibilita' totale di 158,4 miliardi di barili di greggio.


25048
 Valuta questo sito