Pistelli - «Per rimuovere le cause di instabilità serve anche la cooperazione» (La Stampa)
Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK Approfondisci
Governo Italiano

Pistelli - «Per rimuovere le cause di instabilità serve anche la cooperazione» (La Stampa)

Date:

04/17/2015


Pistelli -  «Per rimuovere le cause di instabilità serve anche la cooperazione» (La Stampa)

«Dicono a volte che la cooperazione è solo una roba di nicchia - spiega il viceministro degli Esteri e della Cooperazione Lapo Pistelli - poi però non è un caso che quando c’è da dare un segnale alla Tunisia dopo l’attentato del museo si intervenga cancellando una parte del debito e convertendo un’altra in progetti di sviluppo. Lo stesso avviene quando si vuole aiutare l’Egitto a far ripartire l’economia, o quando si va nel Corno d’Africa per fermare l’esodo».

Insomma, la cooperazione allo sviluppo è utile...

«Questi sono anni in cui non è “utile”, è fondamentale. È lo strumento principale per affrontare le cause remote e profonde dell’instabilità e del disordine mondiale. Non è “un atto di carità” per lavarci la coscienza: è politica estera allo stato puro. Molti non lo hanno ancora compreso».

Però i dati dell’Ocse dicono che l’Italia continua a spendere molto poco per la cooperazione internazionale. L’obiettivo sarebbe lo 0,7% del Pil, siamo fermi allo 0,16%.

«Ci siamo impegnati a correggere questo dato, ma a partire da un dato realistico: l’Italia è un grande Paese, e per salire e arrivare allo 0,3% del Pil bisogna stanziare due miliardi. Tuttavia, nel Def appena approvato dal governo c’è un obiettivo importante e ambizioso: centrare lo 0,3% nel 2020, tra cinque anni».

Ma pochi mesi fa lei aveva affermato di voler raggiungere lo 0,3% nel 2017, e lo 0,5% del Pil nel 2023...

«C’è stato sicuramente un aggiornamento, non dico di no. Come obiettivo politico, io continuo a puntarci. Ma se si raggiungesse quota 0,3% nel 2020 stapperei lo champagne, perché vorrebbe dire mettere un paio di miliardi in più sugli aiuti allo sviluppo. E ricordo che il livello massimo toccato nel 1990 - altra economia, altra valuta - fu soltanto lo 0,42%. Quel che conta è far capire che queste risorse non sono spese, ma investimenti. In ogni caso per fortuna in Parlamento il clima sul tema della cooperazione è molto positivo, ed è importante che ci sia un ministro dell’Economia come Padoan, in grado di assicurare un percorso pluriennale».

Che anno è per la cooperazione questo 2015?

«È un anno pazzesco: a livello internazionale c’è la conferenza di Addis Abeba sulla finanza per lo sviluppo, quella di New York sulla nuova Agenda per lo sviluppo, a Parigi quella sul clima. Per noi italiani c’è anche Expo, e l’implementazione della legge 125, la riforma della cooperazione votata l’anno scorso. Morale della favola, a fine anno avremo i nuovi target e la nuova grammatica dello sviluppo. Addis Abeba ribadirà l’obiettivo dello 0,7% come impegno per i Paesi più sviluppati. Attuare la riforma vorrà dire anche lavorare sulla qualità della spesa, sull’impatto dei progetti, ma anche usare le risorse pubbliche per mobilitarne altre, di soggetti internazionali e privati».

A che punto siamo con l’attuazione della riforma?

«Gli adempimenti che dovevamo realizzare come ministero li abbiamo portati tutti a termine; alla vigilia dell’estate potremo lanciare il bando per la nomina del direttore dell’Agenzia, e a fine anno il nuovo sistema andrà a regime. È stato tutto troppo lento rispetto alle mie speranze, e rispetto al voto quasi unanime e molto rapido del Parlamento».


20501
 Valuta questo sito