«Gli italiani? All'estero ci apprezzano» - Ambasciatore Gabriele Altana (Il Resto del Carlino CESENA)
Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK Approfondisci
Governo Italiano

«Gli italiani? All'estero ci apprezzano» - Ambasciatore Gabriele Altana (Il Resto del Carlino CESENA)

Date:

07/26/2019


«Gli italiani? All'estero ci apprezzano»  - Ambasciatore Gabriele Altana (Il Resto del Carlino CESENA)

C'È ANCHE un romagnolo tra gli ambasciatori alla Conferenza che in questi giorni ha raccolto al ministero degli Affari Esteri tutti i capi delle missioni diplomatiche nel mondo. E' il cesenate Gabriele Altana, diplomatico di carriera dal 1991, oggi ambasciatore d'Italia a Helsinki.

Altana, qual è il suo legame con Cesena?

«Molto forte perché sono nato e ho frequentato tutte le scuole a Cesena, fino al liceo Monti. Poi sono andato a Roma all'università e poco dopo sono entrato nel servizio diplomatico alla Farnesina. Ma ci torno spesso perché ci vive mio padre e con mia moglie - lei molto più cesenate di me - frequento ancora gli amici del liceo».

La sua camera l'ha portata dall'Eritrea, al Canada, a Israele e ora in Finlandia. C'è un Paese che predilige?

«Mi sono trovato bene ovunque, con diversi livelli di responsabilità e in diverse fasi della vita. A 28 anni ero in Eritrea e mia moglie era il ventottesimo medico del territorio, con quattro milioni di abitanti. Spesso mancavano luce e gas e acqua, ma me ne sono andato con la morte nel cuore perché ho conosciuto persone straordinarie».

In Finlandia con mesi di luce e di buio, come si vive?

«Fa parte della quotidianità, del fascino del luogo. A parte questo, Italia e Finlandia condividono molti atteggiamenti e valori: amano le cose ben fatte, il lavoro ben eseguito, le tradizioni e sono fattori che pongono buone basi per intensificare la collaborazione a livello imprenditoriale».

Cosa dovremmo imparare dai finlandesi?

«A essere più lungimiranti, mentre loda noi, a essere un po' più elastici Amano l'assenza di imprevisto, sono considerati i più felici al mondo e forse il segreto della loro serenità è la capacità di separare in modo netto la sfera pubblica dalla sfera privata».

All'estero sono molti i romagnoli?

«Ne ho incontrati in tante occasioni: imprenditori, personalità della cultura e dell'arte. Negli ultimi trent'anni c'è stato un nuovo flusso di mobilità e molti fanno esperienze di studio e di ricerca. In Finlandia non sono tantissimi. Di recente hanno aperto un locale a Helsinki dove servono piadine ma devo ancora verificare se sono `autentiche' ...».

Qual è l'immagine degli italiani nel mondo?

«Più positiva di quella che hanno gli italiani che sono o eccessivamente ottimisti, pensando che nessuno possa competere con noi, o molto critici. Gli stranieri invece ci riconoscono delle qualità che trascuriamo e sono disposti a perdonare i nostri difetti più di quanto facciamo noi».

Quali sono gli obiettivi della Conferenza che si conclude oggi?

«Semplici e ambiziosi: fare il punto sul significato dell'azione che le ambasciate e i consolati svolgono a beneficio di cittadini, imprese, cultura, scienza in un contesto in cui le sfide aumentano e le risorse sono stazionarie».

Si parlerà anche di soft power, per l'Italia dato soprattutto all'immagine di bellezza e ricchezza culturale, su cui il nostro Paese può forse contare più di altri. Qual è la sua opinione?

«E' molto importante e lo deve rimanere perché è una declinazione ineludibile della nostra tradizione umanistica, artigianale e culturale. Non abbiamo grandi risorse naturali, né possiamo contare su una rendita geopolitica, siamo un paese che trasforma e crea valore aggiunto e lo diffonde nel mondo. Dobbiamo mantenere il nostro patrimonio di imprese, ricerca, cultura, nel settore del non profit, con tutte le forze, e arricchire questa immagine».

Nella sua carriera il suo essere romagnolo in che cosa l'ha aiutata?

«Per tre motivi. La curiosità: senza, non si può fare questo mestiere; una certa propensione a guardare l'aspetto pratico delle cose; la capacità di ascoltare: perché devo sempre capire le ragioni degli altri. Poi c'è la tradizione romagnola del confronto, aperto e vigoroso».


Location:

Roma

Periodical:

Il Resto del Carlino CESENA

Author:

Maria Neri

28609
 Valuta questo sito