Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK Approfondisci
Governo Italiano

«Sui migranti la Germania può essere alleata dell'Italia» Ambasciatore Luigi Mattiolo (Il Messaggero)

Date:

07/24/2019


«Sui migranti la Germania può essere alleata dell'Italia» Ambasciatore Luigi Mattiolo (Il Messaggero)

L’Italia e la Germania: amore, odio o indifferenza? Da otto mesi a Berlino come ambasciatore italiano, Luigi Mattiolo si è già fatto un'idea molto chiara di quanto siano forti i rapporti tra i due paesi europei. Forti e necessari, visto che condividiamo scambi commerciali da centinaia di miliardi di euro. E non c'è patto franco-tedesco che possa incrinarli. Il diplomatico è a Roma per la Conferenza degli ambasciatori e delle ambasciatrici, un incontro organizzato dalla Farnesina e considerato strategico per la politica estera del nostro Paese. 

Ambasciatore, l'Italia non rischia l'isolamento in Europa vista la stretta vicinanza tra Parigi e Berlino?

«La coalizione franco-tedesca ha radici storiche profonde, si deve pensare allo sforzo di conciliazione e riconciliazione tra i due paesi dopo la guerra. Ma, devo dire, che in questi primi mesi molto intensi di lavoro, ho avuto innumerevoli occasioni per rilevare quanto forte e condiviso nei vari ambienti, sia il desiderio di coinvolgere l'Italia e di allargare il rapporto anche tra Roma e Parigi».

In quale ambito?

«Soprattutto quando si affrontano i nodi per il sistema produttivo europeo, quando si parla di intelligenza artificiale, di mobilità elettrica, e di tutti quei settori dove ci si preoccupa di creare le premesse perché emergano quei giganti economici che possano competere su scala globale con la Cina e con gli Stati Uniti. In Germania abbiamo circa 800 mila italiani registrati. C'è una forte emigrazione giovane - ahimè - di persone molto qualificate nei settori dell'economia e dell'industria creativa».

L'idillio, però, sembra finire quando si tratta di affrontare la questione migratoria.

«L'argomento è molto divisivo. L'Italia è stata lasciata sola. Loro non sono vulnerabili come noi, non hanno frontiere marittime da proteggere. Anche se, come è emerso dall'incontro di Helsinki, è cresciuta la consapevolezza che la Ue non ha una politica migratoria, ma ha unicamente una politica che riguarda la gestione dei richiedenti asilo. E chiaro a tutti che la legislatura europea che si apre in questi mesi dovrà affrontare il tema seriamente. L'Italia può trovare nella Germania un forte alleato, non è sola in Europa».

Però, nel caso del comandante della Sea Watch3, la giovane tedesca Carola Rackete, sembra essere riemerso un forte sentimento anti-italiano.

«Questo è stato un caso clamo- roso. Leggendo gli articoli e le prese di posizione degli opinionisti tedeschi è sempre stato detto che il salvataggio in mare è un dovere, ma che da qui a pensare che possa scaturire la facoltà di contravvenire a delle leggi, ne passa parecchio. La Germania è un paese particolarmente legalitario. Non c'è stata nessuna sovrapposizione, nessuna confusione, tra l'idea del salvataggio di persone in difficoltà e l'idea che le leggi potessero essere facilmente contravvenute sulla base di un impulso etico, di natura diversa. A prescindere dalla pancia o dall'eco mediatico che c'è stato».

In che modo la crisi economica che la Germania sta vivendo potrà incidere sul nostro Paese?

«Berlino è il nostro primo partner commerciale, parliamo di 130 miliardi di euro nel 2018 con l'8 per cento di aumento in questi mesi. Esiste un innegabile rallentamento economico che loro definiscono a breve termine e attribuiscono soprattutto alle incertezze del mercato legate alle minacce delle guerre commerciali. Noi guardiamo con grandissima attenzione a questo andamento, anche perché abbiamo tassi di crescita minori rispetto a quelli tedeschi. Uno starnuto a Berlino è un raffreddore per l'Italia».


28600
 Valuta questo sito