Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK Approfondisci
Governo Italiano

Carlo Sforza

 

Carlo Sforza
  • Nato a Montignoso di Lunigiana il 24 gennaio 1872, deceduto il 4 settembre 1952.
  • Laureato in Giurisprudenza, diplomatico.
  • Entra in diplomazia nel 1896, ricoprendo una lunga serie di incarichi all’estero, fino a quando, nel 1921, Giolitti lo chiama a dirigere la politica estera italiana.
  • Nel 1922 è ambasciatore a Parigi, carica che abbandona all’avvento del fascismo. Nel 1927 è costretto ad emigrare.
  • Rientrato in Italia dopo il 25 luglio 1943, è Ministro senza portafoglio nel II Governo Badoglio e nel I Governo Bonomi.
  • Nell’immediato dopoguerra, è Presidente della Consulta Nazionale, membro della Costituente e, dal 1948, senatore.
  • Ministro degli affari esteri tra il 1947 e il 1950 nel III, IV, V e VI Gabinetto De Gasperi, firma il Trattato di pace con gli alleati e contribuisce all’adesione dell’Italia al Piano Marshall, al Consiglio d’Europa e all’Alleanza Atlantica.
  • Convinto assertore e artefice della politica italiana in senso europeistico, con De Gasperi porta l’Italia ad essere tra i membri del Consiglio d’Europa; il 18 aprile 1951 firma il trattato istitutivo della Comunità europea del carbone e dell’acciaio, con il quale l’Italia diventa uno dei Paesi fondatori della CECA.
  • Nel luglio 1951, è Ministro senza portafoglio, incaricato degli affari europei, nel VII Governo De Gasperi.

41
 Valuta questo sito