Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK Approfondisci
Governo Italiano

Primo anno del Ministro Frattini alla guida del Mae: le proposte e le iniziative dell’Italia

 

Primo anno del Ministro Frattini alla guida del Mae: le proposte e le iniziative dell’Italia

Il contributo alla Presidenza italiana del G8, la difesa dei diritti umani, il Medio Oriente, la situazione di crisi in Afghanistan,  la Nato e la Russia, i Balcani, ma anche l’Africa e la riforma dell’Onu senza tralasciare i problemi che riguardano il fenomeno crescente dell’immigrazione: sono i temi  che rientrano nel bilancio del primo anno del Ministro Frattini alla guida della Farnesina.

 

 

LA PRESIDENZA ITALIANA DEL G8 –  Tra le sue responsabilita’ la presidenza italiana ha il compito di ospitare e organizzare, oltre al Summit annuale, anche gli incontri preparatori  ai tre giorni del Vertice. Le priorita’: una governance mondiale, la lotta al terrorismo, la tutela dell’ambiente, il sostegno all’Africa ed ai Pesi in via di sviluppo

Approfondimenti:

Articolo del Ministro Frattini: "Vertici dei Grandi sempre più importanti ma la funzione del G8 resta strategica"

Il Ministro Frattini durante la Conferenza della Riunione dei Ministri del Lavoro e dell’Occupazione del G8

 

LA DIFESA DEI DIRITTI UMANI – L’Italia  tra le priorita’ della sua politica estera ha molto ben presente  la difesa dei diritti umani e se ne fà promotrice: dalla moratoria sulla pena di morte alla difesa dei diritti delle donne afghane, dalla difesa dei diritti dei cristiani in India e in Iraq alla netta presa di posizione in materia di razzismo e xenofobia, che ha motivato, quest’ultima, la  decisione di non partecipare alla Conferenza di Ginevra (Durban II).

Approfondimenti:

Lettera del Ministro Frattini: «Diritti umani: con Teheran fermezza e responsabilità»

Lettera del Ministro Frattini: «Chiederemo a Lukashenko il rispetto delle libertà»

Intervista al Ministro Frattini: «L’Ue non sa parlare con una sola voce»

Lettera del Ministro Frattini: “L’Italia in difesa delle donne in Afghanistan”

Lettera del Ministro Frattini: «In Afghanistan l’Italia non starà a guardare»

Conferenza Durban 2: Frattini, il testo sia immune da antisemitismo

Conferenza Durban 2, Ue, cambiare testo o non parteciperemo. Il Ministro Frattini, ''L’Italia ha smosso acque torbide''

Lettera del  Ministro Frattini: «La scelta dell’Italia di lasciare Durban II anche in difesa della libertà d’espressione»

Intervista al Ministro Frattini:«Diritti umani, Berlusconi preme con Putin. Un`opera di persuasione. Senza clamore»

Approvazione in Assemblea Generale della risoluzione sulla moratoria della pena di morte (New York, 18 dicembre 2008)

 Donne Afghane   I lavori della Conferenza di Durban  Assemblea Generale delle Nazioni Unite

 

IL CONTRIBUTO PER LA PACE IN MEDIO ORIENTE -  La posizione dell’Italia di principale alleato di Israele in Europa e paese amico del mondo arabo ha permesso di diventare una voce importante ed ascoltata nella regione e nella comunita’ internazionale. Il Ministro Frattini ha più volte ribadito che il messaggio di cui l’Italia si fa portatrice, insieme con l’Unione Europea ed in collaborazione con gli Stati Uniti, è il rispetto delle regole fissate dal Quartetto (USA-UE-ONU-Russia), la creazione di due Stati per due popoli ed il raggiungimento della pace in tempi brevi.

Approfondimenti:

Intervista al Ministro Frattini: "E' indispensabile un clima costruttivo"

Conversazione telefonica del Ministro Frattini con il Segretario di Stato USA Hillary Clinton in relazione alla sua  recente missione  in Libano e Siria

Intervista al Ministro Frattini: «La scommessa siriana»

Frattini: Assad vuole contribuire alla pace in MO e collaborare con l’Ue e con l’Italia

Italia-Libano: il colloquio con il Ministro Fawzi Salloukh. Frattini, per il Medio Oriente non ci sono alternative alla ripresa del processo di pace

Ue: riunione informale ministri esteri; Frattini, governo Israele si impegni per 2 Stati 2 popoli

Articolo dei Ministri degli Esteri Franco Frattini e Bernard Kouchner: “Il nostro impegno in Libano”

GAZA: Il Ministro Frattini consegna primi aiuti italiani per la popolazione palestinese. L’Italia primo Paese europeo ad inviare aiuti urgenti

Il Ministro Frattini durante l’incontro con il Segretario di Stato americano, Hillary Clinton   Il Ministro Frattini con il Presidente siriano, Bashar Assad, durante la visita in Siria   Il Ministro Frattini durante l’incontro con il Ministro degli Esteri siriano, Walid Moallem    Il Ministro Frattini con il suo omologo francese,  Bernard Kouchner  Il Ministro Frattini durante la consegna degli aiuti italiani a Gaza

 

AFGHANISTAN/PAKISTAN, ANCHE UN APPROCCIO DIPLOMATICO REGIONALE  La necessità di stabilizzare il confine tra Afghanistan e Pakistan occupa una posizione centrale e prioritaria nell’ agenda della politica estera italiana. Alla luce del rafforzamento militare e civile del suo impegno in Afghanistan, l’ Italia è convinta che il 2009 sia un anno cruciale per quella regione, anche in virtù della sua rilevanza strategica per la politica estera della nuova Amministrazione americana.

Per questi motivi, nell’ esercizio della Presidenza di turno del G8, l’ Italia ha voluto che l’ outreach della Riunione dei Ministri degli Esteri, in programma a Trieste dal 25 al 27 giugno, assuma una dimensione particolare, sia cioè dedicato alla regione Afghanistan-Pakistan, la cui stabilizzazione va perseguita nel suo insieme. Dopo una prima parte della Riunione Ministeriale, il cui formato sarà quello del Gruppo degli Otto, i lavori della Riunione Ministeriale saranno quindi allargati ad Afghanistan e Pakistan, come pure ai Paesi vicini ed agli attori regionali.

Approfondimenti:

Afghanistan: Conferenza Onu all’Aja, il Ministro Frattini, coinvolgere i Paesi vicini; l’Iran sembra volersi impegnare

Conferenza Onu all’Aja: Afghanistan, strategia complessiva in un contesto regionale

Afghanistan: da Roma, Washington, Mosca ‘’approccio regionale’’ strada per risolvere la crisi. Il Ministro Frattini: l’Italia e’ pronta a fare di piu’, ma e’ tutta l’Europa che dovrebbe fare di piu’

La Farnesina sulla stabilizzazione dell’Afghanistan

Visita del Ministro Frattini in Afghanistan

Il Ministro Frattini durante la Conferenza internazionale Onu sull’Afghanistan “Una strategia complessiva in un contesto regionale”    Il Ministro Frattini durante la Conferenza internazionale Onu sull’Afghanistan “Una strategia complessiva in un contesto regionale”   Il Ministro Frattini con il Presidente dell’Afghanistan, Hamid Karzai, nel corso del loro incontro

 

UNA ‘’ROAD MAP’’ IN 8 PUNTI PER ACCELERARE L’INTEGRAZIONE EURO-ATLANTICA DEI  BALCANI -. E' il piano italiano presentato, al vertice UE-USA di Praga, dal Ministro Frattini che aveva esortato i suoi  colleghi europei a inviare segnali "visibili e concreti" ai Paesi interessati (Serbia, Kosovo, Bosnia, Montenegro, Croazia, e Albania).

Approfondimenti:

UE-USA: Frattini presenta una road map in 8 punti sui Balcani

Articolo del Ministro Frattini: “Serve più Europa nei Balcani”

Il Ministro Frattini durante il suo incontro con il Presidente della Repubblica albanese, Bamir Topi, nel corso della sua visita in Albania   Il Ministro Frattini con il Ministro degli Affari Esteri serbo Vuk Jeremic, durante il loro incontro alla Farnesina

 

NATO –RUSSIA, L’APPORTO DELL’ITALIA – Per riannodare il filo del dialogo, in particolare durante e dopo la crisi georgiana, l’Italia ha contributo ad una piu’ corretta percezione interna ed esterna all’Alleanza della prospettiva di dialogo e cooperazione Nato-Ucraina e Georgia tenendo, nel contempo, aperti i canali di dialogo con Mosca ed evitando che si tornasse a vecchie contrapposizioni e ad un clima di guerra fredda.

Approfondimenti:

Intervento del Ministro Frattini al Convegno “Nuovi Rapporti NATO-Russia” (Roma, Camera dei Deputati)

Articolo del Ministro Frattini: "Nato, le relazioni con la Russia strategiche per la sicurezza europea"

Il Ministro Frattini con il Vice-Ministro degli Esteri russo, Alekxander Grushko, durante il loro incontro alla Farnesina   Il Ministro Frattini con il Presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, e il Presidente russo, Dimitrij Medvedev, durante la Cerimonia di consegna della Chiesa di San Nicola al Governo russo

 

ONU, RIFORMA, LA PROPOSTA ITALIANA -   Un Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite ‘’piu’ rappresentativo e piu’ efficace’’, che sia ‘’traghettato nel XXI secolo’’ , che riconosca ‘’il ruolo cruciale di stabilizzazione che, accanto agli Stati, svolgono le forze regionali’’, e nel cui seno l’Europa, ‘’ il cui processo di integrazione in politica estera e di sicurezza e’ ormai avanzato, possa parlare con una voce unitaria ‘’.  Sono questi alcuni temi centrali nella proposta di riforma del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite che l’Italia ha presentato ai 192 membri delle Nazioni Unite.

Approfondimenti:

 

L’intervista - Ambasciatore Terzi, cosi’ l’Italia propone di riformare il Consiglio di Sicurezza dell’Onu

Italia protagonista: riforma del Consiglio di Sicurezza delle N.U.

Il Ministro Frattini con il Sottosegretario Scotti e il Direttore generale Giansanti durante la Riunione Informale dei Ministri degli Esteri sulla riforma del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite

 

AFRICA -  L'Italia considera  l'Africa un attore importante per la soluzione dei problemi globali e regionali e la vede  anche come potenziale produttore di stabilità in considerazione di vari promettenti indicatori: il consolidamento istituzionale in atto in alcuni Paesi; la crescita economica degli ultimi anni; il processo di integrazione regionale fondato sul principio di ownership; la definizione di una strategia per lo sviluppo economico del Continente ed il partenariato con il mondo sviluppato  la sicurezza Sud-Sud.

Approfondimenti:

Italia-Africa: il Ministro Frattini in visita in Angola, Nigeria, Sierra Leone e Senegal (9-13 febbraio 2009)

La Farnesina sull’impegno dell’Italia per lo sviluppo del Delta del Niger

Il Ministro Frattini incontra gli operai durante la visita all’impianto idroelettrico di Bumbuna   Il Ministro Frattini durante la visita alla centrale idroelettrica di Bumbuna

 

IMMIGRAZIONE,  UN PIANO IN SETTE PUNTI PER CONTRASTARE QUELLA ILLEGALE - E’ la proposta del Ministro Frattini al Consiglio Affari Generali e Relazioni Esterne .Il Ministro ha sollecitato “un efficace quadro comune europeo di riferimento per affrontare l'immigrazione nel Mediterraneo, il cui onere non può essere sopportato esclusivamente dai Paesi in prima linea”.Il piano, secondo le indicazioni dell’Italia  dovrebbe essere formulato dalla Commissione prima della scadenza del suo mandato.

Approfondimenti

Il Ministro Frattini al CAGRE: Immigrazione, l’Italia propone un piano UE in 7 punti

Il Ministro Frattini con il Ministro degli esteri francese, Bernard Kouchner e l’Alto commissario per la politica estera e di sicurezza della Ue, Javier Solana durante il CAGRE   Il Ministro Frattini durante la Riunione informale dei Ministri degli Esteri dei Paesi mediterranei della UE “Olive Group”

 

IL CONTRIBUTO DEL MAE PER IL 'SISTEMA ITALIA' - Cabina di regia per l’Italia internazionale, Comitato strategico per lo sviluppo e la tutela all’estero degli interessi nazionali in economia, Intesa Governo e Regioni in materia di rapporti internazionali: sono questi tre obiettivi di 'governance' che la Farnesina ha raggiunto, frutto della propria capacita’ strategica , di impulso e di coordinamento che concorre al 'sistema Paese' e alla sua crescita all’estero.

Approfondimenti

'Sistema Italia' e Mae: gli obiettivi raggiunti

 

GESTIONE DELLE CRISI E FUNZIONAMENTO DELLA MACCHINA FARNESINA

Per la prima volta l’Italia ha messo a disposizione tre voli di stato per recuperare i turisti italiani bloccati in Thailandia;

La Farnesina ha collaborato con i governi stranieri per riportare a casa i nostri connazionali rapiti: due suore in Kenya; due cooperanti in Somalia; gli ostaggi di Mumbai; cinque turisti in Egitto; la recente liberazione di Piero Previdi (detenuto in una prigione sudanese per due mesi), anche grazie all’intervento dell’inviato speciale Boniver.

Predisposizione di voli di stato per il rientro in Italia dei turisti italiani bloccati in Thailandia    I cooperanti italiani Occhipinti e Paganini rientrano dalla Somalia dopo la loro liberazione  I connazionali italiani al rientro in Italia, dopo la loro liberazione a Mumbai    I cinque turisti italiani al loro rientro in Italia, dall’Egitto  Il tecnico italiano Piero Previdi sul volo che lo riporta in Italia, dopo il suo rilascio

 

SOLIDARIETA’

Crisi di Gaza: ottanta tonnellate d'aiuti umanitari inviati con due voli d'emergenza, e finanziamento delle agenzie delle Nazioni Unite, UNRWA, PAM e OMS;

Dieci bambini palestinesi, afflitti da varie patologie e che non avevano potuto trovare accoglienza nelle strutture sanitarie di Gaza, accompagnati dalle loro mamme hanno potuto lasciare Gaza e raggiungere alcuni ospedali pediatrici toscani;

E’ stato curato un bimbo libanese nell’Ospedale di Pavia;

Dieci bambini palestinesi accompagnati dalle loro mamme per essere curati in ospedali pediatrici toscani   Ospedale San Matteo di Pavia

 

TUTELA DEI MINORI

E’ stato dato un notevole impulso al settore della protezione ed assistenza dei nostri connazionali all’estero, con particolare riguardo al fenomeno dei bambini contesi: è stata pubblicata la guida “bambini contesi” – pubblicazione fondamentale per i genitori volta a prevenire il fenomeno della sottrazione internazionali di minori;

E’ stata creata una task force interministeriale, per gestire in modo coordinato ogni caso di sottrazione; positivamente risolti oltre 50 casi di sottrazione di minori.

>Guida per i genitori in formato Pdf

Il Ministro Frattini durante la conferenza stampa di presentazione di una Guida per i genitori sui bambini contesi

 

SEMPLIFICAZIONE, BUONA AMMINISTRAZIONE E INNOVAZIONE

Sono stati avviati tre innovativi progetti del MAE (semplificazione amministrativa, e-government, lotta alla corruzione) saranno premiati dal Ministro Brunetta in occasione del prossimo ForumPA nel quadro del Premio “Lavoriamo insieme”;

Il portale istituzionale www.esteri.it ha vinto numerosi premi;

Il MAE è il primo Ministero ad aprire un proprio canale su “YouTube” per favorire la divulgazione presso un pubblico giovane dei temi relativi alla politica estera dell’Italia e delle numerose attività realizzate dalla Farnesina e dalla sua rete all’estero;

E’ stato l’anno dell’avvicinamento dei giovani alla politica estera, attraverso il social network Facebook che ci ha permesso di interagire direttamente con migliaia di loro;

 

 

 

 


776
 Valuta questo sito