Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK Approfondisci
Governo Italiano

Iniziativa Centro Europea

 

Iniziativa Centro Europea

L’Iniziativa Centro Europea (InCE) è l’organizzazione regionale più antica e articolata operante nel Centro e Sud Est Europa. Istituita l’11 novembre 1989 a Budapest con il nome di “Quadrangolare”, nell’ambito del dialogo politico tra Italia, Austria, Ungheria e l’allora Repubblica Socialista Federativa di Jugoslavia, divenuta “Pentagonale” con l’ingresso della Cecoslovacchia nel 1990 ed “Esagonale” con l’ingresso della Polonia nel 1991, nel 1992 viene denominata Iniziativa Centro-Europea.
Oggi l’InCE è un forum intergovernativo di cooperazione regionale che conta 18 Paesi membri, di cui 10 sono membri UE (Austria, Bulgaria, Croazia, Italia, Polonia, Repubblica Ceca, Romania, Slovacchia, Slovenia, Ungheria), 5 sono inclusi nelle future prospettive di allargamento (Albania, Bosnia-Erzegovina, Macedonia, Montenegro, Serbia) e 3 sono beneficiari di politiche di vicinato (Bielorussia, Moldova e Ucraina).
Dal 1 gennaio 2014 l’Austria è succeduta all’Ungheria nella Presidenza di turno dell’Iniziativa.

L’InCE tiene annualmente una Riunione dei Ministri degli Affari Esteri, l’ultima delle quali si è svolta il 31 ottobre 2013 a Godollo (Budapest), mentre la gestione operativa fa capo al Comitato dei Coordinatori Nazionali, che si riunisce a cadenza periodica.
L’Iniziativa dispone di un Segretariato Esecutivo, che ha sede a Trieste, e di un Ufficio di collegamento tra l’InCE e la Banca Europea per la Ricostruzione e lo Sviluppo (BERS) di Londra, in parte dislocato a Trieste ed in parte a Londra. L’InCE e la BERS intrattengono infatti stretti legami di collaborazione, grazie al Fondo InCE presso la BERS, istituito dal Governo italiano nel 1992. Il funzionamento dell’InCE è assicurato da contributi obbligatori dei Paesi membri, tra cui l’Italia è il maggiore donatore.

I Paesi aderenti all’Iniziativa che non sono membri dell’UE vedono nell’InCE un saldo ancoraggio della prospettiva europea e una preziosa opportunità per acquisire standard comunitari. Proprio la capacità di impegnarsi nella cooperazione regionale è uno dei criteri prioritari presi in considerazione dalla Commissione Europea per misurare i progressi di un Paese nel percorso di avvicinamento all’UE. Data la sua composizione geografica, l’InCE promuove inoltre il dialogo tra macro-regioni, con particolare riferimento a quella danubiana, quella adriatico-ionica e a quella baltica. L’Iniziativa opera attraverso una dimensione governativa, una dimensione parlamentare ed una dimensione “Business”, ed i settori di attività includono sviluppo economico (clima, ambiente, energie rinnovabili, sviluppo d’impresa, turismo, trasporti, agricoltura sostenibile) e umano (formazione delle risorse umane, information society, media, scienza e tecnologia, cooperazione inter-culturale e tutela delle minoranze).


 


245
 Valuta questo sito