Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK Approfondisci
Governo Italiano

Settore Uova e Pollame - Importazioni nell’ambito di contingenti tariffari

 

Settore Uova e Pollame - Importazioni nell’ambito di contingenti tariffari

Regolamenti di base

Reg. (UE) 1308/2013 del Parlamento europeo e del Consiglio recante organizzazione comune dei mercati dei prodotti agricoli
Reg. (CE) 1301/2006 recante norme comuni per la gestione dei contingenti tariffari per l’importazione di prodotti agricoli soggetti a un regime di titoli di importazione
Reg. UE 2016/1237 del 18.05.2016 che stabilisce le modalità comuni di applicazione del regime dei titoli di import/export e di fissazione anticipata relativa ai prodotti agricoli.

Regolamento di settore: carni di pollame e tacchino; uova e ovoalbumina

Recante apertura e modalità di gestione di contingenti tariffari comunitari:

nel settore del Pollame:

Reg. 533/2007 - (1 luglio-30 giugno) - Paesi Terzi.

Reg. 536/2007 - (1 luglio-30 giugno) - USA, Paesi Terzi.

Reg. 616/2007 - (1 luglio-30 giugno) - Brasile, Thailandia, Paesi Terzi

Reg. 1384/2007 - (1 gennaio-31 dicembre) - Israele
Reg. 1385/2007 - (1 gennaio-31 dicembre) - Brasile, Thailandia, Paesi Terzi

nel settore delle Uova:
Reg. 539/2007 - (1 luglio-30 giugno) - Paesi Terzi

Periodo

Suddiviso in sottoperiodi.

Regime

Dazio doganale:

  • 0% (Reg.ti: 1384/2007, 1385/2007);
  • ridotto, secondo i vari Codici N.C., per gli altri Regolamenti (533/07, 536/07, 539/07, 616/07).

 

Richiesta di titolo/Titoli elettronici

Entro il giorno 7 del mese antecedente il sottoperiodo di riferimento, ad eccezione del Reg. 616/07 (entro il giorno 7 del 3° mese antecedente il trimestre di riferimento).

Le domande di titolo, redatte su carta intestata recante partita IVA della Ditta e firmata dal titolare o dal legale rappresentante della stessa, dovranno essere indirizzate al:

Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale – Ufficio XI
V.le Boston, 25 – 00144 Roma

Al fine di velocizzare le operazioni di sdoganamento, i titoli possono essere rilasciati anche in modalità elettronica, secondo le indicazioni di cui al seguente link: http://siie.sviluppoeconomico.gov.it

Nel far presente che la suddetta modalità non comporta alcun costo, si segnala l’opportunità di prendere visione di tutti i comunicati predisposti nel corso di questi anni per la diffusione dell’uso del titolo elettronico nella sezione COMUNICATI dell’Agroalimentare.

Per qualsiasi delucidazione relativa ai titoli elettronici, si può scrivere alla casella di posta elettronica dedicata: assistenza.siie@mise.gov.it

Cauzione

  • € 20/100 Kg. per i Reg.: 533/07, 536/07, 539/07, 1384/07;
  • € 50/100 Kg. per il Reg. 1385/07;
  • il Reg. 616/07 prevede: € 10/100 Kg. per i Gruppi 1, 4A, 4B e 7;
  • € 50/100 Kg. per i Gruppi 2 - 3 6A - 6B - 8;
  • Per i gruppi 5A e 5B: € 35/100 Kg. per i diritti e € 75/100 Kg. per i titoli


Al rilascio del titolo d’importazione la cauzione s’intende commisurata al quantitativo assegnato.

La cauzione può essere prestata:

  • in contanti, mediante deposito provvisorio nei modi d’uso presso la tesoreria provinciale competente per territorio, in relazione alla sede sociale del richiedente;
  • sotto forma di garanzia fidejussoria prestata da una banca o da una società assicuratrice autorizzata all’esercizio del ramo cauzioni, con sede nell’Unione europea
  • a valere su una garanzia fidejussoria cumulativa di importo non inferiore a 10mila euro e trasmessa in originale al Ministero

nota:

  • cauzione non dovuta fino a 100 Euro
  • cauzione non richiesta(*) oltre 100 Euro fino a 499,99 Euro

In tal caso, la domanda deve essere completata con la seguente dichiarazione

"La ditta si impegna, ai sensi dell’art. 18, par. 2 del Reg. UE 907/2014 a versare la somma equivalente a quella che avrebbe dovuto corrispondere se avesse costituito cauzione e se quest’ultima fosse stata successivamente in tutto o in parte incamerata"

(*) è facoltà dell’Amministrazione competente, ove lo ritenesse opportuno, decidere di non accettarla.

Rilascio dei titoli

I titoli sono rilasciati e i diritti sono concessi a decorrere dal 23° giorno del mese di presentazione delle domande.

Cessione dei titoli

I titoli d’importazione relativi al Reg. 61/2007 non sono trasferibili ad eccezione dei Gruppi 5A e 5B per i quali la cessione è possibile solo ad operatori (eleggibili) aventi gli stessi requisiti del titolare.

Validità

Dal 1° giorno del periodo o sottoperiodo di riferimento fino al 30 giugno dello stesso periodo contingentale.
Per i soli Gruppi 5A e 5B, e relativamente ai soli titoli, la validità è di 15 giorni lavorativi a decorrere dalla data di rilascio.

Obblighi in domanda

Il richiedente all'atto della presentazione della prima domanda per un determinato periodo contingentale, fornisce la prova di avere importato (Reg.CE 616/07) o importato o esportato (per tutti gli altri Regolamenti), durante ciascuno dei due anni precedenti almeno 50 tonnellate di prodotti di cui al Reg. (CE) n. 1234/07, All. I, Parte XIX (Uova), Parte XX (Carni di pollame).
Sempre con riferimento al Reg. CE 616/07, relativamente aiI Gruppi 5A e 5B il richiedente di un diritto di importazione dovrà fornire la prova di aver importato almeno 250 Tonn. del prodotto stesso.

Nella domanda di titolo deve essere indicato:

  • il riferimento al Regolamento;
  • solo uno dei Numeri d'Ordine;
  • il Paese di Origine.

La domanda di titolo deve vertere sui seguenti quantitativi:
Reg.ti: 533/07, 536/07, 539/07, 1384/07, 1385/07

  • minimo: 10 tonn.;
  • massimo: 10% del disponibile nel sottoperiodo di riferimento.

Reg. 616/07:

  • Per i quantitativi minimi e massimi richiedibili si rimanda all’All. I del Reg. Ue 302/2013.

Altri adempimenti

I titoli comportano l’obbligo d’ importare dal Paese di Origine, eccezion fatta per i seguenti Reg.ti:

  • 616/07 Gruppi 3, 6A, 6B, 8
  • 1385/07 Gruppi 3,6,8

Per i Gruppi 1, 2 e 4 del Reg. 1385/07, la domanda di titolo deve essere accompagnata da un contratto di fornitura che indichi che i prodotti a base di pollame richiesti siano disponibili per la consegna nell’Unione Europea nel corso del periodo contingentale.

Annotazioni particolari

La domanda deve essere presentata nello Stato Membro in cui il richiedente è stabilito e nel quale è iscritto nel registro dell’IVA (Reg. 1301/2006, Art. 5, comma 1).


Personale dedicato:

Dott. Giovanni RAMELLA ZAMPA Tel. 06 5993 2430 giovanni.ramella@esteri.it
Dott.ssa Rosetta LA ROSA Tel 06 5993 2508 rosetta.larosa@esteri.it
Sig.ra Maria Assunta POMPILI Tel. 06 5993 2284 mariaassunta.pompili@esteri.it
Sig. Marco BONAMANO Tel. 06 5993 2377 – marco.bonamano@esteri.it


37911
 Valuta questo sito