Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK Approfondisci
Governo Italiano

Progetti di ricerca scientifica e tecnologica bilaterale di “Grande Rilevanza”

 

Progetti di ricerca scientifica e tecnologica bilaterale di “Grande Rilevanza”

Il Ministero degli Affari Esteri ha la possibilità di co-finanziare progetti bilaterali di “Grande Rilevanza” a condizione che essi siano già stati selezionati ed inseriti in un Programma Esecutivo di Cooperazione Scientifica e Tecnologica tra l’Italia ed un Paese straniero. Il contributo del Ministero degli Affari Esteri consiste in un co-finanziamento al progetto e pertanto è inteso che un rilevante finanziamento al progetto provenga dall’Istituzione italiana proponente e/o da altre Istituzioni pubbliche o private dei due Paesi partner coinvolti nel Programma Esecutivo.

Per poter essere inseriti in un Programma Esecutivo, i Progetti di Grande Rilevanza devono possedere i seguenti requisiti specifici:

avere particolare valore e spessore scientifico; coinvolgere un consistente numero di ricercatori dei due Paesi partner nel Programma Esecutivo; generare per entrambi i Paesi partner importanti ricadute in termini di ricerca e di valorizzazione economica, favorendo possibili applicazioni industriali e attività di formazione.

Per poter ottenere il co-finanziamento, assegnato su base annuale, i progetti devono superare positivamente due selezioni:

1° fase: Presentazione preliminare del Progetto di Grande Rilevanza

Il responsabile scientifico deve presentare il progetto a seguito di un apposito bando, pubblicato in occasione dei rinnovi dei singoli Programmi Esecutivi all’indirizzo https://www.esteri.it/MAE/IT/Politica_Estera/CooperScientificaTecnologica/AvvisiIncaricoBandi.htm

Tra tutti i progetti presentati, i migliori vengono inseriti in un apposito elenco dei “Progetti di Grande Rilevanza” che fa parte integrante del Programma Esecutivo stesso. Soltanto questi progetti possono richiedere annualmente il contributo finanziario.

I progetti devono soddisfare i seguenti requisiti:

devono essere presentati da ricercatori di cittadinanza italiana (sono ammessi cittadini dell'Unione Europea legalmente residenti in Italia) e coinvolgere un gruppo di ricerca del Paese partner; devono riguardare esclusivamente i settori di ricerca indicati nel bando.

I progetti devono essere redatti in italiano (o in inglese se richiesto dal Paese partner), e devono contenere:

titolo del progetto, settore di ricerca, parole chiave, nomi e dati (qualifica, struttura di appartenenza, indirizzo, telefono, fax, e-mail) del responsabile italiano e del responsabile del Paese partner; descrizione delle unità di ricerca italiana e straniera; breve curriculum vitae del responsabile del progetto italiano e del responsabile del Paese partner con indicazione delle pubblicazioni collegate al progetto; descrizione del progetto: obiettivi dell’iniziativa bilaterale, necessità della collaborazione bilaterale, metodologia, risultati attesi e le eventuali ricadute positive per entrambe i Paesi; altri finanziamenti o risorse finanziarie disponibili oltre al contributo del Ministero degli Affari Esteri (il contributo del Ministero degli Affari Esteri consiste in un co-finanziamento al progetto e pertanto è inteso che un rilevante finanziamento al progetto provenga dall’Istituzione italiana proponente e/o da altre Istituzioni pubbliche o private dei due Paesi partner coinvolti nel Programma Esecutivo); indicazione del budget disponibile per il Progetto da parte della struttura richiedente; preventivo di spesa per il primo anno di attività relativo all’intero progetto e non alla sola quota cofinanziabile dal Ministero degli Affari Esteri.

La presentazione di un progetto di Grande Rilevanza esclude la possibilità di presentare un progetto di ricerca per la mobilità di ricercatori italiani e stranieri (vedi modalità di presentazione di progetti congiunti di ricerca per la mobilità di ricercatori italiani & stranieri) nello stesso Programma Esecutivo.

Ogni gruppo di ricerca può segnalare un solo Progetto.

La valutazione e la selezione dei progetti viene effettuata tenendo conto dei criteri stabiliti d’intesa con la controparte e riportati nel bando. L’inserimento nel Programma Esecutivo di Collaborazione Scientifica e Tecnologica dei progetti di Grande Rilevanza viene concordato definitivamente con la controparte al momento della firma del Programma Esecutivo. L’elenco dei progetti approvati dai due Paesi partner fa parte integrante del Programma Esecutivo.

2° fase: Finanziamento annuale dei progetti di Grande Rilevanza

L'inserimento del progetto nel Programma Esecutivo non implica automaticamente la possibilità di usufruire di un contributo. Dopo la firma del Programma Esecutivo, tale contributo può essere richiesto dal responsabile del progetto alla Direzione Generale per la Promozione del Sistema Paese di questo Ministero, ai sensi della Legge 401/90. La domanda di contributo deve essere presentata in base al bando pubblicato annualmente dall’Unità per la Cooperazione Scientifica e Tecnologica della stessa Direzione Generale all’indirizzo https://www.esteri.it/MAE/IT/Politica_Estera/CooperScientificaTecnologica/AvvisiIncaricoBandi.htm

Le domande di contributo vengono valutate da un’apposita commissione, alla quale partecipano rappresentanti del Ministero degli Affari Esteri e del Ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca.

Nella valutazione delle domande di contributo si tiene conto:

· della conformità della proposta annuale rispetto al progetto triennale inserito nel Programma esecutivo;

· dell’entità e della percentuale del cofinanziamento richiesto in considerazione delle disponibilità di bilancio dell’Unità per l’anno in corso;

· della qualità e congruità della relazione scientifica e del rendiconto contabile (per gli anni successivi al primo anno di attività);

· delle indicazioni di politica estera.

Il Ministero Affari Esteri comunica l’assegnazione del contributo annuale nei primi mesi dell’anno.

Il contributo assegnato sarà erogato l’anno successivo, a seguito della presentazione della relazione scientifica riguardante le attività svolte e del rendiconto contabile di tutti documenti di spesa riguardanti tutte le spese sostenute per la realizzazione del progetto.


369
 Valuta questo sito