Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK Approfondisci
Governo Italiano

La Sacra Notte - Il restauro

 

La Sacra Notte - Il restauro

Soggetto: La Sacra Notte 
Autore: Copia da Antonio Allegri detto il Correggio 
Datazione: Seconda metà sec. XVI 
Ubicazione: Praga 
Misure: 255 x 186 cm 
Materiale: Olio su tela 
Inventario MAE: 929 (2014) 
Codice ICCD: 01274186 
Stato di conservazione: Mediocre (da restaurare: la tela risulta allentata e risarcita in più punti, con un taglio in basso a sinistra. Evidenti rialzi della pellicola pittorica). 
Provenienza: Roma, Galleria Nazionale d’Arte Antica di Palazzo Barberini (1950) 
Documentazione:Archivio San Michele (Busta STRP Estero, P – Q, fasc. 6; Busta STRP Estero, R – T, fasc. 9; Busta STRP, SBAS Roma, Galleria Borghese, Galleria Spada, fasc. 5) Archivio storico Ambasciata d’Italia a Praga (Inv. gen. 2014) 
Bibliografia: L’opera completa del Correggio. Classici dell’Arte Rizzoli, presentazione di Alberto Bevilacqua Apparati critici di A. C. Quintavalle, Milano 1970; M. A. Lavin, Seventeenth-Century Barberini Documents and Inventories of Art, New York University Press, 1975; M.Spagnolo, Correggio. Geografia e storia della fortuna (1528-1657), Correggio 2005; Correggio e l’Antico a cura di Anna Coliva, cat. Mostra Galleria Borghese 22 maggio – 14 settembre 2008, Roma 2008 (con bibliografia gen.) 
Restauratrice: Fabiana Fondi, Patrizia Niceforo, Sabina Recchi

Supporto

Il dipinto presentava un precedente intervento di foderatura a colla di pasta. Soprattutto nella metà inferiore, avendo perso la sua capacità adesiva, il supporto originario presentava numerose sacche di distacco dalla tela di rifodero; inoltre era stato mal tensionato, inchiodato con chiodi non idonei. Il telaio in legno , con semplice traversa orizzontale, aveva perso tutte le zeppe di tensionamento, risultando rilassato con ampie zone di rilassamento e borse. I bordi lungo il perimetro erano quasi totalmente distaccati dalla tela di rifodero.

Pellicola pittorica

La superfice pittorica si presentava particolarmente offuscata dall’ alterazione delle vernici sovramesse, molti particolari del dipinto erano illeggibili e la fruizione del opera particolarmente compromessa. Dopo la rimozione dei depositi superficiali e i primi test di pulitura, si è potuta apprezzare la qualità tecnica del dipinto e i numerosi interventi di restauro, testimoniati da numerose piccole lacune presenti su tutta la superficie. La pellicola pittorica risultava in parte sgranata: tale condizione conservativa era molto visibile sulle superfici chiare, a nostro avviso, imputabili ad un intervento troppo drastico di foderatura.

 

plusINTERVENTI SVOLTI

 

plusFASI DEL RESTAURO


26541
 Valuta questo sito