Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK Approfondisci
Governo Italiano

Maputo 2011: XI Edizione della Settimana della Lingua Italiana nel Mondo

 

Maputo 2011: XI Edizione della Settimana della Lingua Italiana nel Mondo

Per la celebrazione in Mozambico della “XI Edizione della Settimana della lingua italiana nel mondo” la cultura italiana è stata protagonista di numerose iniziative che hanno spaziato dalla poesia, all’arte, dalla musica alla gastronomia e che, per la prima volta, hanno oltrepassato i confini della capitale toccando Inhambane, a 500 Km da Maputo, dove e’ attiva una cattedra di italiano


INCONTRI / CONFERENZE

Il titolo proposto quest’anno, “Buon Compleanno, Italia!”, e’ stato scelto dall’Ambasciata come titolo della III edizione del Concorso di poesia in lingua italiana per studenti dei corsi di italiano, che hanno partecipato con testi ispirati al tema patriottico ed alla poesia risorgimentale italiana. Sono stati premiati (in libri e denaro) sei vincitori, di cui quattro della stessa Facoltà di Lettere della UEM, sede del Lettorato ministeriale, e due allievi della Cattedra di italiano della Scuola di Turismo della UEM di Inhambane – giunti nella capitale per l’occasione. La premiazione si e’ svolta presso l’Aula Magna dell’UEM il 24 ottobre, alla presenza del Direttore della Facoltà di Lettere il quale – con la sua presenza ed un sentito intervento – ha voluto dimostrare l’apprezzamento per la consolidata presenza nell’UEM della lingua italiana, che, a partire dall’ anno accademico australe 2011, ha acquistato lo status di lingua curricolare opzionale, entrando nel piano di studi dell’Università.

Il concorso di poesia “Buon Compleanno Italia” è stato proposto anche alla scuola italiana “Giovanni Falcone” di Maputo dove, il 26 ottobre, si e’ svolta, alla presenza di una rappresentanza dei genitori, la cerimonia di premiazione, nel corso della quale i bambini hanno ricevuto premi in materiali scolastici ed hanno recitato alcuni dei loro componimenti in un momento di minima formalità e grande valore simbolico, in cui la dimensione istituzionale ha incontrato il quotidiano lavoro dei docenti e dei genitori, nell’intento di valorizzare ed incoraggiare l’opera educativa della scuola.

E’ stato organizzato, per il secondo anno consecutivo, un incontro con i membri del club “Amici dell’Italia” composto da ex borsisti mozambicani che, grazie alle borse offerte dalla DGCS, hanno potuto studiare in Italia, apprendendo la nostra lingua ed avvicinandosi alla nostra cultura. L’incontro, a cui ha partecipato anche il Professor Alberto Ferreira, formatosi in Italia ed ora docente di Filosofia nel Dipartimento di Sociologia della UEM, si è svolto in un clima di grande cordialità in cui tutti gli ex studenti hanno parlato in termini positivi della loro esperienza e si e’ potuta constatare anche l’utilità dell’istruzione ricevuta, dal momento che molti di loro, al rientro in Mozambico, hanno trovato occupazioni gratificanti .


CINEMA / SPETTACOLI

Uno spazio altrettanto rilevante è stato la proiezione del film “I Malavoglia” di Pasquale Scimeca e il concerto di pianoforte “Omaggio all’Italia” di Carlo Michini (rispettivamente, il 24 ed il 27 ottobre presso il Teatro Avenida)


MOSTRE

L’artista Branislava Stojanovic, formatasi a Roma, ha presentato opere che hanno accompagnato le quattro serate del “Festival di gastronomia italiana” in un noto albergo di Maputo (26/29 ottobre). Grande attenzione è stata riservata anche alla gastronomia italiana, espressione della nostra cultura apprezzata ad ogni latitudine. Al riguardo, accompagnati dal Preside e Vice-Preside, sono giunti dall’Italia due cuochi e due studenti dell’Istituto Alberghiero “Marco Gavio Apicio” di Anzio. Tale delegazione, oltre a portare le pietanze italiane a Maputo, ha avuto un incontro istituzionale e gastronomico con la Scuola Superiore di Turismo di Inhambane, concretizzatosi con l’avvio di colloqui per la sottoscrizione di un gemellaggio tra i due Istituti e la realizzazione, al termine di una giornata di lavoro comune, di una cena italiana molto apprezzata dalla comunità locale e dagli stranieri residenti.


1332
 Valuta questo sito