Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK Approfondisci
Governo Italiano

Conversioni debitorie (“debt swaps”)

 

Conversioni debitorie (“debt swaps”)

Le operazioni di conversione debitoria sono disciplinate dall’art. 54, comma 1 della Legge 27 dicembre 1997, n. 449 recante “misure per la stabilizzazione della finanza pubblica” (collegato alla Legge finanziaria 1998) e, sotto il profilo della disciplina delle operazioni, dai Decreti del Ministro del Tesoro 5 febbraio 1998 (G.U. n. 41 del 19.2.98) per i crediti commerciali e 9 novembre 1999  (G.U. n. 270 del 17.11.99) per i crediti di aiuto.

Il Club di Parigi prevede in linea generale che, su richiesta del Paese debitore con cui si negozia una ristrutturazione, previo esame caso per caso, e su base volontaria e bilaterale, possano essere concluse operazioni di conversione, sugli ammontari oggetto di ristrutturazione, senza limiti per i crediti di aiuto oggetto della ristrutturazione al Club ed in misura pari a non più del 20%-30% dei crediti commerciali (tale percentuale è più bassa per i c.d. “higher middle income countries”). Per questioni di trasparenza e nel rispetto dei principi dell’equità e della solidarietà alla base dei suoi lavori, il Club richiede informative (anche preventive) ai membri creditori sulle operazioni di conversione debitoria che, ove il Paese debitore non stia ottemperando agli obblighi sottoscritti in un’Intesa multilaterale, potrebbero essere previamente bloccate su richiesta di un singolo membro creditore.

Con la legge n. 296 del 27 dicembre 2006 (“Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato - legge finanziaria 2007) è stata introdotta una importante modifica alla normativa in vigore in materia di conversioni debitorie, prevedendo l’inclusione all’art. 5 della legge 209 della possibilità di effettuare operazioni di debt swap del debito concessionale, in assenza di una Intesa Multilaterale al Club di Parigi, oltre ai casi già previsti di calamità naturali e gravi crisi umanitarie, anche per partecipare ad iniziative promosse dalla comunità internazionale per il perseguimento degli obiettivi di sviluppo dei PVS.


276
 Valuta questo sito