Progressi in campo militare
Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK Approfondisci
Governo Italiano

Progressi in campo militare

 

 Progressi in campo militare

iad military progress

 

L’Italia è tra i Paesi che maggiormente contribuiscono alla formazione delle Forze di sicurezza e di polizia irachene, facendosi carico di quasi il 30% delle attività di formazione della Coalizione.  

Complessivamente, 26.500 unità sono state formate a sostenere il governo iracheno al fine di rafforzarne le capacità militari. Il totale raggiunge le 44.500 unità se vi si include le 18.000 unità della Polizia irachena formate dal Gruppo d’Azione per la Stabilizzazione dei Carabinieri.

Più specificamente, l’esercito italiano ha formato più di 17.000 unità in una varietà di campi come la fanteria, l’artiglieria, il contrasto agli ordigni esplosivi improvvisati (C-IED), i corsi di tiratori scelti e di intelligence e ha fornito varie tonnellate di attrezzature ai militari iracheni. 

Inoltre, le Unità di Forze Speciali italiane impegnate in attività di assistenza militare, hanno formato olte 9.500 unità di Forze Speciali in vari campi come l’antisommossa, la protezione personale, infrastrutture sensibili, corsi di specializzazione sul terrorismo (Special Purpose Course Terrorism), corsi per cecchini, tecniche di combattimento avanzate, corsi per paramedici militari e tiro a segno da vicino.

L’Aeronautica italiana ha sostenuto le attività della Coalizione con 23.000 ore di volo in operazioni di pattugliamento, trasporto, riconoscimento e soccorso e di rifornimento carburante  in volo.


26746
 Valuta questo sito