Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK Approfondisci
Governo Italiano

Esteri News - Il Notiziario della Diplomazia - 3 aprile 2008

 

Esteri News - Il Notiziario della Diplomazia - 3 aprile 2008

Mariangela Pira. Buongiorno  e benvenuti ad Esteri News, il TG della diplomazia italiana. Subito il nostro sommario con le principali notizie della settimana.

A Milano l’Expo 2015. L’Expo 2015 a Milano, che sceglie il tema  “Nutrire il Pianeta. Energia per la Vita”. Le parole del Ministro degli Affari Esteri, Massimo D’Alema, che ci spiega in che modo la Farnesina ha supportato la candidatura del capoluogo lombardo.

Piaggio e la moto elettrica. Israele. Piaggio brucia i tempi e punta sulla rivoluzione auto elettrica con la versione ecologica del modello Figaro Porter.

Il voto degli italiani all’estero. Il voto degli italiani all’estero. Con l’aiuto di un diplomatico entriamo dentro i meccanismi e le procedure di voto dei connazionali.

Mae: i prossimi appuntamenti. I prossimi appuntamenti della Farnesina. La presentazione del volume che racchiude gli atti della III Conferenza Nazionale Italia – America Latina, e l’avvio nei prossimi giorni della visita multimediale della mostra Nostoi, la grande esposizione sui capolavori ritrovati.

La copertina: a Milano l’Expo 2015. La copertina di oggi è dedicata all’Expo 2015 e alla vittoria di Milano, che ospiterà l’importante manifestazione. Vediamo il servizio a cura di Gianni Marotta.
Il verdetto di Parigi – Milano vince l’Expo 2015.
Gianni Marotta. L’esposizione universale ritorna in Italia, e Milano sarà la sua capitale nel 2015. Il responso uscito dalle urne del Palazzo dei Congressi di Parigi ha tributato alla capitale lombarda una vittoria sofferta ma attesa, 86 preferenze contro le 65 della turca Smirne. Per il capoluogo lombardo, capitale economica di un Paese che coltiva l’ambizione di tornare a crescere, il successo nell’assegnazione dell’Expo vale 20 miliardi di Euro. Un fiume di denaro utile per finanziare le strutture e creare nuovi posti di lavoro; 65 mila nuovi occupati nel quinquennio 2009 – 2015; 29 milioni di turisti che arriveranno in città; 3,22 miliardi di Euro per le infrastrutture, compreso una fermata della tratta ferroviaria alta velocità Torino – Milano. E poi, 270 milioni di Euro per la rete metropolitana; 72 milioni di Euro per nuovi parcheggi; 81 milioni di Euro per la costruzione di un nuovo villaggio residenziale; 60 milioni di Euro per opere tecnologiche. Milano, insomma, si accinge a diventare un grande cantiere che trascinerà di nuovo la ripresa economica italiana. Un successo importante, a cui ha contribuito con un opera efficace il Ministero degli Esteri, attraverso la rete di Ambasciate e Consolati.
On. Vittorio Craxi – Sottosegretario Mae. L’obiettivo dell’Italia era quello di trasformare l’Esposizione Universale in una grande occasione multilaterale, di salvaguardia di obiettivi del millennio. Ci siamo riusciti, interpretando una politica nazionale e internazionale, quindi è un doppio successo. Un doppio successo se si pensa alla situazione italiana, guardatela qui, che fa abbastanza tenerezza. Invece noi portiamo a casa un grandissimo risultato.
Mariangela Pira. La Farnesina ha promosso e supportato la candidatura di Milano. Nella prima intervista sentiamo la soddisfazione espressa dal Ministro degli Esteri, Massimo D’Alema. Di seguito, Claudio Moreno, il coordinatore generale della candidature di Milano all’Expo 2015, che ci spiega come, da un punto di vista tecnico, si promuove una candidatura del genere.
On. Massimo D’Alema – Min. Esteri. L’Esposizione Universale a Milano è per Milano e per l’Italia un evento straordinario. Ha una portata non solo simbolica, ma una portata economica, una portata politica, culturale, molto grande. E’ importante per come l’abbiamo raggiunto, attraverso una collaborazione tra il Governo, la città di Milano, la Regione Lombardia, la società civile, il mondo delle imprese, insomma, è stata un’operazione di successo corale, direi, e poi corona un’esperienza molto positiva, perché l’Italia, in questi anni, ogni qualvolta si è candidata per qualcosa di importante, dal Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite, al Consiglio dei Diritti Umani, alla Presidenza del Comitato Militare della NATO, ha sempre vinto. Quindi, è, insomma, un periodo davvero straordinario, che culmina con una vittoria di grandissimo valore.
Amb. Claudio Moreno – Coord. Expo 2015. La nostra strategia si è basata su una serie di visite in ciascuno dei 151 Paesi membri del BIE. E’ stato un nostro impegno che avevamo dichiarato fin dall’inizio al BIE, al Bureau International des Expositions, e che ci ha portato a visitare anche i Paesi più lontani e più piccoli, perché noi riconosciamo lo stesso tipo di dignità e lo stesso tipo di importanza a tutti i Paesi membri di questa Organizzazione. Tanto più che il nostro programma, il nostro titolo, come voi sapete, era “Nutrire il Pianeta. Energia per la Vita”, e quindi questo discorso era proteso soprattutto a grandi Paesi, diciamo, agricoli, ma anche a piccoli Paesi che devono lottare con la penuria, contro il problema della fame, contro il problema della malnutrizione, ecc. In questo noi abbiamo seguito le grandi linee dell’azione delle Nazioni Unite, i cosiddetti Obiettivi del Millennio, Millenium Development Goals, che sono stati una guida ed una priorità anche per il Governo italiano.

Le imprese italiane all’estero. La Farnesina promuove anche le imprese che si muovono all’estero, ed ecco le ultime notizie. Partiamo dal Qatar, perché i dati recentemente resi noti dall’ICE, aggiornati al novembre 2007, mostrano un trend in forte crescita dell’export italiano.
Qatar, continua il boom dell’export italiano. Nel periodo gennaio – novembre 2007 le esportazioni italiane verso il Qatar hanno raggiunto la quota complessiva di 1,4 miliardi di Euro, con un incremento del 59% rispetto allo stesso periodo del 2006.
Progetti Europa & Global fornirà impianto in Iraq. Per quanto concerne invece l’Iraq, Progetti Europa & Global di Roma è pronto alla firma con la South Oil Company per un contratto di 63 milioni di Euro, già approvato dal Comitato Interministeriale, per un impianto per il trattamento del greggio da destinare al Campo di Neb El Umar nella Provincia di Bassora.
Israele, Piaggio brucia i tempi. Ma c’è anche Piaggio che si sta muovendo molto bene all’estero, e punta alla moto ecologica, come sentiamo nel nostro servizio. Si chiama Better Place, ed è il progetto che Israele ha realizzato per diffondere l’uso dell’auto elettrica. Il Governo di Tel Aviv ha previsto una misura di tipo fiscale: l’eliminazione della Green Tax, la tassa sui veicoli elettrici. Dall’altro lato, ha dato il via libera per la realizzazione del servizio di assistenza per la ricarica delle batterie. Gli automobilisti potranno prelevare e consegnare batterie presso apposite stazioni di servizio. Più ne faranno uso, più diminuirà il costo. Il progetto porta la firma di un ex manager dell’ESAP, Shai Agassi, che ha ottenuto finanziamenti per 200 milioni di dollari, da fondi di investitori privati, e banche d’affari come Morgan Stanley. Il Gruppo Piaggio ha pronto il suo modello di auto elettrica per il mercato israeliano. Si chiama Figaro Porter ed è un’autovettura con un’autonomia di 250 chilometri, un motore tra i 12 e i 14 cavalli di potenza, e in grado di raggiungere la velocità di 58 chilometri orari. Sono due le versioni che l’azienda di Pontedera commercializzerà. Il veicolo per passeggeri, con la capienza massima di quattro posti, e quello commerciale, con un carico massimo di 560 chilogrammi.

Diplomazia Time.
Il dossier della settimana. Il dossier della settimana riguarda le procedure di voto dei connazionali che si trovano all’estero. La scheda di Davide Tenconi.
Elezioni politiche 2008 – Il voto degli italiani all’estero. In occasione della prossima consultazione elettorale  del 13 e 14 aprile, gli italiani residenti all’estero potranno partecipare, seconda volta nella storia, al rinnovo della Camera dei Deputati e del Senato della Repubblica. Sono quattro le ripartizioni della Circoscrizione Estero: Europa, compresi i territori asiatici della Federazione Russa e della Turchia; America Meridionale; America Settentrionale e Centrale; Africa, Asia, Oceania, ed Antartide. Complessivamente, saranno eletti 12 Deputati e sei Senatori. Gli elettori residenti all’estero riceveranno per posta il plico elettorale, foglio informativo, certificato elettorale, schede elettorali, e liste dei candidati, oltre una busta già affrancata recante l’indirizzo dell’Ufficio Consolare. La scheda elettorale dovrà pervenire alle Rappresentanze Consolari entro le 16:00 locali del 10 aprile 2008. L’elettore che alla data del 13 aprile 2008 non avrà compiuto 25 anni voterà soltanto per il rinnovo della Camera dei Deputati. All’interno del Decreto del Presidente della Repubblica in data 6 febbraio 2008 è presente l’elenco degli Stati in cui non è possibile votare per corrispondenza. Il voto è personale, libero, e segreto. E’ fatto divieto di votare più volte e di inviare schede per conto terzi. Chiunque violi le disposizioni in materia elettorale sarà punito a norma di legge.
Mariangela Pira. E proprio su questo tema, le procedure di voto dei connazionali all’estero, sentiamo, in collegamento da Roma, Antonella Fontana della Direzione Generale Italiani all’Estero del Ministero degli Esteri. Benvenuta, Dottoressa, e grazie per essere con noi. 
Antonella Fontana. Buonasera, grazie a voi.
MP. Dunque, iniziamo subito. Quali sono i cittadini che possono esercitare il loro diritto di voto all’estero per il rinnovo della Camera dei Deputati e per il Senato della Repubblica?
AF. Sì, possono esercitare il loro diritto di voto all’estero per corrispondenza i cittadini italiani residenti all’estero e gli iscritti all’AIRE, che è l’Anagrafe degli Italiani Residenti all’Estero. A questi si aggiungono alcune categorie di cittadini che risiedono in Italia e si trovano temporaneamente all’estero, e sono i militari, i dipendenti dell’Amministrazione dello Stato, e i professori e i ricercatori universitari. Questi ultimi, per potere esercitare il loro diritto di voto, e mi riferisco ai temporaneamente all’estero, devono avere presentato domanda al Consolato competente entro il 9 marzo. Inoltre, il Consolato deve avere ottenuto il Nulla Osta dal Comune di residenza in Italia.
MP. Molto chiaro. Gli elettori residenti all’estero e gli elettori temporaneamente all’estero, dunque, votano secondo le stesse modalità di voto.
AF. Non esattamente. Si tratta in entrambi i casi di voto per corrispondenza, ma con alcune differenze. I cittadini e gli elettori, quindi, residenti all’estero, votano per i candidati della Circoscrizione Estero. Possono esprimere le loro preferenze per i singoli candidati, e votano utilizzando una penna nera o blu. Mentre i cittadini temporaneamente all’estero, e quindi gli elettori temporaneamente all’estero, votano per le liste della Circoscrizione italiana in cui è inserito il Comune di Roma, non possono esprimere preferenze, e devono votare necessariamente con la matita copiativa che è contenuta nel plico elettorale che riceveranno. I militari inseriti in reparti organici, che rientrano nella categoria degli elettori temporaneamente all’estero, votano per la Circoscrizione elettorale italiana in cui ha sede il Comando di appartenenza.
MP. Ecco, adesso passiamo alla parte più tecnica. Che cosa deve fare un elettore che si trova all’estero per votare?
AF. L’elettore riceve, all’indirizzo indicato al Consolato, il plico elettorale, che contiene tutto il materiale elettorale necessario per l’espressione del voto. A questo punto l’elettore, che vuole esprimere il proprio voto, deve votare seguendo esattamente le informazioni e le istruzioni contenute nel plico elettorale. In particolare, deve evitare di apporre alcun segno di riconoscimento sulla scheda elettorale, oltre ovviamente all’espressione del voto, sul tagliando elettorale, e sulle due buste, quella piccola che contiene le schede elettorali, e quella grande preaffrancata che deve essere rispedita al Consolato. Le buste non devono riportare il mittente, né nessun segno di riconoscimento che possa fare risalire all’elettore. Inoltre, il voto deve essere rispedito seguendo le istruzioni nella busta preaffrancata al Consolato competente, in modo che arrivi entro le ore 16:00 locali del 10 aprile 2008.
MP. Molto chiaro. E un elettore che invece non abbia ricevuto questo plico elettorale, potrebbe capitare….?
AF. Sì, in questo caso l’elettore si deve rivolgere al Consolato e chiedere un duplicato. Ma voglio precisare che nel caso degli elettori temporaneamente all’estero il Consolato non potrà fornire un duplicato se, per quel elettore, il Comune di residenza in Italia non ha comunicato il Nulla Osta. 
MP. Bene, grazie per questi commenti, ringraziamo la nostra ospite Antonella Fontana della Direzione Generale degli Italiani all’Estero del Ministero degli Esteri.
AF. Grazie a voi.
MP. Grazie a voi per averci seguito, e adesso lo spazio agli Appuntamenti Esteri.

Appuntamenti Esteri.
Gli appuntamenti esteri. Quali saranno, dunque, i prossimi appuntamenti del Ministero degli Affari Esteri? Ne parliamo, in collegamento con Roma, con Pasquale Ferrara, Capo del Servizio Stampa della Farnesina e portavoce del Ministro D’Alema. Benvenuto, Dott. Ferrara, grazie per essere con noi.
Pasquale Ferrara – Capo Servizio Stampa MAE. Grazie a Lei. La prossima settimana noi avremo due iniziative importanti alla Farnesina. Una è di carattere politico, e l’altra è di carattere culturale. Il 7 aprile 2008 alle 14:00 il Sottosegretario Di Santo presenterà alla stampa gli atti della III Conferenza Nazionale sull’America Latina che si è svolta a Roma il 16 e 17 ottobre scorsi. Ovviamente, non si tratta solamente della presentazione di documenti. Sarà anche l’occasione per un bilancio politico dell’azione che negli ultimi due anni è stata svolta verso l’America Latina con un incremento notevolissimo di missioni, di relazioni bilaterali, di viaggi, di rapporti a tutti i livelli. Con l’America Latina abbiamo avuto anche rapporti attraverso l’Unione Europea. Ricordiamo che il prossimo maggio, dal 15 al 17 maggio, si svolgerà a Lima la Conferenza tra Unione Europea e America Latina. Quindi, sarà l’occasione anche per parlare di questo importante appuntamento.
La seconda iniziativa, di carattere culturale, riguarda la circuitazione in formato multimediale di una mostra che si è già svolta con successo a Roma, riguarda le grandi opere d’arte, soprattutto di carattere archeologico, che sono state recuperate nel mondo, e che sono state spesso anche restituite all’Italia. Questa mostra comincerà la sua circuitazione a partire dalla prossima settimana, dal 7 al 13 aprile si comincia con il Guatemala. Ovviamente, il formato è, come dicevo, multimediale. Sarà anche l’occasione per parlare di temi importanti come la tutela del patrimonio archeologico, la collaborazione tra grandi musei internazionali, e infine anche per sottolineare l’importanza delle missioni archeologiche italiane all’estero, che operano in un settore come quello del recupero dell’identità, che è così importante anche nel mondo della globalizzazione oggi.
Mariangela Pira. Bene, dunque, questi i prossimi due appuntamenti, ce ne saranno altri, ne parleremo insieme la prossima settimana, intanto La ringraziamo per essere stato con noi, Pasquale Ferrara, Capo del Servizio Stampa della Farnesina. Ancora complimenti per la vittoria all’Expo.
Pasquale Ferrara. E’ stata una vittoria dell’Italia. Grazie.
MP. Grazie a voi. E intanto noi ricordiamo che tutte le informazioni inerenti il Ministero degli Esteri le potete anche trovare sul sito www.esteri.it con tutti gli aggiornamenti in merito alle notizie, alle imprese, e che cosa stanno facendo all’estero. Dunque, noi ci ritroviamo la prossima settimana con Esteri News. Grazie per averci seguito. Arrivederci.


562
 Valuta questo sito