Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK Approfondisci
Governo Italiano

Esteri News - Il Notiziario della Diplomazia – 25 settembre 2008

 

Esteri News - Il Notiziario della Diplomazia – 25 settembre 2008

Mariangela Pira. Bentornati a Esteri News. Vediamo subito, con il nostro sommario, le notizie principali di questa edizione.

IL CONVEGNO ASPEN SU ISRAELE
”Dobbiamo lavorare perché Israele sia uno Stato sicuro”. Cosi’ il Ministro Frattini al convegno dell’Aspen Institute dal titolo ''Italia, Europa e Israele: come costruire una partnership privilegiata''

ITALIAN STYLE A CHICAGO
Moda, spettacolo, design, enogastronomia e turismo italiani. Parliamo dell’Italian style 2008 a Chicago: una tre giorni dedicata alle eccellenze del Bel Paese

SILICON VALLEY STUDY TOUR
Alla scoperta della Silicon Valley, l’impegno delle istituzioni per far conoscere la regione, leader mondiale delle tecnologie avanzate. Grazie anche alla presenza di aziende e ricercatori italiani.

GLI APPUNTAMENTI ESTERI
I prossimi appuntamenti della Farnesina vedranno protagonista la sessantatreesima Assemblea Generale delle Nazioni Unite

Il Ministro Frattini all’Aspen

Mariangela Pira. Il Ministro degli Esteri Frattini ha partecipato al Convegno organizzato dell’Aspen Institute dal titolo ''Italia, Europa e Israele: come costruire una partnership privilegiata''.

Franco Frattini. Noi condividiamo con lo Stato di Israele i valori fondamentali che sono alla base  di una democrazia moderna. Noi italiani, membri fondatori dell’Unione Europea…

Mariangela Pira.  “Possiamo tranquillamente dire che Israele sessant’anni dopo rappresenta una scommessa vinta perché è un Paese prospero e libero. Ora dobbiamo lavorare tutti perché sia anche uno Stato sicuro” ha detto Frattini, “la sicurezza di Israele rappresenta un diritto-dovere morale e per questo motivo il  processo di pace in Medio Oriente non può essere soggetto a condizione”. Per raggiungere lo scopo il titolare della Farnesina sostiene che vadano fatti dei passi in avanti in particolare sul fronte del partenariato tra lo Stato ebraico e l’Europa. “La crescita e il rafforzamento di Israele”,  ha rilevato il Ministro, “sono anche nel nostro interesse, favorendoli l’Europa aiuta anche sé stessa, dal momento che solo un equilibrio nel Mediterraneo può garantire forza all’Europa”. Di qui l’invito di Frattini ad attuare un nuovo accordo strategico Israele-Unione Europea recentemente approvato.

La crisi globale dei mercati

Mariangela Pira.  Della crisi globale del credito che imperversa sui mercati è possibile vedere le conseguenze sulle aziende europee e italiane. Tutte le aziende, soprattutto quelle pronte a investire vivono difficoltà di accesso al credito bancario e blocco delle forniture. Quali sono le prospettive e quali le soluzioni per cercare di risolvere la crisi. Lo abbiamo chiesto al Ministro delle Finanze francese Christine Lagarde.  

Christine Lagarde.
   La Francia, come Lei ben sa, è in questo momento responsabile della Presidenza dell’Unione Europea. La nostra ripresa vorrebbe basarsi su tre pilastri. Il primo riguarda le piccole e medie imprese che hanno sofferto maggiormente della contrazione finanziaria. Vorrei che fosse più facile per loro rifinanziarsi perché in questo momento la crisi non riguarda tanto  il Crédit France, che già c’è stato,  ma riguarda soprattutto il Crédit Suisse:  quindi una ristrettezza in termini di finanziamento che sta colpendo proprio le piccole e medie imprese. Io vorrei che la Banca Europea degli investimenti supportasse il finanziamento delle  piccole e medie imprese e questa è una piccola proposta concreta che porterà a un risultato concreto.
Il secondo punto invece è portare la stabilità finanziaria sui mercati. Abbiamo sofferto nell’ultimo anno di una forte instabilità finanziaria, per esempio proposte concrete: vorrei che le rating agency, quindi le agenzie di rating si registrassero in maniera appropriata; vorrei che ci fosse una maggiore supervisione dell’investment bank e poi vorrei che tutti quei prodotti finanziari particolari venissero controllati meglio. Ebbene sono proposte concrete che credo possano portare a una soluzione della crisi. In ultimo vorrei anche ricordare tutte quelle riforme a cui gli Stati dell’Unione Europea vengono chiamati. Ricordiamo le riforme che porteranno certamente a tutti quei parametri PIL e deficit richiesti dall’Unione Europea. Credo che i vari Stati all’interno dell’Unione Europea si stiano muovendo in questa direzione. 

La notte europea dei ricercatori

Mariangela Pira. “Frascati  Scienza” , in collaborazione con il CNR, l’ENEA, ESA-ESRIN,  INAF, INFIN e l’Università di Tor  Vergata,  organizza per il terzo anno consecutivo la notte europea dei ricercatori. La manifestazione che si terrà venerdì 26 settembre e che ha ricevuto il patrocinio del Ministero degli Affari Esteri sarà l’evento clou della settimana della scienza, nel corso della quale a Frascati i protagonisti della ricerca scientifica incontreranno il pubblico in occasione di dibattiti, proiezioni, conferenze, visite ai laboratori di ricerca, osservazioni stellari, spettacoli, musica e divertimento. Il progetto Researchers’ Night,  la notte dei ricercatori,   promosso dalla Comunità Europea si svolge contemporaneamente in più di 40 siti europei di cui 7 italiani. La  Sicilia (SEER), la Puglia, la Campania (GALILEO), il Lazio (LIGHT e EOS), la Lombardia (NITLAB), il Piemonte e Val D'Aosta (REPLAY).

Il Ministro Frattini in Egitto.

Mariangela Pira. Visita del Ministro Frattini in Egitto la scorsa settimana. Fitto il programma di incontri che ha compreso tra gli altri il Presidente  Mubarak, il Primo Ministro  Nazif, il Ministro degli Esteri Abul Gheit.  I colloqui sono stati incentrati sui più recenti sviluppi del contesto  mediorientale, in particolare sul processo di pace, nell’ambito del quale il Cairo ricopre un ruolo fondamentale. E’ stato inoltre firmato un importante Accordo-dono per la ristrutturazione delle ferrovie nazionali egiziane del valore di 8 milioni di euro, che si inserisce nella strategia italiana di collaborazione e sostegno per lo sviluppo  integrato di tutto il settore dei trasporti in Egitto. L’Accordo è stato salutato da parte egiziana come riprova della posizione dell’Italia di principale partner dell’Egitto e conferma del valore della partnership bilaterale.

Il Primo Ministro egiziano ha espresso grande riconoscimento per i programmi di cooperazione bilaterale nel settore della formazione e dell’educazione, “la creazione di una classe di lavoratori qualificati infatti”, ha detto il Primo Ministro all’On. Frattini,” è importante anche e soprattutto  in chiave di lotta al fenomeno dell’emigrazione clandestina”.

IL PROCESSO DI INNOVAZIONE DEL MAE

Mariangela Pira: il Ministero degli Affari  Esteri è stata la prima amministrazione ad aver implementato il servizio di telefonia tramite protocollo VoIP sul nascente servizio pubblico di connettività, anticipando le indicazioni previste dalla Finanziaria 2008 ed ottenendo notevoli  benefici sia in campo economico, sia nella qualità del servizio. Tutto il progetto è stato coordinato dalle strutture interne al Servizio; una dimostrazione di come sia possibile per un dirigente pubblico avviare progetti di grande rilevanza e in tempi rapidi mettendo semplicemente a frutto le competenze interne e chiedendo ai fornitori riposte precise a problemi reali.  Lo ha sottolineato il Ministro per la Pubblica Amministrazione e Innovazione, Brunetta il quale nel corso di una conferenza stampa ha presentato l’iniziativa “non solo fannulloni” intesa a riconoscere i meriti e a premiare i migliori nell’ambito delle amministrazioni pubbliche.


ITALIAN STYLE A CHICAGO

Mariangela Pira: e passiamo alla moda, allo spettacolo, al design, all’enogastronomia e al turismo italiani. E’ quanto attende infatti gli appassionati del gusto e della cultura italiana che visiteranno “Italian Style 2008”; una tre giorni dedicata all’eccellenza del Bel Paese che si terrà dal 19 al 21 settembre prossimo a Chicago presso la struttura fieristica di oltre 10.000 metri quadrati del  Navy Pier.  Organizzata dalla Italian American Chamber of Commerce Midwest, e grazie alla collaborazione del nostro Istituto italiano di Cultura a Chicago che intende sottolineare cosi’ la sinergia fra cultura ed impresa. La manifestazione si avvale tra gli altri della preziosa collaborazione dell'ENIT, del l'ITCP (Associazione di Tour Operator) Air One, CHN (Case New Holland – Fiat Group) quindi la divisione che si occupa di macchine pesanti del gruppo FIAT. La fiera rivolta sia agli appassionati di  made in Italy e ad istituzioni, operatori commerciali in cerca di partner, ospiterà i maggiori distributori, importatori e acquirenti del Midwest, tra cui Ferrari, Maserati, Lamborghini, Vespa, Air One, Regione Sicilia e Regione Abruzzo. L'occasione è favorevolmente fornita dalla mostra dedicata al famoso designer Enzo Mari che si  inaugurerà presso la sede del nostro Istituto di Cultura di Michigan Avenue giovedì 18 settembre  fino al 4 novembre 2008. Per maggiori informazioni, un invito a visitare il sito internet dedicato a questa manifestazione, l’indirizzo è: www.italianexpo.us presso la galleria stessa dell’istituto. 

CANALE DIPLOMATICO

SILICON VALLEY STUDY TOUR 2008

Mariangela Pira: la Silicon Valley è la regione più innovativa al mondo. Un gruppo selezionato di studenti universitari avrà l’opportunità di effettuare una visita alla regione leader mondiale nel settore delle tecnologie avanzate. Il viaggio organizzato dall’Associazione “ La storia nel futuro” con la collaborazione della Silicon Valley Italian Executive Council, e il patrocinio del Ministero degli Affari Esteri. Il Silicon Valley Study Tour alla sua quarta edizione con studenti provenienti dalle Università di Bologna, Genova, Novara, Pisa e Roma-Luiss e dai Politecnici di Milano e Torino. Dopo aver visitato altre 20 imprese, università e centri di ricerca della Bay Area gli studenti completeranno il loro viaggio all’Istituto Italiano di Cultura con la presentazione di nuove imprese e un bilancio dell’esperienza affrontata. Abbiamo chiesto un primo bilancio a Fabrizio Marcelli, Console Generale a San Francisco. Sentiamo cosa ha detto.

Francesco Marcelli: questa è un’iniziativa che viene assumendo di anno in anno proporzioni maggiori. Siamo arrivati quest’anno ad un gruppo di 30 studenti con 5 università e al seguito del gruppo c’erano professori di altre Università italiane che intendono aggiungersi all’iniziativa. Gli organizzatori, in particolare l’Associazione “La storia nel futuro” mi dice che nella fase di selezione in Italia sono sempre di più le domande di persone che chiedono di partecipare a questa esperienza molto decisiva per il loro futuro e trarre elementi utili di ispirazione per giovani che dopo gli studi universitari vogliono intraprendere una carriera imprenditoriale, conseguire un’esperienza integrativa a tutto campo nel mondo della Silicon Valley soprattutto avere un approccio con le imprese cosiddette self start-up,  imprese ad alto rischio che iniziano la loro attività aziendale.  Noi, per quanto ci riguarda, abbiamo cercato di assicurare dei contatti tra le imprese della Silicon Valley e l’organizzazione dello Study Tour. Molte imprese qui, sono dirette da imprenditori di origine italiana, sono molti anche i giovani che vengono qui per lavorare nel management di imprese internazionali oppure addirittura per costituire la propria impresa, quindi diciamo che il nostro compito principale è stato quello di fungere da nesso tra l’Organizzazione dello Study Tour e il mondo imprenditoriale italiano qui nella Silicon Valley.
Mariangela Pira. Anche Matteo Fabiano, Direttore generale di Your Truman Show.com, sollecita nuove forme di collaborazione tra imprese, istituzioni e università. Sentiamo cosa ha detto ai nostri microfoni.

Matteo Fabiano. Per gli studenti Silicon Valley Study Tour, è un’opportunità più unica che rara, di esporsi in prima persona alla realtà economica di Silicon Valley. Conoscere le aziende, gli imprenditori, i manager, toccare con mano quelli che sono gli elementi strutturali che fanno di Silicon Valley la culla delle innovazioni tecnologiche, ma anche toccare con mano una certa cultura, un modo di fare business basato su networking, sullo scambio di idee, sulla trasparenza. E dal punto di vista delle aziende, l’apporto di idee fresche e innovative è qui spesso considerato più importante dell’esperienza dell’individuo o del curriculum. E quindi il confronto con dei giovani, magari freschi di università, con nuove idee è una fonte di vitalità per le aziende. Spesso poi questi contatti si traducono in stages, in opportunità di lavoro. Le condizioni che hanno prodotto la Silicon Valley che conosciamo, ovvero la concentrazione di università, di capitale, di aziende, sono molto specifiche, francamente non credo possano essere ricreate in altri paesi. Detto questo, esistono modelli di business che permettono a aziende italiane di mantenere il know how tecnico, di investire nello sviluppo del prodotto in  Italia e al tempo stesso creare una testa di ponte commerciale negli Stati Uniti. La nostra azienda, per esempio, Terlich, il nostro prodotto, sono il risultato di un modello simile. La ricerca fine a se stessa, non crea innovazione. A Silicon Valley la ricerca è parte integrante dell’ecosistema imprenditoriale. Per sviluppare questo ecosistema, credo che occorrano nuovi modelli di collaborazione, molto più aperti e trasparenti, tra impresa, università e istituzioni. Con l’obiettivo di abbattere le barriere di ingresso alle nuove iniziative. Nel nostro piccolo abbiamo fondato Baya, sul modello associativo aperto, proprio con questi obiettivi.

AGENDA DELLA SETTIMANA

Mariangela Pira. Siamo così giunti all’appuntamento dedicato all’agenda della settimana, ci colleghiamo come di consueto con i nostri studi di Roma, dove per noi c’è Giuseppe Scognamiglio del Servizio Stampa del Ministero degli Affari Esteri.
Bentornato, e grazie per essere qui con noi.

Giuseppe Scognamiglio. Buongiorno, grazie a voi.

Mariangela Pira. E dunque, Consigliere, parliamo della 63ma Assemblea Generale delle Nazioni Unite, un appuntamento certamente importante. Quali saranno i punti principali da affrontare.

Giuseppe Scognamiglio. Si, bene. E’ in corso di svolgimento la 63ma Sessione dell’Assemblea Generale delle Nazioni unite: è un appuntamento, la Sessione ordinaria, che si svolge ogni anno normalmente fra settembre e ottobre. E in questo momento è in corso quello che è il Segmento, cosiddetto Segmento ministeriale, ovvero la parte più importante, a cui partecipano i Capi di Stato e di Governo e i Ministri degli Esteri per fare un po’ il punto sui grandi problemi internazionali,  il ruolo delle Nazioni Unite e il rilancio della stessa Organizzazione. L’Italia è rappresentata dal Ministro Frattini, il quale oltre a partecipare agli eventi propri previsti in qualità di Ministro degli Esteri, pronuncerà anche il discorso nazionale in Assemblea Generale in sostituzione del Presidente del Consiglio che non è potuto intervenire. Quest’anno sono numerose le tematiche che fanno un po’ da tela di fondo del dibattito in Assemblea Generale: i cambiamenti climatici, lo sviluppo, l’Africa, la crisi creditizia e finanziaria internazionale, la tutela dei diritti umani, il ruolo dell’Onu nelle principali aree di crisi. Sono previsti due grandi eventi centrati proprio sul discorso dello sviluppo e dell’Africa, uno si è tenuto il 22, e ha riguardato proprio i bisogni dell’Africa: pace, sicurezza, sviluppo, e l’altro invece dedicato agli obiettivi del Millennio, si terrà il 25, e questi obiettivi che si auspica che possano essere raggiunti entro il 2015. E’ prevista la partecipazione dei Capi di Stato e di Governo, oltre 80 fra Capi di Stato e di Governo. A latere i cosiddetti side events: vengono organizzati eventi collegati all’evento principale, la Sessione ministeriale. Sono molto numerosi, ne segnalerei in particolare uno che nasce su iniziativa italiana, insieme al governo britannico e al Comune di Milano, e riguarda proprio il contributo dei governi locali agli obiettivi di sviluppo del Millennio. In questo caso, netto e chiaro il collegamento con l’Expo 2015, che vedrà Milano come sede. Vi sono poi tutta una serie di incontri bilaterali e multilaterali, cui parteciperà il Ministro Frattini, non è possibile elencarli qui, ma segnalo tre importanti eventi: la Riunione ministeriale, Unione europea e Stati Uniti; la Riunione ministeriale Europea-Russia; e infine la consueta Riunione tra i Ministri degli Esteri dell’Unione europea.

Mariangela Pira. Certo anche il tema russo, è un tema molto caldo. Grazie dunque per essere stato con noi, al Consigliere Giuseppe Scognamiglio, Servizio Stampa lo ricordiamo ancora una volta, del Ministero degli Affari Esteri. Grazie ancora e alla prossima settimana.

Giuseppe Scognamiglio. Grazie a voi e arrivederci.

LE OPPORTUNITA’
Le opportunità de Mae

Mariangela Pira. Eccoci giunti a un nuovo spazio che inauguriamo oggi, dedicato alle opportunità più interessanti offerte dal Ministero degli Affari Esteri. I bandi e le gare per le imprese e per i giovani nel sito internet in sovrimpressione, potete vederli voi stessi: www.esteri.it/MAE/IT/servizi/Italiani/Opportunita/AL_MAE. E’ un servizio importante, visitandolo conoscerete le modalità per usufruire di questi servizi; se volete potete iscrivervi alla newsletter, nell’area interattiva del sito, concentrando le vostre preferenze sulle “opportunità” in modo da essere costantemente aggiornati. Tra le opportunità di questa settimana, ve ne segnaliamo tre: la prima con scadenza 3 ottobre 2008, il Governo della Repubblica tunisina ha dato mandato ad Agmin Italy, di bandire una gara pubblica per la fornitura di beni e servizi connessi, a favore del Ministero della Sanità, e dell’Ufficio Nazionale per il Trattamento delle acque reflue. La seconda con scadenza il 13 ottobre 2008 (ore 10 ora di Pechino), una gara in Cina per due tipi di contratti: il primo riguarda servizi di consulenza per l’addestramento professionale nella scuola normale di Jiangyou; il secondo contratto riguarda servizi di consulenza per l’addestramento professionale nelle scuole turistiche, di cucina e tessili di Mianyang. La terza proposta invece con scadenza il 15 ottobre 2008, riguarda un contratto in Albania. Un contratto per la ristrutturazione della sottostazione di Pogradec e la rete di distribuzione in MT/BT.
Queste dunque le opportunità della settimana, e vi ricordo che per ulteriori informazioni potete comunque fare sempre riferimento al sito del Ministero degli Affari Esteri: www.esteri.it , su viaggi, su servizi e sulle opportunità di cui abbiamo appena parlato. Sul sito internet avrete anche, come di consueto, la possibilità di rivedere questa puntata di Esteri News.
Ringrazio per averci seguito, e arrivederci alla prossima puntata.


651
 Valuta questo sito